In 45 mila domani al San Paolo. Ma tifosi del Napoli in conflitto con De Laurentiis

di Gianluca Monti - La Gazzetta dello Sport

4



Saranno circa in 45mila domani al S. Paolo per «salutare» gli azzurri. Napoli-Fiorentina sarà l’ultima esibizione casalinga della squadra di Sarri a Fuorigrotta, uno stadio neppure troppo amico in questa stagione visto che nella classifica casalinga gli azzurri hanno 6 punti in meno della Roma e 12 della Juve. I tifosi domani diranno addio anche agli attuali sediolini, che saranno sostituiti in estate con la capienza che si ridurrà a circa 54mila posti. Basteranno e avanzeranno visto che quest’anno la media spettatori in campionato è stata di appena 35.883 persone, contro i 38.760 della passata Serie A.

DISAFFEZIONE Ma come è possibile che questo Napoli così spettacolare non scaldi più di tanto i cuori della gente azzurra? In realtà i tifosi stravedono per Sarri, come da recente striscione della Curva B, ma hanno un rapporto conflittuale, specie quelli delle Curve, con De Laurentiis, che ad inizio stagione aveva deciso prezzi addirittura folli per i settori popolari (40 euro per Napoli-Milan in Curva). I prezzi poi sono diventati stracciati e questo ha scontentato i circa 6.500 i abbonati che hanno finito per pagare molto di più rispetto a chi ha comprato i singoli tagliandi. Non tanti, comunque, anche perché la gente ha dovuto «risparmiare» in campionato per godersi la costosissima Champions League.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
dan
Ospite

pensa te, e qui a Firenze sono tutti a difendere della valle ahahahahah

sciopenviola anche oggi
Ospite

A questi bisognerebbe proprio dire … vi meritereste i Della Valle

Marco Campi
Ospite

Questo dimostra solo che ad ogni latitudine tutti, ma proprio tutti, non si può accontentere. Anche i tifosi gobbi che mio malgrado conosco, si sono lamentati tutto l’anno del non gioco di Allegri …

Tiziano
Ospite

I tifosi loro hanno problemi di prezzo dei biglietti mentre la squadre gioca un gran bel calcio, vola alto in classifica e dall’ultima caduta in B ha già messo in vetrina tre trofei Azzzz…. io li ho con le dichiarazioni dei dirigenti e le azioni / non azioni che poi fanno seguire, io li ho con un allenatore demotivato che prende regolarmente per i fondelli tutti, io li ho con una squadra che gioca, pardòn, non gioca come contro Crotone o Palermo.
Facciamo cambio di problemi?

wpDiscuz
Articolo precedentePrimavera viola, la Fiorentina vuole Emiliano Bigica per il dopo-Guidi
Articolo successivoSarri, l’imperatore del San Paolo: il sogno di Corvino rimasto impossibile
CONDIVIDI