Il derby di Pioli: divieto di sorpasso. Con la Lazio andò in CL, vuole riuscirci anche in viola

6



Pioli arrivò 3° con la Lazio: ora ci riprova con la Fiorentina. Fu esonerato a Roma e arrivò… Inzaghi.

La Lazio è l’esempio. Nel senso che Stefano Pioli, a Roma, ha già dimostrato a quale traguardo può ambire una sua squadra: il terzo posto che vale la Champions League. Lo stesso obiettivo che l’allenatore vorrebbe raggiungere a Firenze nel giro di 2-3 anni. Domenica prossima Pioli si presenta all’Olimpico con tredici punti, subito dietro a Juventus e Napoli. Un punto in più rispetto a Simone Inzaghi ma anche quattro reti in più segnate (14 contro 10) e quattro in meno subite (9 contro 5). Primo obiettivo: vietato farsi sorpassare, scrive Il Corriere dello Sport – Stadio.

TERZO POSTO. A Pioli voltarsi indietro è sempre interessato molto poco. A lui piace guardare avanti, però chissà quanti pensieri si possono accavallare nella sua mente poco prima di Lazio-Fiorentina. A Roma ha trascorso due anni intensi, il primo positivo e il secondo negativo. La stagione 2014-15 era iniziata in modo faticoso, poi era decollata in mezzo all’entusiasmo dei tifosi biancocelesti. Alla fine il terzo posto e Lazio in Champions dopo otto anni. In più la finale di coppa Italia contro la Juventus, persa per un soffio.

DIFFICOLTA’. Il secondo anno invece era cominciato con l’eliminazioni immediata dalla massima competizione europea, qualche difficoltà fino all’esonero arrivato ad aprile dopo la sconfitta nel derby. Era stato sostituito da Simone Inzaghi che è stato appena sconfitto dalla Roma. Corsi e ricorsi. 

GRANDE AMORE. Alla Lazio Pioli ha vissuto 661 giorni, a Firenze appena 486. Però il legame è profondissimo, anche grazie ai sei anni trascorsi nel capoluogo da giocatore viola. L’allenatore a Firenze è come un pesce nell’acqua, vive la città e capisce i suoi abitanti. In questa stagione manca ancora una vittoria “pesante” fuori casa e magari contro una formazione di livello.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
trackback

[…] Il derby di Pioli: divieto di sorpasso. Con la Lazio andò in CL, vuole riuscirci anche in vio…  Fiorentina.it […]

Articus
Tifoso
Articus

Non so cosa vi siate bevuti ma è gia tanto se finiamo in EL. Solo chi spende davvero ci finisce.
Stiamo avanti grazie alla bella preparazione di luglio pensando che dovevamo giocare in coppa.
I nuovi innesti ancora non hanno fatto vedere cose strepitose e il resto della squadra è quello che l’anno scorso arrivò ottava. Rimaniamo umili perché se no quando inizierà il periodo negativo inizierete a sentirvi male.

Raska.
Member
Raska.

Per molti di voi, non siamo da Champions nemmeno se alla penultima giornata abbiamo 4 punti di vantaggio sulla quinta… Ma che razza di tifosi siete?

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

In Champions? Cambia spacciatore Stefanino, codesta robina ti dà noia

Rocco54
Ospite
Rocco54

Il solito vizio. Quello di tirare le somme a inizio ottobre. Se dovessimo essere terzi dopo una trentina di partite allora sarebbe legittimo PARLARE di CL, ma ora è ridicolo. Come se non ci ricordasse del “salutate la capolista”, che era l’altro ieri. La storia di Pioli, allenatore laziale, non m’appassiona, mi interessa quella di allenatore della Fiorentina. Come allenatore della Fiorentina non mi ha mai deluso finora; dai primi allenamenti a oggi è sempre stato un crescendo, ma il momento più significativo dove si è visto l’uomo oltre l’allenatore è stato il dopo-tragedia di Astori. Lì ho capito (abbiamo)… Leggi altro »

QuasarScandiano
Member
QuasarScandiano

DUE fisso.

Articolo precedenteFiorentina, il programma di oggi: allenamento mattutino verso la Lazio
Articolo successivoSimeone sfida Immobile: due bomber ‘in ritardo’. Il Cholito a digiuno da 3 gare
CONDIVIDI