Il campionato dei viola è strepitoso..e senza i pari col Genoa e Bologna. Ora il Tottenham

0



La Fiorentina è tornata da Bergamo con la convinzione, se tanto ce ne fosse stato bisogno, di poter, di voler lottare fino alla fine per il terzo posto. E aggiungiamo anche chissà che..
Si, perché, la vittoria contro l’Atalanta ha mostrato un gruppo, una squadra sempre più coesa, che vuole sorprendere e vincere. Una squadra condotta da un allenatore come Sousa bravo a preparare la partita secondo la propria filosofia di gioco, bravo a leggere la gara in corso, bravo a cambiare volto alla squadra tecnicamente e tatticamente anche con le sostituzioni. E’ la terza volta consecutiva che accade, ultimamente, è certo non può essere un caso o frutto della sola fortuna.
tello bolognaUna Fiorentina che con pieno merito si è confermata al terzo posto, e guardando la classifica un po’ di rammarico, inutile nasconderlo, c’è. Perché? Nelle prime sette giornate del campionato la Fiorentina aveva totalizzato 18 punti, nel girone di ritorno 14. E se guardiamo la classifica attualmente i punti di distacco dalla Juventus sono 6. Con il Napoli (che deve ancora giocare col Milan) i punti di distacco sono 4. In sostanza i pareggi contro Genoa e Bologna hanno tolto la possibilità di poter puntare a qualcosa di più del terzo posto.
Resta il fatto, indiscutibile, che se Juventus e Napoli stanno facendo un grande campionato, quello della Fiorentina lo è altrettanto. Se non di più, visto che numericamente e qualitativamente la rosa è inferiore.
sousa atalantaTornando alla gara di Bergamo i tre punti consentono alla Fiorentina e Sousa di preparare al meglio la gara di giovedì a Londra contro il Tottenham (è previsto anche l’arrivo del patron Andrea Della Valle) dove si giocheranno la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League. Tre punti che poi consentiranno a Kalinic e compagni anche di affrontare più ‘sereni’ le gare contro Napoli e Roma, dove in gioco ci sarà una gran fetta del terzo posto, anche se poi dopo mancheranno ancora molte partite prima della fine del campionato.

Autore: Gianni Ceccarelli, Fiorentina.it