Il momento del riscatto per Saponara e per la Fiorentina

6



Finalmente è arrivato il momento di Saponara, la prima convocazione ormai sembra in arrivo per l’ex Empoli, giocatore sicuramente di grande qualità sul quale Corvino è riuscito a piombare nel mercato invernale dopo tanto tempo in cui lo aveva seguito. Il numero 21 viola ora potrà ufficialmente dar inizio alla nuova avventura gigliata dopo uno stop dovuto ad una problema alla caviglia portatosi dietro, prima di raggiungere Firenze. Il popolo viola si aspetta molto dal classe ‘91 originario di Forlì che potrebbe fin da subito recitare un ruolo importante nella Fiorentina visto anche il momento di difficoltà di uomini del reparto offensivo come Borja e Ilicic. “Ricky” deve approfittare di questa importante chance, rappresentata dall’approdo in viola, per ritrovarsi a livello mentale e fisico e soprattutto per esplodere definitivamente dopo un po’ di alti e bassi nell’Empoli.

Per Saponara è arrivato il momento del riscatto dopo quella mancata occasione nel Milan che nel 2015 lo rispedì di nuovo “alla gavetta” chiamata Empoli proprio dalla quale era partito nel 2013 con direzione Milano. Ora, dopo il ritorno in biancazzurro dove ha passato l’ultimo anno e mezzo, la seconda possibilità, il secondo treno per far ricredere tutti e per dimostrare di essere un giocatore in grado di fare la differenza, portando alla Fiorentina quell’imprevedibilità che tanto serve agli uomini di Paulo Sousa. Certamente numeri alla mano Saponara non è un goleador (per lui 14 reti in Serie A e appena 2 in questa stagione su 18 presenze totali) ma un calciatore comunque tecnico, con ottima visione di gioco e in grado di saltare l’uomo creando la superiorità numerica.

Viste le sue caratteristiche, stuzzica molto a tal fine l’idea di un terzetto di giovani italiani composto da Bernardeschi, Chiesa e proprio Saponara alle spalle del croato Kalinic che si completino tra loro e che potrebbe far sognare di nuovo il popolo viola. Quello che però molti si chiedono è anche se il suo impiego futuro basterà per dare la spinta in direzione europea ad una squadra in questo momento giù di morale dopo la pesante sconfitta di Roma. Ora non resta che passare la parola ai fatti, al campo. Qualunque sarà la formazione scelta da Sousa il risultato dovrà essere solo uno sabato sera al Franchi.