Il FUORI CAMPO di ROBBIATI: 4° posto fallimentare… con Rossi e Gomez forse…

    0



    RobbiatiQuest’anno la Fiorentina ha ottenuto più risultati in trasferta che in casa, dove ha perso molti punti dimostrando di avere – forse – qualche problemino. Certo, è un problema che deve risolvere, anche se ormai siamo quasi alla fine della stagione e i 10 punti di distacco da Napoli sono difficili, quasi da recuperare. Peccato, perché aveva vinto lo scontro diretto e portandosi a -7, e la speranza c’era ancora. Poi è arrivata l’inaspettata sconfitta casalinga col Milan… diciamo che gli episodi hanno fatto il bello e il cattivo tempo di una partita nata male. Se Matri avesse messo dentro quella palla gol capitatagli e avesse portato in vantaggio la Fiorentina, la partita avrebbe preso indiscutibilmente un’altra piega. Ma non l’ha fatto, il Milan è passato in vantaggio e poi l’ha gestito.

    Comunque, il bilancio della stagione rimane buono, perché non può non basarsi sugli infortuni che hanno condizionato un’intera annata. Se ci fossero stati Gomez e Rossi dall’inizio dell’anno fino alla fine, allora il 4° posto (quello che sembra essere il risultato finale centrato dalla Fiorentina) sarebbe stato un fallimento. Senza di loro, invece, il 4° posto è un buon risultato, anche se per come stava giocando la squadra (cioè bene) e per come Montella era riuscito a sopperire alle assenze, la speranza verso il 3° posto è stata viva fino a mercoledì scorso… Però i viola, a causa delle assenze che sono una lecita scusante, hanno riscontrato delle difficoltà circa la continuità. Ma attenzione, se si vince la Coppa Italia, la stagione 2013-14 diventa da buona a importante! I Della Valle tengono molto ad alzare un trofeo, quindi…

    Ma ci sono ancora altre gare di campionato da giocare, prima della finale del 3 maggio. E domenica la Fiorentina andrà a Genova, dove affronterà per la prima volta il suo ex allenatore, Sinisa Mihajlovic. La Sampdoria, da quando c’è lui, sta giocando un bel calcio e sta ottenendo risultati importanti. Per esempio ha già raggiunto la quota salvezza e quindi potrà giocare con maggiore serenità e tranquillità. Ci sarà da fare attenzione… ma dalla Fiorentina mi aspetto una reazione dopo la sconfitta contro il Milan e che esca dal periodo di stanchezza psico-fisica che sta passando. Mihajlovic sottovalutato a Firenze? Un allenatore deve avere la fortuna di arrivare in un club al momento giusto… A Firenze il serbo non ha fatto bene, ma non si può giudicare da quella singola esperienza durante la quale non sono mancati i problemi. Anche perché a Catania aveva fatto molto bene e a Genova con la Samp, ora, sta facendo benissimo, quindi… Io dico sempre che alla fine sono sempre i giocatori che fanno diventare bravi gli allenatori.