Iniziato a Coverciano il corso allenatori Uefa A, c’è anche Gianni Rivera

4



C’è anche Gianni Rivera, attualmente presidente del settore tecnico della Figc, tra gli allievi del nuovo corso per allenatore ‘Uefa A’ inaugurato questa mattina, nella sala conferenze del Museo del calcio di Coverciano. Il nuovo corso speciale per ‘allenatore professionista di seconda categoria – Uefa A’ rappresenta il secondo massimo livello di formazione per i tecnici riconosciuto dalla Figc. “Questo corso – ha commentato Rivera – rappresenta per me, come per tutti gli altri allievi, il proseguimento di un percorso di conoscenza cominciato con il corso territoriale Uefa B, che personalmente avevo seguito a Rebibbia. Adesso posso verificare di persona, non solo come presidente del settore tecnico ma anche come allievo, quanto Coverciano sia un vero centro di eccellenza nella formazione delle figure professionali calcistiche”.

Gli allievi saranno chiamati a seguire in totale 192 ore di lezione e, in caso di esito positivo degli esami finali, otterranno l’abilitazione per poter guidare tutte le squadre giovanili – comprese le formazioni primavera – e le prime squadre fino alla Serie C inclusa; potranno inoltre essere tesserati come allenatori in seconda sia in serie B che in serie A.

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
tomcat
Ospite
tomcat

Spendera’ qualche spicciolo del suo vitalizio come parlamentare…..Quanti bighelloni e sanguisughe in questa sgangherata italia!!!!

Santa Proprietà
Ospite
Santa Proprietà

Rivera è stato in “gabana” a Rebibbia…?

Senzapaura
Tifoso
senzapaura

Gianni Rivera, che ha già compiuto 74 anni, era militare con me ad Orvieto nel 1964, Penso che a questo punto lo faccia solo per arricchire il suo bagaglio culturale in materia e non certo per dedicarsi alla professione.

Santa Proprietà
Ospite
Santa Proprietà

Trytty, ci hai già 74 anni, oppure è una ca***ta delle tue….?

Articolo precedenteFiorentina-Torino, Barreca al posto di Molinaro: dovrebbe essere l’unica modifica di Mihajlovic
Articolo successivoLa giornata viola: il riassunto
CONDIVIDI