Ilicic shock: “Ho temuto di morire. La tragedia di Davide mi ha fatto soffrire”

di Andrea Ramazzotti - Corriere dello Sport Stadio

19



Il calciatore dell’Atalanta si racconta dopo aver superato un grave problema di salute, senza dimenticare quanto è successo a Astori

Lunga, bella e toccante intervista sul Corriere dello Sport Stadio all’ex viola Josip Ilicic, che ha raccontato gli ultimi suoi mesi alle prese con un serio infortunio, ricordando soprattutto quanto capitato al suo ex Capitano e amico Davide Astori. Lo sloveno ricorda i momenti difficili della sua malattia: «La tragedia di Astori mi ha fatto soffrire: avevo paura di addormentarmi e che mi succedesse qualcosa di simile». Ecco alcuni passaggi:

Il momento più toccante è stato verso la fine dell’intervista e vale la pena di iniziare da lì per poi riavvolgere il nastro e raccontare il resto. Nella sala stampa del centro sportivo Bortolotti di Zingonia, Josip Ilicic aveva già parlato dell’infezione batterica ai linfonodi del collo e di quanto la scorsa estate aveva temuto di non poter più giocare a calcio, ma quando il discorso è scivolato sul Bologna, sulla “passione” che Corvino ha per lui e sul desiderio che il ds aveva di strapparlo nel gennaio 2015 alla Fiorentina, il nome di Davide Astori che lo sloveno aveva avuto come compagno in viola ha cambiato il tono della conversazione.

Per qualche secondo lo sguardo di ghiaccio nel numero 72 nerazzurro si è rotto dando la sensazione che gli occhi stessero diventando umidi. «Quello che è successo a Davide mi ha fatto passare dei momenti difficili e ho sofferto per tanti giorni. È stata una tragedia terribile che non mi permetteva di dormire. E quando sono stato male io, ho avuto paura che mi potesse succedere qualcosa di simile. Pensavo: “E se domani mattina non mi sveglio? Come farò a non vedere più la mia famiglia?”. C’è stato un periodo in cui avevo paura di andare a letto e addormentarmi. Il calcio non è tutto nella vita, l’ho capito sulla mia pelle».

Adesso è una persona diversa?
«Diciamo che guardo le cose in maniera diversa, vivo ogni minuto e ogni secondo che ho a disposizione con la mia famiglia. Per me conta stare con le mie due bimbe, con mia moglie e con mia mamma perché la vita è breve e bisogna godersi le persone alle quali vuoi bene. Faccio il mio lavoro qui al campo, ma poi torno subito a casa e voglio sempre i miei cari accanto a me».
Fisicamente come sta?
«Sono molto stanco (sorride perché ha appena finito l’allenamento, ndr). Sto bene, sto bene e questa è la cosa più importante. Mi mancava star bene».
Se ora ripensa al periodo della malattia, qual è la prima cosa che le viene in mente?
«Che è stato un episodio molto grave dal quale però sono uscito vincitore. Mi ha permesso di capire che nella vita l’unica cosa che conta è star bene. Raccontare quello che è successo, e che per fortuna adesso è alle spalle, non è facile: è stato qualcosa di brutto per me e la mia famiglia».
Ha pensato anche di lasciare il calcio o ha temuto che non avrebbe più potuto giocare?
«Ci sono stati tanti momenti in cui non ce la facevo più perché la malattia non spariva mai. Più passata il tempo e più peggiorava. È stato allora che ho smesso di pensare al mio lavoro e di guardare le partite di calcio in tv. Avevo un chiodo fisso in testa: salvarmi e stare con la mia famiglia. A un certo punto mi sarebbe bastato anche solo poter tornare a camminare e a correre come una persona normale, non come un giocatore. E invece piano piano ne sono uscito del tutto».
Temeva che sarebbe potuta finire diversamente?
«Ci sono state persone che hanno avuto il mio stesso problema e sono finite in coma. A me l’infezione è rimasta circoscritta ai linfonodi del collo, mentre a loro si è diffusa in altre parti del corpo. Se penso a loro…».
Quando ha capito di essere guarito?
«Quando mi è tornata la voglia di riprendere a giocare. Mi sentivo meglio e avevo il desiderio di tornare alla normalità, a correre dietro un pallone. Per anni quella è stata la mia priorità, mentre adesso…».
Quanto giocherà ancora?
«Fino a 50 anni o comunque finché ce la farò».
Gasperini pochi giorni fa ha detto:
«Ilicic è tornato più forte di prima».
D’accordo?
«Sono più forte di testa e in effetti è lì dentro che è cambiato qualcosa. Quando nella vita ti accadono cose gravi, inizi a pensare in modo diverso. Prima mi arrabbiavo per stupidaggini, mentre ora ho imparato ad apprezzare le cose belle, a vivere ogni giorno come il migliore della vita».
Ha rivisto i medici dell’ospedale che l’hanno curata?
«Sì e li ho ringraziati. C’erano persone in quelle settimane che lavoravano solo per me, che ci tenevano tanto a farmi guarire. È stato bello capire che dottori e infermieri davano più di quello che potevano per risolvere i miei problemi di salute».
Quando ha ripreso ad allenarsi è stata dura?
«Molto dura perché non sono ripartito da zero, ma da sotto zero. E per arrivare a zero è stata molto lunga… Per fare certe cose dovevo sforzarmi e il mio corpo doveva riabituarsi a tutto. È stato un periodo molto lungo, nel quale mi sentivo a pezzi tutti i giorni. E spesso facevo… doppio allenamento perché quando uscivo da qui, a casa avevo due bimbe che mi aspettavano per giocare ancora. Scherzi a parte, tutto questo mi era mancato».
Ora affronterete il Bologna, che avrebbe potuto giocare nel gennaio 2015: Corvino era disposto a fare follie per portarla sotto le due Torri in Serie B, ma lei rifiutò.
«Se avesse fatto delle follie non sarei rimasto a Firenze (ride, ndr)… Mi ricordo che al Bologna c’era Delio Rossi e anche lui mi voleva a Bologna. Alla fine non se ne fece niente. Il mio trasferimento in rossoblù tornò d’attualità anche l’estate successiva, ma a quel punto fu Sousa, che era appena arrivato, a mettere il veto alla mia partenza».
Sente più Sousa?
«Ci siamo scambiati qualche telefonata e so che è in Cina (al Tianjin Quanjian, ndr). Se vado lì, magari ci vedremo più spesso».

