Il blog di Ludwigzaller: Palla Strozzi

1198



Palla Strozzi fu uno dei più noti esponenti del Rinascimento fiorentino. Figlio di Cosimo e di Beatrice, sin dalla nascita il giovane Strozzi era talmente paffuto ed in carne da assomigliare ad una vera e propria palla di lardo, sicchè fu gioco forza per i genitori chiamarlo Palla.

In verità, tuttavia, questa spiegazione non ha mai soddisfatto gli storici, che hanno avanzato altre ipotesi riguardo a questo nome singolare. Secondo il Pitti, il celebre autore delle Istorie fiorentine, il rampollo degli Strozzi si sarebbe particolarmente dilettato nell’esercizio del gioco del calcio (che, come è noto, venne inventato in un momento di noia dai fiorentini del Rinascimento). Già a quel tempo, tuttavia, v’erano dei giocatori che, anzichè partecipare al gioco collettivo, si incamponivano nei dribbling in mezzo agli avversari e al fango, e cercavano di andare in porta da soli. Tra questi vi era il nostro Strozzi. Sicchè bisognava che i suoi compagni di gioco lo richiamassero al dovere, gridandogli: “Palla, Strozzi”. Inviti inutili, proteste vane: perchè solo raramente lo Strozzi cedeva il pallone, ma, presto circondato da parecchi avversari grandi e grossi, ne veniva privato.

Un’altra spiegazione, ancor più singolare di quelle che abbiamo ricordato, rimanda ai colossali banchetti che erano in uso a quell’epoca. Il Palla era uso ingolfarsi talmente di cibo in quelle circostanze che spesso gli amici dovevano redarguirlo: “(Ti) strozzi, Palla” essi dicevano. O anche: “Strozzi, Pallastrozzi”. Ma anche questa originale spiegazione viene rigettata da alcuni interpreti, i quali asseriscono essere lo Strozzi un uomo magrissimo, se non scheletrico ed emaciato.

Così apparirebbe da un passo delle Vite del Vasari nel quale sta scritto che il celebre carro del trionfo della Morte sarebbe stato sormontato da “uno ischeletro che pareva il Palla Strozzi”. Quel nome sarebbe quindi toccato al Palla per uno strano gioco del destino o gli sarebbe stato affibbiato da grande, ma per contrasto. Oppure, ed è questa l’ipotesi più probabile, esso conterrebbe una implicita allusione al grande tedio che lo Strozzi provocava in chi l’ascoltava, donde quel soprannome (“Palla”) che avrebbe alluso alla sua noiosità.

Tutto vero, ribadisce il Varchi, se non fosse che a detta di molti lo Strozzi era un uomo veramente poco sincero, un vero mentitore inveterato, tanto che, dopo che egli aveva pronunziato una certa affermazione inverosimile, subito si sentiva dire, anche durante le sedute del Consiglio de’ Duecento: “Palla, Strozzi”; e certe volte, aggiunge lo storico, la frase era pronunziata da tutto il Consiglio insieme, vale a dire da tutti i duecento. Si dice che il grido fosse tanto convinto, e tanto ad alta voce lo si sentisse echeggiare, che tutta la città apprendeva chi stesse in quel momento, nell’austero consiglio, prendendo la parola e quali reazioni avessero determinato le sue incredibili affermazioni. Nel tempo libero Palla Strozzi posò per l’affresco della Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano. Palla Strozzi un figlio, Pazzino Strozzi, che giocò come centravanti nella Fiorentina.

Nota: questo post riproduce la memoria “Sull’origine del nome Palla Strozzi” presentata, presso l’Accademia fiorentina di scienze lettere ed arti, il 25 ottobre 1936, dal professor Isidoro Del Lungo. Come è stato notato, molto dei dettagli storici riferiti sono inverosimili.

di Ludwigzaller

1198
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Tifoso
Gigliato

E se partendo Babacar si puntasse su Vlahovic? Brividi di paura e piacere.

maffe
Ospite
maffe

In tal caso Vlahovic si prenderebbe la maglia di Gori in primavera
… e Gori salirebbe in prima squadra. Forza Gori.

tuttavia io sento odore di attaccante over 30enne in arrivo

Pizzulaficu
Ospite

Mi pare d’aver letto che se non si libera un posto da estracom. Vlahovic non potrà essere tesserato. Spero di avere letto male o che magari si liberi un posticino.

Tifoso
Gigliato

Ieri ho avuto modo di ascoltare Gianni de Magistris in radio mentre ero in auto. Credo abbia delle difficoltà ad organizzare i suoi pensieri. Non è più brillante come un tempo, pare proprio invecchiato. Accanto aveva Flachi che ad ascoltarlo nelle ultime settimane penso che sia piombato nuovamente nel suo tunnel. Non riesce ad ascoltare, sormonta maleducatamente gli altri non lasciando mai parola, non aggiunge niente ed ha la voce impastata. Tutta questa premessa per fotografare uno spezzone della trasmissione radiofonica più seguita. Una trasmissione dove tutti si sono buttati a pesce nel clasico tutti contro tutti. Non ne è… Leggi altro »

Chiarificatore
Ospite
Chiarificatore

E qui siamo pienamente d’accordo.
Qualcosa del genere ho scritto in chiusura del mio commento all’ultima disastrosa partita.

maffe
Ospite
maffe

Faccio notare che i 3 giocatori con i piedi migliori stanno in panchina

Saponara
Eysseric
Gil Dias

e che tiriamo calci d’angolo e punizioni con Biraghi
(che grazie al cielo sa fare qualche cross decente)

