Il futuro economico del calcio italiano in mano a un brillante avvocato fiorentino

di Xavier Jacobelli - Corriere dello Sport Stadio

13



Il signore che ha letteralmente in mano il futuro economico del calcio italiano è un brillante avvocato fiorentino. Si chiama Luigi De Siervo, ha 48 anni, è stato il numero uno di Rai Com. Da poco meno di un anno ricopre l’incarico di amministratore delegato di Infront Sports & Media, società di proprietà del gruppo cinese Wanda che, nel 2015, l’ha acquistata per 1 miliardo e 50 milioni di euro.

Infront è il primo consulente della Lega di A che, a causa delle liti furibonde sulla ripartizione dei diritti tv, è appena stata commissariata dalla Federcalcio. Il commissario è Carlo Tavecchio, presidente federale il quale, ieri mattina, alla radio di Stato, ha annunciato un’altra rivoluzione, dopo la moviola in campo pronta a scattare nella prima giornata del prossimo campionato.

Tavecchio dixit: “Il calendario è tutto in funzione dei diritti tv e dei fusi orari del mondo. Bisognerà cercare di compendiare le due cose con un risultato accettabile. Ho visto che in Spagna sono già tre le partite della domenica pomeriggio. É un problema di fuso, di vendita di diritti, di mantenimento dei costi stellari delle grandi organizzazioni. Di questi fatti bisogna prendere atto”.

Sarà così, avvocato De Siervo? Al telefono da New York, il Signor Infront puntualizza: “Non esattamente, anche se ho compreso lo spirito dell’intervento di Tavecchio, il quale, comprensibilmente, smania dal desiderio di intervenire presto e subito per sbrogliare la matassa dei diritti televisivi. Il modello spagnolo è quello delle dieci finestre: dieci partite della Liga, in programma dal venerdì al lunedì, ad orari sfalsati, per consentire di seguirle tutte al telespettatore che lo desideri. Questo modello non verrà replicato in Italia. O quantomeno, non sarà lo schema suggerito da Infront alla Lega. Da sei mesi stiamo lavorando sodo per presentare ai club un’analisi completa e approfondita sulla situazione dei campionati europei televisivamente più appetiti e appetibili. E, mi permetta il malcelato orgoglio, ho la presunzione di affermare che si tratti di uno studio talmente esaustivo da soddisfare le richieste che le società ci hanno avanzato”.

Un dato è incontrovertibile: affamato di denaro com’è, il calcio italiano insisterà lungo la strada dello spezzatino, con la conferma dell’anticipo «cinese» alle 12,30 del sabato , modello derby prepasquale di Milano; la variante dell’anticipo dell’anticipo, la sera di venerdì, legato anche agli impegni nelle coppe europee dei sei club in lizza fra Champions ed Europa League; la conferma del posticipo del lunedì. E la domenica pomeriggio? De Siervo parla chiaro: “Vogliamo e dobbiamo tenere conto delle opinioni di tutti i club della Lega, compresi i meno favorevoli a uno spezzatino integrale. Quindi, almeno tre partite si disputeranno la domenica pomeriggio. Del resto, in materia non si tratterebbe di una novità assoluta”.

Il Signor Infront ricorda: “Attualmente, le tv garantiscono al calcio italiano una cifra annua di 1 miliardo e 200 milioni di euro. L’obiettivo del nuovo accordo triennale 2018-2021 è incrementare questa cifra di almeno 200 milioni di euro: cento milioni in più dai diritti esteri e 100 milioni in più dalle piattaforme televisive nazionali. Lei mi chiede se la conflittualità che ha portato al commissariamento in Lega abbia danneggiato il nostro lavoro? Di sicuro, l’ha complicato. Il lato positivo della vicenda è che, oggi, sappiamo di avere un interlocutore unico nella persona del commissario. Incontrerò a breve Tavecchio e i vicecommissari Nicoletti e Uva per fare il punto della situazione, illustrare loro il lavoro di Infront e le scadenze che ci attendono, a cominciare dai passaggi previsti dalla legge davanti all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e l’Antitrust”. E poi? “E poi, in luglio, il quadro che presenteremo alla Lega sarà completo”.

