Il ‘progetto giovani’ per la crescita della Fiorentina sembra in stallo. Dal suo inizio nel 2017, i viola non sono migliorati come organico né come infrastrutture

91



Le responsabilità di Pioli, quelle della dirigenza e quelle della proprietà. La Fiorentina non cresce, né dentro né fuori dal campo

La settimana più importante della stagione della Fiorentina si è conclusa con più dubbi che certezze. Pareggio acciuffato all’ultimo istante con l’Inter, con tanto di legittime polemiche sul rigore del 3-3; altra rimonta in Coppa Italia contro l’Atalanta, dove la Fiorentina ha salvato il salvabile ma arriverà inevitabilmente da sfavorita alla sfida di ritorno; batosta in campionato proprio dai bergamaschi, che in un colpo solo hanno complicato terribilmente il discorso europeo via Serie A e hanno gettato nubi di pessimismo sul prossimo e ultimo round tra nerazzurri e viola.

Ad oggi il bilancio di questo 2018-19 dice che la Fiorentina, partita con ambizioni europee e con l’obiettivo di far meglio della passata stagione, alla 26ª giornata occupa la stessa posizione dello scorso campionato, con un punto in più in classifica. Comparando il girone d’andata con quello di ritorno, alla settima giornata la Fiorentina aveva totalizzato 13 punti, dopo sette giornate dal giro di boa i viola sono fermi a 11 punti. Numeri che certificano quanto il progetto di crescita della squadra si trovi in fase di stallo (se non in lieve recessione).

LE COLPE DI PIOLI. Di chi è la responsabilità di tale appiattimento? Sicuramente Pioli non è esente da colpe. Il tecnico gigliato non ha mai fatto impazzire per il suo calcio, ma fino a qualche settimana fa si era quantomeno tenuto alla larga da errori grossolani. Proprio nella sfida più importante, quella con l’Atalanta in Coppa Italia, le responsabilità dell’ex tecnico di Inter e Lazio sono innegabili e si possono ben trovare anche nella sconfitta più recente allo stadio Atleti Azzurri d’Italia.

Le assenze pesanti e le attenuanti di una rosa meno competitiva di quella atalantina sono da sottolineare, ma sbagliare scelte tattiche nel momento più caldo del campionato non può passare in secondo piano. Anche se dalla Fiorentina filtra aria contraria, è inevitabile che se gli obiettivi non venissero centrati i ragionamenti sull’esercizio dell’opzione per il prossimo anno di contratto di Pioli dovranno essere molto ponderati.

RESPONSABILITÀ DI PROPRIETÀ E DIRIGENZA. Dare tutte le responsabilità a Pioli sarebbe però da ottusi. È chiaro che il ‘progetto giovani’ iniziato nell’estate 2017, legiferato dalla proprietà Della Valle e amministrato da Corvino e Freitas, non sta dando i frutti che ci si augurava. La via dell’autofinanziamento rende tutto più difficile, ma c’è modo e modo di fare calcio in tale regime finanziario e ci si chiede se le scelte operate siano state le migliori.

I viola d’altra parte, erano partiti con un obiettivo fissato da Andrea Della Valle in ritiro a Moena: quel ‘settimo posto’ che fece storcere il naso a molti e che oggi sembra quasi un miraggio. Il calcolo di ADV fu abbastanza semplice: sei squadre sono più forti di noi (Juve, Napoli, Milan, Inter, Roma, Lazio), lottiamo per arrivare davanti a tutte le altre. Le altre (Torino, Samp e appunto Atalanta), però, ad oggi sono tutte davanti alla Fiorentina, sebbene senza distacchi abissali. Ci si augura che nelle ultime 12 di campionato i viola riescano a cambiare marcia, ma le premesse non sono delle migliori. Soprattutto se una squadra come l’Atalanta, che a inizio stagione aveva un monte ingaggi lordo inferiore di 10 milioni a quello della Fiorentina, nelle ultime due uscite ha dimostrato di essere più forte dei viola.

MONTE INGAGGI. Già, il monte ingaggi. È vero: i bergamaschi sono un caso limite per la virtuosità con la quale riescono a sfruttare al massimo le risorse a propria disposizione. Ma i viola negli ultimi due anni hanno tenuto il freno a mano tirato sugli stipendi, prima per necessità di ripianare il famoso buco di bilancio (estate 2017) poi per paura di commettere lo stesso ‘errore’ degli anni di Pradè (2018). E allora, tra il primo e il secondo anno (sempre considerando l’inizio stagione) il monte stipendi è cresciuto di appena due milioni lordi.

