IL FUORI CAMPO di MASITTO: “4 GIORNATE A BORJA VALERO VERGOGNOSE”

    0



    masittoQuesta settimana è successa una cosa veramente assurda e, dicendo ciò, è chiaro che torno a parlare di Borja Valero. Di quanto successo a Parma in campo ma soprattutto dopo… È vero che lo spagnolo ha spinto leggermente l’arbitro Gervasoni (e sottolineo LEGGERMENTE!), ma se guardate attentamente le immagini, il centrocampista spagnolo era intervenuto per dividere due giocatori… Ritengo sia vergognoso quello che è successo e quanto scritto nel referto dell’arbitro a fine partita. Ci sono tantissimi episodi del genere su ogni campo, ogni domenica: giocatori che mandano a quel paese continuamente direttore di gara e assistenti di linea, giocatori che toccano l’arbitro cercando di fermare un cartellino appena annunciato. E molto altri ancora… Quindi, ripeto, considero quanto successo vergognoso! Per quanto riguarda Montella, evidentemente il sig. Gervasoni voleva completare l’opera dell’orrore e quindi ecco confezionata una giornata anche al Mister. Essere diventati antipatici va benissimo, vuol dire essere diventati vincenti, e chi vince non sta mai simpatico agli altri.

    Andrea Della Valle è arrabbiato. La città e i tifosi anche. È normale, comprensibile. Ed è giusto che la società intervenga nelle varie sedi e si faccia sentire. Andare o non andare in Champions League vuol dire avere o non avere svariati milioni di euro (e la Fiorentina ne sa qualcosa), quindi non si possono prendere decisioni per simpatia o no. Qui bisogna essere seri.

    Ma stasera riprende il calcio giocato. La squadra di Montella (con lui al suo posto, regolarmente in panchina…) scenderà in campo al Franchi per il ritorno dei sedicesimi di Europa League contro i danesi dell’Esbjerg, battuti per 3-1 in Danimarca. Quella di questa sera sarà una partita che deve essere vera e deve dare la possibilità a chi ha avuto meno spazio di giocare. E farlo anche bene. La mentalità viola, poi, resta la stessa: giocare per vincere, sempre. Quindi, ripeto, dovrà essere una partita vera perché la Viola deve far vedere come si lavora alla faccia di chi non vuole che vinca…