Il Milan gioca la carta del nuovo proprietario per ribaltare al Tas la sentenza di Nyon

di Alessandro Catapano e Marco Fallisi - Gazzetta dello Sport

57



Una volta, gli unici triangolari estivi ad occupare i pensieri dei tifosi rossoneri erano quelli amichevoli che si giocavano ad agosto. Oggi, invece, la partita è seria, serissima, e si giocherà idealmente tra la Cina, gli Stati Uniti e la Svizzera.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, qui, a Losanna, il Milan dovrà depositare il ricorso per la sentenza Uefa che lo ha estromesso dalla prossima Europa League e avrà fra i 10 e i 21 giorni di tempo: quello del Tribunale arbitrale dello Sport sarà l’ultimo e definitivo verdetto sul destino europeo dei rossoneri. A esaminare il caso per poi deliberare saranno in tre arbitri, scelti in una griglia di nomi messi a disposizione dal Tas: uno scelto dal Milan, uno scelto dall’Uefa e il presidente, super partes.

MANO LIBERA TAS. Che cosa può fare il Tas? In linea teorica, può fare tutto: può confermare la sentenza di Nyon, annullarla, congelarla e chiedere all’Uefa di riformularla. Potrebbe ad esempio ammettere il Milan alle coppe in regime di settlement agreement (come successo a Inter e Roma, per intenderci).

O, addirittura, può sospenderne l’applicazione senza cancellare la sanzione, dando al Milan delle consegne da rispettare che, se rispettate, annullerebbero del tutto la punizione.

SCENARI. Ad oggi, la situazione societaria del club di via Aldo Rossi non è cambiata, e se il quadro dovesse rimanere invariato da qui al giorno del giudizio, sarebbe ragionevolmente impensabile immaginare un ribaltone da parte del Tas.

Yonghong, che ha trovato i 32 milioni per l’aumento di capitale anticipati dal fondo Elliott, potrebbe decidere di restituirli (scadenza fissata per il 6 luglio): in quel caso, se non chiudesse con Commisso, Mr. Li rimarrebbe al timone provando a spuntare le condizioni migliori per la cessione a un nuovo soggetto entro ottobre (deadline per il rifinanziamento dei 380 milioni, debiti compresi, con l’hedge fund di Paul Singer).

LA CARTA ROSSONERA. Ecco perché l’unica carta da giocare per il Diavolo, a questo punto, è quella del nuovo proprietario/socio: un avvicendamento tra Mr. Li e Commisso (o Ricketts, o qualunque altro soggetto economicamente credibile che possa acquistare il Milan e chiudere a breve) garantirebbe infatti quella continuità aziendale attorno alla quale giravano molte delle perplessità dell’Uefa, dal «no» al voluntary agreement fino al rifiuto del settlement dello scorso maggio, anche se portare nuovi elementi non è automaticamente una garanzia di successo: nel 2013, ad esempio, il Malaga squalificato per le coppe portò sul tavolo del Collegio arbitrale un accordo con il Fisco spagnolo, ma troppo tardi rispetto al periodo contestato.

Presentarsi a Losanna con un Mr. Milan fresco di closing, insomma, potrebbe orientare i giudici del Tas a un verdetto favorevole per i rossoneri, a patto però che il Milan riesca a dimostrare che la sanzione comminata dalla Camera Giudicante di Nyon è sproporzionata rispetto alla violazione commessa (relativa alla regola del pareggio di bilancio per il triennio 2014-17) o che sia in grado di provare l’esistenza di uno o più elementi a propria discolpa, sempre legati al triennio esaminato, che la Uefa non ha voluto prendere in considerazione.

Materiale sul quale i legali rossoneri avranno cominciato a lavorare già da ieri pomeriggio. Anche se, in via Aldo Rossi, le antenne sono sempre dritte verso gli studi legali americani: è da lì che potrebbero arrivare buone notizie in vista della «finale» di Losanna.

57
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
francesco
Ospite
francesco

Io sono convinto che il TAS riammetterà il Milan in Europa League: se era il Chievo Verona non c’erano problemi ma il Milan lo salvano di sicuro anche all’UEFA.

lore
Ospite
lore

Se il riferimento di inadempienze riguarda il periodo 2014/2017 il ricorso non vedo come possa servire , altrimenti una farsa

franco
Ospite
franco

ma quale ricorso…? e su che cosa poi? per 3 anni non hai rispettato i parametri, quindi devi scontare la pena.. se ti arriva il nuovo socio bene, ne neficierai per i prossimi anni ma per quelli trascorsi non c’entra niente. se non fosse cosi’ sarebbe una cosa vomitevole

fabrizio
Ospite
fabrizio

preparati a vomitare….è il milan non scordarlo!!!