Avvocato De Siervo, lei è convinto che un compromesso sia possibile, considerando l’elevato tasso di litigiosità dei vostri interlocutori in Via Rosellini nonché la vistosa frattura fra le Grandi da una parte e, dall’altra, le Medie e le Piccole che reclamano una nuova e più equa ripartizione della torta? “Un accordo è nell’interesse collettivo. Il cammino è ancora lungo, ma la strada da percorrere è obbligata. E questo lo sanno tutti”.

Anche perché, lungo questa strada irromperà un nuovo compagno di viaggio: Suning, proprietaria dell’Inter. In poco meno di un mese, il colosso asiatico ha acquistato i diritti della Liga, della Premier League e della Bundesliga. Spesa complessiva: circa 1 miliardo di euro. E, siccome Suning, dal 2013 è socio controllante di Pptv, la piattaforma on line dalla quale trasmette calcio e altri sport in tutta la Cina, a Nanchino dicono non veda l’ora di scendere in campo anche nell’asta per i diritti tv. Le risulta? “Mi risulta che la Cina sia un mercato sempre più importante per la serie A e faremo di tutto per sfruttarlo nel modo più redditizio”. Abbiamo capito.

13
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
2-3-08
Ospite
2-3-08

Joshua?

pino up
Ospite
pino up

farebbero prima a rendere la Terra piatta e tutto il mondo potrebbe vedere alla domenica sera i grandi match. potrebbero anche modificare i calendari umani, far sì che quando in italia è domenica, in cina è martedì, in spagna mercoledì, in inghilterra giovedì, e costruire una cittadella sulla luna, dove giocare la champions, così dalla cina si potrebbe ogni sera godere del big match europeo, si potrebbe anche sottoporre i giocatori ad un intervento estetico per fargli gli occhi a mandorla.

Ilgatto
Tifoso
Member

Non c’è un modo elegante di dirlo: il calcio,come tutta la civiltà occidentale,ha oltrepassato il punto di non ritorno,se sapessi farlo metterei una faccina triste.Preferisco pensare allo spezzatino( se possibile con patate ) del compagno di tifo qui sotto.

Il Cane
Ospite
Il Cane

Ma fatti furbo, se non sai cosa dire.

Pizzulaficu
Tifoso
Pietro Pallo

Jacobelli giornalista sportivo e tanto altro amici miei. L’ articolo con l’intervista roba da intenditori. Dello spezzatino preferirei parlarne in cucina con patate e/o piselli in umido, poi a parte l’infima battuta, rimane un argomento spinoso,complicato, comprensibile a qualche addetto ai lavori e a qualcun altro che sa badare bene solo ai suoi interessi. In conclusione penso che questo tema possa essere superiore, alle mie di sicuro di altri non saprei, possibilità di poterne discettare con capacità e preparazione. ma convengo nell’impossibilità di poterne fare a meno nei tempi attuali e nel futuro, anche se questo frazionamento mi produce lo… Leggi altro »

GDBN
Ospite
GDBN

Toscanissimo.,anche se non di cognome figlio del famoso professore costituzionalista Ugo De SierVo che ha insegato a lungo a Firenze.

Flamel
Ospite
Flamel

Sicuramente dissociato da lobby massoniche e altro , poi tipico cognome Fiorentino .

Anastasia00
Tifoso
Anastasia00

Classico cognome toscano..

DARKO PANCEV
Ospite
DARKO PANCEV

i “brillanti” avvocati non hanno mai portato nulla di buono da nessuna parte…

Giovanni Roberto
Ospite
Giovanni Roberto

Se l’avvocato e’ fiorentino io sono nato a Helsinki.

MITT A CASSAN
Ospite
MITT A CASSAN

che lo voi piu tuscan di de siervo…

viola2
Ospite
viola2

….domenica 14,30 -15,00 – 15,30-16,00 a seconda delle stagioni , il campionato italiano di calcio tutto in campo nello stesso momento ……preistoria ma che nostalgia…

Daniele75
Tifoso
anonimo.bancario

se è per quello si aveva pure il presidente del consiglio fiorentino e manco si va in europa league…

Articolo precedenteRincorsa Europa viva. E domenica altra chance fondamentale per i viola in chiave 6° posto
Articolo successivoDi Francesco e gli altri: casting per la panchina della Fiorentina, ora si decide
CONDIVIDI