Chiaro che si può far bene anche così, ma la Lazio, che teoricamente ha un bacino d’utenza di poco superiore a quello della Fiorentina, spende quasi 30 milioni in più dei viola in stipendi; il Torino cinque milioni in più, la Sampdoria appena un milione in meno. Nonostante ciò, per la prossima uscita del bilancio è annunciato un passivo di circa 20 milioni di euro. Ciò genera più di qualche dubbio sulla gestione della società (o sugli ordini restrittivi dall’alto).

LE INFRASTRUTTURE FANTASMA. Andando oltre il buono o cattivo utilizzo del poco denaro a disposizione, ci si domanda come accrescere gli introiti e dunque permettersi un monte ingaggi più alto. Ed ecco che si parla di nuovo stadio e di nuovo centro sportivo per il settore giovanile. Opere applaudite da tutti, sul quale ancora siamo ai progetti o alla teorica trattativa di acquisto dei terreni. Senza entrare nel merito della spinosa questione nuovo stadio, se è vero che la Fiorentina poteva ‘lavarsi le mani’ da ogni responsabilità presentando il progetto completo già a giugno 2018, è altrettanto vero che i tempi della burocrazia sono infiniti e su quelli la società gigliata può fare ben poco.

Ma la questione nuovo centro sportivo resta piena di incognite, quantomeno sulle tempistiche. Era novembre 2017 quando la Fiorentina annunciava di voler acquistare velocemente il terreno sul quale sarebbe dovuta sorgere la nuova infrastruttura. Più avanti, si è saputo che erano sorte alcune complicazioni ma alla fine il terreno scelto sarebbe stato nei pressi di Campi Bisenzio. Individuato il terreno, con una trattativa privata che dunque non sembrava dover incontrare enormi ostacoli burocratici, il centro sportivo viene annunciato più volte come prossimo ma non arriva mai. L’auspicio è che questa vicenda si chiuda al più presto, onde evitare che anche questo proclamo della società non venga rispettato.

Alla fine, ciò che ne rimane è una squadra con tanto cuore, fatta di uomini veri e guidata un allenatore colmo di valori, che faticherà ad arrivare ottava, ovvero la stessa posizione della passata stagione, e farebbe una vera e propria impresa se dovesse acciuffare la settima posizione. Unica speranza sembra essere un’altra impresa, tra circa due mesi, nella semifinale di ritorno di Coppa Italia. Per salvare una stagione che doveva vedere crescere i valori della Fiorentina. Quanto si è visto sino ad oggi, però, è davvero troppo poco.

91
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Purplerain73
Tifoso
purplerain73

la prima persona che si era permessa di dubitare dei suoi padroni dispotici era stata mister Prandelli che si dichiarò scettico nei confronti della costruzione di stadio e cittadella varie, e aveva ragione, e i suoi padroni lo misero alla gogna accusandolo di aver avuto contatti con la juve, il tutto per creargli attorno un alone di antipatia. Ma ci avevano creduto in pochi. Cari pseudo presidenti, non vi crede più nessuno ormai!! parlate a vanvera di progetti e di acquisti, ma anche a gennaio avete dimostrato quanto tenete alla squadra, perché avevamo bisogno di tre giocatori e ne è… Leggi altro »

Marione
Ospite
Marione

Estrapolo dall’articolo 3 passaggi che mi sembrano importanti:

1. l’organico della DEA è superiore al nostro nonostante tanti boccaloni diano le colpe a Pioli di non riuscire a vincere almeno il campionato o arrivare a ridosso dei gobberellini.
2 siamo decimi e sarà un miracolo riuscire ad acciuffare l’ottavo posto dell’anno scorso, Secondo me decimi siamo e decimi saremo
3 esiste già un nuovo buco di bilancio di 20 milioni da ripianare

Un solo ignobile grido: vergognatevi proprietari senza cuore e senza passione; e smettetela di nascondervi dietro DA13

Purplerain73
Tifoso
purplerain73

tutto tristemente giusto!!

