‘Importante non prendere gol’: difesa, test di solidità nel momento cruciale

4



FIORENTINA-SIGNA 26-0-2018. STEFANO PIOLI PARLA A NIKOLA MILENKOVIC. SILPRESS/GALASSI SILVANO

Nel 2019 non sempre imperforabile la retroguardia viola. E senza Pezzella sono riemersi errori e difficoltà.

‘Importante non prendere gol’. La Fiorentina lo ha fatto piuttosto bene nel girone di andata, quando i viola hanno chiuso con la 4° miglior difesa e 18 gol subiti (solo uno più del Napoli). In generale, in 27 partite tra campionato e Coppa, 27 gol subiti. Un concetto che però andrà applicato bene nelle prossime gare. La ‘settimana nerazzurra’ alle porte, scontri diretti e sfide con le big all’orizzonte. Occhi puntati sull’Inter e soprattutto sull’Atalanta. A quella semifinale che può aprire la strada verso Roma.

COPPA. E’ chiaro che a Firenze i viola si giocheranno, mercoledì sera, gran parte di qualificazione in ottica doppio confronto di Coppa. Perché il ritorno a Bergamo, pur tra due mesi (24 aprile) si preannuncia duro. Al Franchi la Fiorentina dovrà costruirsi le basi per portarsi avanti sui rivali. Provando a vincere. Magari ‘vincere bene’. Sarà dura. E allora, in considerazione della doppia sfida, c’è un altro concetto da tenere in considerazione. Nell’andata in casa, è fondamentale non prendere gol. Lo pensano, e spesso lo sottolineano, gli stessi allenatori e giocatori in vista di gare di andata e ritorno. Che sia coppa europea o nazionale. Perché con la regola dei gol in trasferta, chi gioca in casa deve stare attento a non prendere reti. Che, chiaramente, valgono ‘doppio’ per gli avversari. Meglio un 1-0 che un 2-1 o un 3-2, ad esempio, meglio una gara più bloccata che pirotecnica. Con uno 0-0, ad esempio, la Fiorentina avrebbe due risultati su tre a disposizione a Bergamo. ‘Il risultato migliore dopo la vittoria’, sentenziano molti allenatori.

DIFESA. E allora occhi puntati su Muriel, Chiesa e Simeone, ma anche sulla difesa viola. Un reparto in apparso in difficoltà per l’assenza di capitan Pezzella, leader e baluardo tecnico. Milenkovic al centro, pur essendo il suo ruolo naturale, non è stato sempre perfetto nelle ultime uscite; anche Vitor Hugo – pur solido e roccioso nelle marcature – ha commesso più di un’ingenuità (spesso pesanti) in stagione. Qualche errore con i piedi di Lafont, o imprecisioni in marcature o chiusure dei vari Laurini, Biraghi o Ceccherini, hanno creato gli altri brividi nelle ultime settimane. Dietro, insomma, serve lo scatto di gruppo nel momento più importante.

TEST DI SOLIDITA’. Nelle ultime partite, al netto di un attacco che ha iniziato a carburare (e segnare), la difesa ha più volte scricchiolato. 8 gol subiti nelle ultime 5 di campionato, dato sopra media con diverse disattenzioni di troppo. Con il Napoli ci ha messo diverse pezze Lafont, con la Spal dietro i viola sono andati più volte in apnea. All’orizzonte l’Inter (senza Icardi, ma con un Lautaro Martinez lanciato e con un Perisic ritrovato) e la doppia sfida con l’Atalanta (rimasta a secco a Torino, ma con un Zapata da record negli ultimi mesi e un Ilicic che da ex è sempre pericoloso). E poi la Lazio che tra Immobile e gli altri è sempre insidiosa davanti. Per la difesa gigliata esami non da poco.

CON LE BIG. Ma c’è da sottolineare che anche contro le big, in stagione, la difesa se l’è spesso cavata bene. 8 gol incassati in 7 partite di campionato contro Juve, Napoli, Inter, Roma, Lazio e Milan, gare tra l’altro spesso giocate in trasferta. Un trend da confermare, magari da migliorare nelle prossime 4 gare che potranno dare un senso preciso alla stagione viola.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Jacopo
Ospite
Jacopo

Tutto giusto ma dimenticate Hancko, forse il difensore più interessante di questa rosa dopo Milenkovic. Almeno non come Biraghi che non riesce a marcare! Andate a rivedere i gol subiti sulla destra.

violanet per sempre
Ospite
violanet per sempre

A me sembra che il centrocampo e l’attacco aiutino la difesa fuori dalla nostra area, facendo densità e pressing e pilotando un rientro ordinato… ma fatto questo, in area nostra sono dei pesci fuor d’ acqua, anche perché in area i criteri sono diversi, tutto si svolge frenetico e i problemi possono giungere da tutte le parti, e se un giocatore non capisce bene cosa sta succedendo attimo per attimo, finisce che è un birillo aggirabile, un corpo estraneo, un simulacro di cartone, e perde le distanze, ma soprattutto fa confusione ai difensori dedicati. i quali contano sul fatto che… Leggi altro »

gianni usa
Ospite
gianni usa

Per la difesa “L’importante e’ non prendere gol”
Per l’attacco “l’mportante e’ fare gol”
Per il centrocampo “l’importante e’ aiutarte l’attacco quando s’attacca e aiutare la difesa quando ci attaccano gli altri”
Finalmente s’e’ capito la tattica che si deve usare da ora in poi.

Moser fondo
Ospite
Moser fondo

Concordo complettamente . Forza Viola!!

Articolo precedenteACF, cordoglio per la scomparsa di Donna Marella Caracciolo di Castagneto
Articolo successivoAtalanta, Gosens può saltare i viola. Gasperini: “Spero di recuperare Gomez. Ilicic…”
CONDIVIDI