Il limite di tre mandati dei dirigenti sportivi è legge: fine degli incarichi a vita

fonte Gazzetta dello Sport

8



Con uno scatto di reni nel finale di legislatura, a dispetto delle previsioni nefaste, il disegno di legge sul limite dei mandati dei dirigenti sportivi viene approvato al Senato e diventa legge (130 sì, 38 no, 5 astenuti ). Così, finiscono gli incarichi a vita e il sistema italiano si adegua ai dettami del Cio. Il limite di tre mandati si applicherà a tutti, Coni, Cip, Federazioni, discipline associate ed enti di promozione sportiva. Giovanni Malagò, che come presidente del Coni aveva un limite fissato a due mandati, potrà così allungarsi fino al 2025. I presidenti delle Federazioni in sella da decenni, ben oltre i tre mandati, potranno essere rieletti solo un’altra volta. Esulta il Pd, che con il senatore Ranucci può essere considerato il padre di questa legge (approvata col decisivo contributo di Forza Italia, in cui ha giocato un ruolo importante Cosimo Sibilia).

Esulta soprattutto il ministro Luca Lotti, che ci ha creduto fino all’ultimo, anche quando il testo sembrava ormai spacciato. “E’ legge! Finalmente la norma sul limite dei mandati per i vertici delle Federazioni sportive è stata approvata anche in Senato – dichiara il Ministro -. Questa misura, che abbiamo fortemente voluto, per la prima volta nella storia dello sport italiano fissa a tre il numero massimo dei mandati per gli organi direttivi delle istituzioni sportive, creando una vera rottura con il passato. In questo modo si garantisce da un lato il giusto avvicendamento nei ruoli apicali degli organi sportivi, e dall’altro si consente che gli incarichi abbiano una durata temporale sufficiente per realizzare un progetto sportivo compiuto”. Una risposta a detrattori e pessimisti. “A chi – prosegue il ministro – nelle scorse settimane, con sterili polemiche ha provato invano a ostacolare l’iter parlamentare di questa norma abbiamo dato una risposta concreta, passando dalle parole ai fatti”.

8
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Biliapolis
Tifoso
Trusted Member

Certi dirigenti del Pd (partito direnzi) preparano il terreno per la vecchiaia.

Giuseppe
Ospite
Giuseppe

Se Malago’ con un altro mandato resterebbe al CONI fino al 2025, significa che un mandato dura otto anni.
Allora un dirigente come Malago’ che riesce a fare 3 mandati può restare in carica anche 24 anni.
Alla faccia del buon senso!
E poi si vantano di aver fatto “un capolavoro”.
Ma questi veramente credono di prenderci per i fondelli offendendo la nostra intelligenza
e trattandosi da imbecilli creduloni?!
Ormai l’arroganza di questi personaggi ha superato ogni limite di decenza e pretendono di darci m……, facendoci credere che si tratta di cioccolata..
Bho?!?!?!
Ci capisco sempre meno.
Forza Viola sempre.

violadasempre
Ospite
violadasempre

La primogenitura di quest’idea del limite dei mandati è di Carraro.
Lui addirittura proponeva solo 2 mandati, cinquantennalii.
Questi di ora gliel’hanno spudoratamente scopiazzata

IrBudelloDiToPa
Tifoso
IrBudelloDiToPa

tanto malagò non lo lasciano a casa, lo riprorrebbero dalla porta di servizio. Quanta gente inutile che si paga con le tasse

asdrufail
Ospite
asdrufail

Legalizzate le droghe leggere che la crisi ce la fumiamo….

franchini antonio
Ospite
franchini antonio

cambiare tutto perchè niente cambi

Ragioniere 56
Ospite
Ragioniere 56

Bisogna vedere quanto dura un mandato perchè se dura 5 anni è la legge del menga.
Sarebbe stato bello se fosse stato approvata una legge che sanciva che una persona non può avere più di una poltrona politici compresi ma allora ci troveremo all’estero e non in Italietta

Walter
Ospite
Walter

Mi sembra che l’effetto pratico sia l’esatto contrario dello spirito della legge.
Chi ha già più di tre mandati può essere eletto un’altra volta e chi doveva concludere il suo mandato (Malagò) non sarà costretto ad andare a casa.
Forza Viola!!!!!!!!!!!!!

Articolo precedenteDa Fiorentina-Milan nuove bandierine e nuove reti al Franchi (FOTO)
Articolo successivoCagliari-Fio a confronto: troppi errori sotto porta per i viola, sardi male dietro
CONDIVIDI