VIOLASOUL
Ospite
VIOLASOUL

Pioli a parte, questa squadra manca di almeno un giocatore di esperienza a centrocampo. Insomma la rosa è troppo giovane x il ns campionato. Con la Fiorentina hanno e stanno facendo esperienza tutti, a cominciare dal portiere. Sono più che sicuro che questi giocatori, nel loro futuro saranno degli ottimi atleti. Certo devono essere utilizzati e rivalutato bene da chi li allenerà. Ad es. Bernardeschi, oggi è un signor giocatore e lo é diventato grazie alla soc. Juve, ad Allegri e al fatto di giocare con CR7, Dybala ecc. Che ti insegnano tanto. Chi gioca nella Fiorentina non troverà mai… Leggi altro »

Potini
Tifoso
potini

Grave errore grammaticale: hai scritto juve maiuscolo.

gangia81
Ospite
gangia81

Quello è un grave errore ma soprattutto ha scritto un monte di bischerate. Di giocatori per essere una squadra decente ce ne mancano almeno 3-4, altro che discorsi.
E un allenatore serio che la smetta di tirarsi la zappa sui piedi da solo.
E visto che ci siamo una proprietà interessata.
Poca roba insomma.

gianluca
Ospite
gianluca

ma un ottimo articolo….e’ il solito problema gia’ discusso e bollito ..bisogna eliminare le spese folli delineate nell’ articolo che poi vanno ad arricchire gente estera .e avvocati strani…..l’organizzazione toscana non e’ all’ altezza di alcune realta’europee, consideriamo l’esempio dell’ atalanta la quale, e’ in grande “considerazione d’elogio” da parte degli organismi europei considerata la squadra col settore giovanile migliore italiano superiore ad internazionale e milan.destinate a non vincere.. vedi scuola di calcio di walter bonacina a zinconia….per competere…. bisogna trovare dirigenze idonee e chiedere aiuto alla stessa atalanta imprenditori seri che non vanno in perdita…..

Cosmat
Member
Cosmat

Ci vuole contestazione eclatante che gli faccia male sull unica cosa a cui tengono: l’immagine. Propongo di riempire lo stadio con pupazzi a forma di pinocchio con la faccia di Diego a grandezza cubitale ogni domenica. Scommetti qualcosa si smuove?

Mark
Ospite
Mark

Cosa pensi si muova ? altri allontanamenti dei DV, e conseguenti minori investimenti. La società in autofinanziamento ha fatto tutto il possibile, a questo punto vedo nel tecnico il maggiore responsabile. Che non da’ schemi o indicazioni di gioco, a dei ragazzi volenterosi ma giovani, che quindi vanno guidati in quanto ancora inesperti per “interpretare” la partita, tantomeno mentre si sta giocando. Contiamo che sia con l’inter che con l’atalanta abbiamo segnato dopo pochi secondi, e anziché far girare la palla e gestirla un attimo, abbiamo continuato a buttare palle avanti alla rinfusa. Non può funzionare. Con tutti questi gol,… Leggi altro »

fabio
Ospite
fabio

La società non ha fatto tutto il possibile,ha fatto quello che gli è parso fare. Legittimo da parte loro,inconcludente da parte mia.

VecchioFrank
Ospite
VecchioFrank

Nell’articolo si cita il 2017, ma in realtà questa Società ha smesso di fare calcio (finalizzato ad un risultato sportivo) a gennaio 2016. Dal mitico “non ci faremo trovare impreparati” di Cognigni, al “sono tornato per vincere” di Corvino, oggi ne vediamo i frutti.
Parlare di “progetto giovani” è del tutto illusorio, come si evince facilmente dall’articolo. Visto e considerato che da tre anni stiamo sempre facendo peggio dell’anno precedente, appare chiaro come l’intento sia ben altro da quello dichiarato. E la prospettiva di ripartire a giugno, con lo stesso Dg e lo stesso allenatore, appare davvero preoccupante.

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

Della valle vattene!

claudio
Ospite
claudio

I Della Valle hanno abbandonato a se stessa la fiorentina, chiamandolo autofinanziamento. La hanno dato in mano ad un incompetente, Corvino, che compra giocatori a caso, non in base alle necessità del proprio allenatore, ma in base delle “speranza” di fare il colpaccio. Cosa che non avviene sistematicamente Centinaia di giovani che non servono a nulla. Per coprire il tutto hanno inventato questo Pseudoprogetto, vantandosi di avere la formazione più giovane della serie A. E’ chi se ne frega se i risultati sono cosi scarsi, pegiorativi rispetto lo scorso anno. Giocatori abbandonati a se stessi, che finiscono nel dimenticatio senza… Leggi altro »

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

tussè poho progetto….

Magnifico Messere
Ospite
Magnifico Messere

Della Valle VATTENE !!!

Articolo precedenteChampions, impresa Ajax che schianta ed elimina il Real Madrid. Ok il Tottenham
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI