IL FUORI CAMPO di ROBBIATI: “Che senso ha far giocare Rossi 11 minuti? E per domenica…” 

    0



    Anselmo RobbiatiLa sconfitta contro il Carpi in Coppa Italia? No, non è una cosa bella, perché era un obiettivo importante, ultimamente ambito anche dalle grandi squadre. Secondo me è stato un vero peccato essere usciti così malamente da questa competizione alla portata della Fiorentina. Passiamo ai particolari. Quello che è balzato agli occhi mercoledì sera è che Paulo Sousa non vuol sentir parlare di ricambi. In questo momento ha in mente quella squadra, quei titolari. Si pensava facesse riposare qualcuno in vista della partita col Chievo che non sarà per niente semplice, e invece ha fatto giocare tutti i migliori. E si è vista la stanchezza, così come si era intravista a Torino contro la Juventus. Nella Fiorentina di adesso sembra non esserci più quella brillantezza di inizio stagione. La squadra fa più fatica ad andare in verticale, ad arrivare al tiro, e a servire gli attaccanti. Poi ora gli avversari conoscono meglio i viola. Insomma, mi sembra un momento non proprio positivo.

    Se Paulo Sousa si fida solo degli 11 mandati in campo contro il Carpi? Per il momento sembra di sì. Sembra che lui veda e creda solo in questi giocatori. Anche se io proprio non mi spiego il perché non abbia mandato in campo Pepito Rossi. Non aveva giocato in campionato e la partita di Coppa Italia era perfetta per vederlo all’opera, per trovare il minutaggio. E invece è stato inserito per dieci minuti. Non ha proprio senso, secondo me. Non serve a niente. Anzi, dirò di più: questo cambio di idee del tecnico portoghese (fino a poche settimane fa dichiarava che tutti erano indispensabili, che non c’erano riserve, per poi convertire il suo pensiero e dire che ci sono giocatori di primo e di secondo livello) fa male allo spogliatoio. Chi gioca poco, chi capisce di non essere considerato, può addirittura remare contro. Non sarà certo il caso di questo spogliatoio, ma il rischio che si possano rompere gli equilibri c’è. Forse il cambio di intenzioni da parte di Sousa è arrivato nel momento in cui ha mandato in campo una squadra ricca di turnover contro il Lech Poznan ed ha perso. Forse da lì è successo qualcosa. Forse non gli sono piaciuti determinati atteggiamenti di qualche giocatore. O forse è accaduto qualcosa contro l’Empoli, altra partita che ha visto la Fiorentina protagonista di un sostanzioso turnover. Evidentemente Sousa non è rimasto soddisfatto dall’atteggiamento di chi ha mando in campo ed ha cambiato rotta. Però è anche vero che non è detto che tutti possono rispondere ‘sempre presente’. Ma credo sia stato quello il momento in cui il tecnico portoghese ha bocciato il turnover. E forse è stato un po’ eccessivo perché ora, se avesse bisogno di questi giocatori, risponderanno?

    E qui scende in campo la società. Il mercato di gennaio, ormai alle porte, è atteso come il pane e, stando a quanto visto ultimamente, tenderei a dire che Sousa ha bisogno di tutte le secondo linee… A parte gli scherzi, servono: un terzino destro che sappia e possa fare tutta la fascia. Non mi piace vedere Bernardeschi in quel ruolo, perché è troppo sacrificato. Lui fa fare tutto, ma può fare quel ruolo per necessità, non per sempre. Poi serve un centrale, visto che si gioca sempre con la difesa a tre e che stanno scendendo in campo sempre i soliti. E poi un centrocampista, vista la situazione attuale. E davanti?, mi chiederete voi. Ecco, io non penserei a chi prendere in fase offensiva. Solo se dovesse andar via qualcuno, interverrei per rimpiazzarlo. Altrimenti..

    Infine la questione portiere: Tatarusanu ha commesso degli errori, è vero, ma non proprio gravi da dire: “Cambiamolo”. Neto, in passato, aveva fatto anche di peggio e gli abbiamo dato fiducia. Insomma, non credo sia la proprietà.

    Chiudo col Chievo. Le sensazioni, viste le ultime prestazioni, non sono poi così positive. Ho visto la Fiorentina poco brillante e va ad incontrare una delle formazioni più in forma del momento. Però si chiama Chievo e quindi la Fiorentina deve vincere. Deve farlo per finire il 2015 bellissimo.

    Approfitto per fare i miei migliori Auguri di Buon Natale a tutti i lettori di Fiorentina.it e a tutti i tifosi della Viola. Ci vediamo nel 2016…