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

REDAZIONE, dovete stare attenti a quello che scrivete. Roma ed Inter non sono mai andate al TAS come si potrebbe capire da quello che avete scritto. Chiamate in giudizio dall’UEFA hanno presentato un piano di settlement agreement che è stato accettato e che hanno rispettato. Al Milan non hanno neanche concesso il settlement agreement tanto hanno giudicato disastrata la situazione e poco convincenti le promesse del club. Non vedo come il TAS possa ribaltare la situazione. Ribadisco quanto scritto in un altro post: il Milan si presenterà a dire che il bilancio al 30 giugno 2018 presenta i prodromi del… Leggi altro »

VM18
Ospite
VM18

Allora, provo a spiegarlo: se la sentenza riguarda il periodo 2014-2017, come MAI potrà un fatto che deve ancora avvenire incidere su essa?
A voi la parola

VM18
Ospite
VM18

e aggiungo… è come commettere un furto ed essere presi. Poi restituisci la refurtiva e indennizzi la parte lesa… ma sempre la pena dovrai scontare! non puoi dire abbiamo scherzato

angelo scandicci
Ospite
angelo scandicci

si molti non hanno chiaro che qui si tratta di violazioni non dell’ultima campagna acquisti ma addirittura precedenti. La sentenza è stata mite (probabilmente per non incorrere in contestazioni), ma il bello deve ancora venire perchè le spese dell’anno scorso sono pure fuori fpf, il debito con il fondo elliot è ancora li, gli interessi corrono ogni mese gli stipendi pure, etc. è vero che i giocatori acquistati li puoi ancora rivendere… ma valgono tutti lo stesso prezzo dell’anno scorso? hanno mercato ad alti livelli? Donnarumma lo vendi ancora a 100 ml.?. le altre squadre sapendo che sei alla canna… Leggi altro »

SATANELLO VIOLA
Ospite
SATANELLO VIOLA

SOCIETA’ INDEBITATA FINO AL COLLO, IN EUROPA ESISTONO DEI PARAMETRI FINANZIARI DA RISPETTARE CHI NON LI RISPETTA VA FUORI DAI GIOCHI, L’ UEFA E’ MOLTO LIGIA SU CERTE REGOLE, DI CONSEGUENZA NON GIOCHERA’ ALMENO PER L’ANNO IN CORSO IN COPPA….. A PRESCINDERE DAL TAS…….. CIAO BILAN CINA….. RICORDATEVI LO SCIPPO SENESE………………………………..

Aliush
Ospite
Aliush

Certo che il Milan deve pagare. Però questa storia sta diventando grottesca. E peggio ancora, sembra che un si possa fare nulla finché un si risolve, che siamo simbionti del Milan?

luk66
Ospite
luk66

SE SONO QUESTE LE PROPRIETA DELLE SQUADRE CHE GIOCANO IL CAMPIONATO DI SERIE A
ECCO PERCHE SI ARRIVA SEMPRE DIETRO SE CI FOSSERO PIU CONTROLLI META SAREBBERO FALLITE.
MILAN INTER ROMA LAZIO NAPOLI INDEBITATE FINO AL COLLO, MA LA FIGCI NON FA NULLA.
SE SEI ONESTO TELA PRENDI IN QUEL POSTO IN PIU I TIFOSI TI ROMPONO I COGLIONI.
SALUTI

Andrea20
Tifoso
Andrea20

Rigore pe i Milan…fuck fairplay

romans
Ospite
romans

Da due anni senza europa e trenta milioni di multa ad un solo anno di squalifica ??? C’è qualquadra che non cosa

DogMax
Ospite
DogMax

2 anni e i soldi da pare erano solo parole di opinionisti. Come quelli di astori e che ogni giorni dicono è fatta per questo, fra poco le firme, e poi a Firenze non ci vengono nemmeno X fare una girata

Articolo precedenteL’Uefa esclude i rossoneri dall’Europa, ma niente multa. Via al ricorso d’urgenza al Tas
Articolo successivoLa Fiorentina cambia i programmi, giocherà 8 gare in 34 giorni
CONDIVIDI