19
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
TEORIA_VIOLA
Ospite
TEORIA_VIOLA

Ilicic mi ricorda Recoba un altro mai sbocciato. pura genialità. peccato per il resto

salvo
Ospite
salvo

Ilicic è un signor giocatore..altro che simeone benassi biraghi,ha piedi fatati..ma a firenze si critica tutto e tutti,abbiamo avuto bellissimi giocatori,lijaic,mutu.jovetic,nastasic lo stesso ilicic,che se li avessimo tenuti ed aspettati avremmo avuto una squadra davvero fortissima,però noi nn sappiamo mai ne lo sapremo il perchè si fa mercato con i forti,bisognerebbe rischiare un paio di anni e dare il tempo a questi calciatori comprati giovani di maturare con un buon allenatore,invece appena fanno 2 gol si parla gia di vendita. Forza Josep,i tifosi in genere sono tutti campioni..da tastiera,ma il calcio vero è unacosa le chiacchiere di cui ci si… Leggi altro »

COOL
Ospite
COOL

Si ma che malattia ha avuto? Non si capisce mai niente quando si ammala qualcuno…

Leo
Ospite
Leo

Saranno cavoli loro….per fortuna esiste ancora un minimo di diritto alla privacy

S. Freud, PhD
Ospite
S. Freud, PhD

se leggi l’articolo invece che solo il titolo avresti potuto capire: infezione batterica ai linfonodi

MAU 46
Ospite
MAU 46

È solo un borioso è permaloso il nostro Direttoregeneraledellareatecnica,impettito è vuoto come un Generale Russo.
Così si spiegano i regali a poco fatti con Ilicic Joaquin e tanti altri e quelli a gratis come Ferigra Mancini Zaniolo Lezzerini Satalino Petriccione per citare solo gli ultimi.

Mauri
Ospite
Mauri

Borioso, permaloso e incompetente. E fa affari prevalentemente con amici suoi. Chissà perché…..

andreappp
Ospite
andreappp

Ilicic è un grande giocatore , ero dispiaciuto quando l’hanno venduto ……….criticato per la sua inconstanza , ma i suoi piedi in serie A pochi giocatori li hanno .
Da quando l’hanno venduto nel suo ruolo arrivano e partono giocatori,come un centro di smistamento merce !!
Chissà come mai ora l’atalnta ha ricominciato a giocare e a vincere , mahhhh !!!

