Insidia Candreva. La prova del nove per M. Alonso

0



Dire Lazio e non pensare più Klose fa quasi strano. Eppure c’è Djordjevic tra i migliori marcatori di casa biancoceleste. 4 le segnature dell’ex Nantes. Gol che hanno convinto Pioli a mandare in panchina il tedesco. Ma se Djordjevic è colui che ha segnato di più per i capitolini fin qui, c’è anche chi come Antonio Candreva vanta fin qui numeri impressionati.

Quest’anno ha già segnato due volte, l’ex Cesena, a segno proprio contro la sua ex squadra e contro il Sassuolo, oltre al gol in Coppa Italia contro il Bassano. Ma soprattutto è colui che in Serie A effettua il maggior numero di conclusioni, 22 totali. Nessuno ha tirato di più. Neanche Tevez che è il capocannoniere del torneo, il doppio di Cuadrado e Babacar che guideranno l’attacco anti-Lazio di Montella.

E sul fronte assist l’esterno d’attacco laziale non è da meno. E’ secondo assoluto con 3 suggerimenti vincenti in Serie A. Più i 2 assist contro il Bassano in Coppa Italia fanno 5 assist già messi a referto. L’anno scorso di reti ne aveva segnate 12 in campionato, con anche 9 assist totali. Non è più una sorpresa, anzi. Nel 4-3-3 che Pioli opporrà alla Fiorentina domenica all’ora di pranzo la corsia di destra sarà dunque da tener particolarmente d’occhio. Destra per chi attacca, sinistra per chi difende.

Se è vero che sulla carta per la Fiorentina ci saranno sicuramente maggiori spazi rispetto alle gare contro Sassuolo e Genoa, dove sono arrivati due 0-0, e si potrebbe ripetere il copione visto contro l’Inter, è anche vero che la cerniera di sinistra di Montella dovrà fare gli straordinari. A cominciare da chi contro Candreva ci si troverà di fronte ben più che una volta sola, ovvero Marcos Alonso. Lo spagnolo continua ad essere preferito dal tecnico viola a Manuel Pasqual. Anche contro i biancocelesti il toto formazione parla chiaro: Molto più Alonso rispetto al ‘violaazzurro’. E se per molti la vicenda assume i toni del paradosso, con colui che è il capitano della Fiorentina che mentre ritrova con stabilità la nazionale con Conte perde la maglia da titolare nel club viola.

Un ballottaggio costante quello tra i due, anche se fin qui lo storico parla chiaro:

Roma-Fiorentina Alonso

Fiorentina-Genoa Alonso

Fiorentina-Guingamp Pasqual

Atalanta-Fiorentina Alonso

Fiorentina-Sassuolo Alonso

Torino-Fiorentina Pasqual

Din. Minsk-Fiorentina Pasqual

Fiorentina-Inter Alonso

In campionato Alonso ha giocato 5 volte su 6, Pasqual solo a Torino. In E.L. gioca invece il numero 23, competizione dove solitamente giocano le alternative. Come a dire, in pratica, che Pasqual adesso è diventato l’alternativa di Alonso.

Sarà dunque una sorta di prova del nove per lo spagnolo domenica. Pian piano il piatto dei pro-Alonso rispetto a quello dei pro-Pasqual è sempre più pieno di sassolini nella bilancia del tifo viola. Quella di Montella, almeno stando ai numeri di questo inizio stagione, la sua sentenza l’ha già data. Superare anche l’ostacolo Candreva potrebbe voler dire scalare una delle vette più alte fin qui affrontate dopo essersi ripreso una maglia in Fiorentina. Se tutto dovesse andar bene, allora, per Alonso ci sarebbe solo tanta discesa.

 

Autore: Gianluca Bigiotti – Redazione Fiorentina.it