Pizzulaficu
Ospite

Maffe senti UNO, dice che il secondo che nomini è grassottello e fa fatica a correre, io sono d’accordo con Uno, per gli altri due non sono d’accordo con te.
I giocatori tecnici devono dialogare con i pari grado, lì ne vedi tanti altri ?

maffe
Ospite
maffe

quindi se ne hai un paio boni li tieni in panchina perchè gli altri in campo sono scarsi ? suvvia.

non mi sono accorto Eysseric fosse grassottello

a me sembra che chi faccia fatica a correre sia Babacar e Thereau

Pizzulaficu
Ospite

Ribadisco che Esse lo vedo grasso e goffo come un tacchino, e mica glielo ordino io a Pioli chi mettere, e se non li vede manco lui si prova a capire. Saponara è e rimane per ora un caso clinico. Invece si vede che Gil lo ritiene troppo veloce di gamba e di pensiero rispetto a quelli con cui dovrebbe giocare, e quindi non lo mette. Per ora nessuno dei tre vale un decimo di quello che costano o ci potrebbero disgraziatamente costare.

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

Siamo proprio sicuri che i piedi migliori siano quelli di Gil Dias? In ogni caso è d’obbligo il singolare: usa solo il sinistro

Lucido
Ospite
Lucido

No Dias ha un solo pregio che corre e in una squadra di lentoni a centrocampo pare buono. In realtà è il classico mezzo giocatore sicuramente distante dalla valutazione di 20 testoni fatta dal Monaco.

maffe
Ospite
maffe

Che i piedi migliori li abbia Saponara penso sia fuori discussione. Solo io penso ci sia un problema di piedi in squadra ? Tant’è che appena scompare la “garra”, la grinta, la squadra fa pena. Su 27 tiri ne entra in porta solo 1 Il problema dei piedi in squadra permane. Tant’è che se giochi contro una squadra come il Verona che se ne sta in difesa, ti lascia il 70% di possesso per colpirti in contropiede, con quel 70% di possesso palla devi creare palle pericolose, non solo tiri a caso ad occhi chiusi. Gil Dias è l’unico in… Leggi altro »

BerardoViola
Tifoso
BerardoViola

Le Società a conduzione familiare, anche se legalmente spesso operino sotto forma di SPA, non sono necessariamente un modello di efficienza e di trasparenza. Molti corsi, alla Bocconi, sono dedicati ai problemi inerenti a queste forme di fare affari di tante famiglie importanti. Il Direttore Generale della Fiorentina, durante la sosta dopo i due pareggi in casa contro Inter e Milan e prima della débâcle contro la Sampdoria, si fa intervistare dalla Gazzetta e dichiara: “Le cose sono cambiate. Avevo trovato in società un rosso di 40 milioni e un monte stipendi di quasi 70, adesso invece i conti sono… Leggi altro »

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

“Sembravano tutti contenti di essere vivi e vegeti”…ogni intervento di Carlo è come una canzone/poesia di Lucio Battisti

maffe
Ospite
maffe

Io avrei gradito Zeman con una squadra così giovane.

Pizzulaficu
Ospite

Si vede che non ti basta il casino che c’è. Però sotto, sotto tempo fa me l’ero sparata anch’io

Pizzulaficu
Ospite

Sti’ Strozzi e c’hanno strozzato !

Carlo
Tifoso
carlo

Una correzione:: non sono amante, di per se stesso, in quanto tale, del gioco degli ottomila passaggi sistematici. Ma amo il coraggio (di squadra), i bei giocatori, l’arte del loro giocare a prescindere dalla bella figura che devono far fare all’allenatore annientandosi e annullando la loro personalità e intuito.

Carlo
Tifoso
carlo

Sono nel calcio da pochi anni. Gli anni della gioventù non contano. In questi anni ho sempre visto una cosa: allenatori “progressisti” che fanno crescere la squadra: Sarri, Giampaolo (soprattuto con l’Empoli) e Di Francesco (il Sassuolo è stata una squadra notevole per chi ama il calcio “non mi importa se sei più forte, io me la voglio giocare alla pari”). Da allora, indipendentemente da tutto, ho sempre guardato a questi allenatori “progressisti”, come li chiama Paolotto. Non so se siano realmente capaci, ma ho notato che cambiano le squadre: fanno fare loro un salto di qualità. E ciò che… Leggi altro »

Pizzulaficu
Ospite

C’è qualcosa di marcio in società, questo il messaggio tradotto dal pugliese all’italiano del pennuto. Credo che ci siano due fazioni in contrasto sia a livello dirigenziale che di spogliatoio. I cento milioni di euro per l’acquisto di una dozzina di atleti di cui solo due o tre possono considerarsi buoni, è la vergogna più evidente nell’operato di quest’uomo. Cosa che ho già scritto ieri. Sempre a mio modesto ed insignificante parere. Perché come anticipato a Gatto io di gioco, giochi ne capisco niente. Sono in modifica perché vorrei scusarmi con Gigliato che dettaglia cose simili, e diventa quasi automatico… Leggi altro »

Nessuno
Member
Nessuno

Corvinese pensato – Italopugliesecorvinese profferito. Son un incapace, un anno solo trequartisti, l’altro portieri, quando compro i terzini – ci sono anche alcuni che sperano che le cose non vadano bene per mettere l’humus sotto al presepe. Cortocircuito fra sinapsi.
Su tutto mi resta la sensazione sgradevolissima che le persone che pensano e dicono qualcosa di sensato, in questa fiorentina, debbano levarsi prima possibile da tre passi.

Articolo precedenteSettore Giovanile: dal Capezzano Pianore arriva il sedicenne Manfredi, dall’Arezzo Arnetoli
Articolo successivoDiritti tv: da Sky e Mediaset nuove offerte a Lega A. Assemblea valuterà rilanci
CONDIVIDI