2z2t
Ospite
2z2t

Purtroppo bisogna rendersi anche conto che il calcio è uno sport di squadra e di contatto. Ilicic con la sola tecnica, decisamente sopra la media, non è stato mai in viola un elemento di pieno affidamento. Non bisogna fare grossi sforzi mnemonici per rivederlo camminare in campo, perdere qualsiasi contrasto, sparare palloni in curva quando si stizziva perchè “non era giornata” eccetera. Ha espresso lampi di genialità, ha segnato goal pregevolissimi. Ma non ha avuto la costanza necessaria negli anni, e quando è così non si può aspettare in eterno, soprattutto quando cambiano gli allenatori. Se quella volta a cercarlo… Leggi altro »

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

Ilicic era capace di farti incazzare a bestia e di farti godere come un micco. Un giocatore di grandissimo livello, che fu spedito via come spazzatura fermo restando sostituirlo con giocatori che non gli legano nemmeno le scarpe. Misteri della viola dell’ACF.

Badalone
Ospite
Badalone

Se Corvino aveva tanta passione per lui perchè lo ha mandato via come un appestato?

trackback

[…] Ilicic shock: “Ho temuto di morire. La tragedia di Davide mi ha fatto soffrire”  Fiorentina.it […]

simoparbo
Ospite
simoparbo

se penso al regalo di ilicic all’atalanta per vedere dopo di lui al suo posto giocatori impresentabili e nemmeno nominabili, corvino da procura generale per capire cosa c’è stato dietro; a parte il fatto, che da noi, corvino o non corvino, siamo abituati a scempi tecnici del genere, MUTU regalato al cesena per vedere al suo posto il tanque silva, come dire un calcio in culo a belen e mi fidanzo con rosi bindi, TONI, dopo di noi che lo volevamo mandare a fare al massimo l’accompagnatore degli allievi, ha realizzato 60 reti e passa in A con il verona… Leggi altro »

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

Veramente, Ilicic andava venduto dopo il primo anno di Sousa, per la sua non costanza. L’anno dopo ha fatto schifo e infatti non lo voleva nessuno, cosa c’entra Corvino?

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Ha classe ai livelli più alti immaginabili. E chi lo conosce da vicino mi dice che è un ragazzo buonissimo ed estremamente generoso. Quando ha saputo di Astori ha pianto e pregato per giorni. Nessuno si è accorto che gli ultimi gol che gli abbiamo visti fare sono degni del miglior Ronaldo? A Firenze sarebbe rimasto. Ma Pioli non ha fatto niente per trattenerlo. Chiesa a parte, che sul piano della classe pura non può competere con lo sloveno, tutti gli altri dell’attacco messi insieme non valgono il sinistro di Ilicic. Lui e Mancini non avrebbero mai dovuto lasciare Firenze.… Leggi altro »

Raska.
Member
Raska.

Concordo, Ilicic è un grandissimo giocatore. Ma Mister Crisantemo gli ha preferito le pippe Pjaca e Simeone…

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Ha classi ai livelli più alti immaginabili. E chi lo conosce da vicino mi dice che è un ragazzo buonissimo ed estremamente generoso. Quando ha saputo di Astori ha pianto e pregato per giorni. Nessuno si è accorto che gli ultimi gol che gli abbiamo visti fare sono degni del miglior Ronaldo? A Firenze sarebbe rimasto. Ma pioli non ha fatto niente per trattenerlo. Chiesa a parte, che sul piano della classe pura non può competere con lo sloveno, tutti gli altri dell’attacco messi insieme non valgono il sinistro di Ilicic. Lui e Mancini non avrebbero mai dovuto lasciare Firenze.… Leggi altro »

Frunky69
Tifoso
frunky69

infatti gioca in provincia e nemmeno sempre…

Franco_Thai
Tifoso
franco_thai

Bell’intervista. La vita e’ appesa ad un filo. Josip sei uno di noi.
SFV since 1958

Articolo precedenteFiorentina, il programma di oggi: rifinitura mattutina, alle 13.30 parla Pioli
Articolo successivoAnche contro la Roma il solito dubbio: Pjaca o Mirallas dall’inizio?
CONDIVIDI