Italia, viola e rimpianti: quei ‘talentini’ cresciuti e poi sbocciati altrove

22



Una Nazionale con tanti ‘fiorentini’: giovani e ‘vecchietti’ cresciuti o passati dalla Fiorentina. Da Bernardeschi-Piccini a Zaniolo-Mancini, fino a Cragno.

Quanti ‘fiorentini’ per Roberto Mancini. Un pesante tocco di viola nel gruppo dell’Italia che stasera inizia il proprio percorso verso Euro 2020. Giovani, promessi talenti dal futuro assicurato. E tanti… cresciuti a Firenze. Se Chiesa è l’emblema della scalata dal settore giovanile della Fiorentina al calcio che conta, con valutazione cresciuta in maniera esponenziale fino a 100 milioni (ma è stato costretto a dare forfait per problemi fisici), Cristiano Biraghi è di fatto rimasto l’unico giocatore della Fiorentina attuale nel gruppo di Mancini. Un terzino che, scartato dall’Inter e retrocesso con il Pescara, con Pioli ha ritrovato spazio e fiducia, conquistando un posto da titolare sulla corsia sinistra della Nazionale.

RIMPIANTI. Gli altri ‘fiorentini’, invece, riportano alla mente rimpianti di mercato ormai consolidati. Sulla destra in difesa, titolare stasera, Cristiano Piccini: dallo Sporting Arno alla Fiorentina, il settore giovanile e qualche annata in prestito, un paio di ritiri con la prima squadra e poi la cessione al Betis Siviglia. Tra Betis, Sporting Lisbona e Valencia, una crescita esponenziale per il terzino, che oggi ha una clausola rescissoria da addirittura 80 milioni. La Fiorentina ha avuto per due anni un diritto di ‘recompra’ tra i 2,5 e i 3 milioni, ma non l’ha mai esercitata. In difesa poi c’è il noto Gianluca Mancini: non sarà titolare, ma il suo valore di mercato intanto schizza verso l’alto. Il suo passaggio praticamente gratuito al Perugia, e poi il trasferimento ‘sospetto’ dagli umbri all’Atalanta, ha fatto infuriare i viola, ma resta l’errore di valutazione della Fiorentina, tra la società e Montella-Sousa, che avevano allenato da vicino il giovanissimo difensore.

TREQUARTI. Si passa poi alla zona offensiva. Federico Bernardeschi, senza Chiesa (e Insigne), è elogiato da tutti come il miglior talento azzurro, a cui aggrapparsi per queste gare della Nazionale. E se la cifra di 40 milioni più bonus sembrava esagerata due anni fa, ora la valutazione del bianconero si è gonfiata, specie dopo la notte da Oscar contro l’Atletico Madrid. Anche lui cresciuto a Firenze, e valorizzato, prima di serate di altissimo livello in maglia Juve. Poi Zaniolo. Altro talento in rampa di lancio: già convocato in passato da Mancini, titolare con la Roma in Champions così come in campionato. La Fiorentina lo ha perso a zero ‘regalandolo’ all’Entella nel momento di passaggio tra Pradè e Corvino, lui è poi esploso tra l’Inter Primavera e i giallorossi. Ora vale 50-60 milioni, ed è un classe ’99. Da mangiarsi le mani.

GLI ALTRI. Hanno poi fatto ‘tappa’ a Firenze altri due azzurri. Due ‘vecchietti’ di esperienza, ma assoluti protagonisti: il primo è Giorgio Chiellini, in viola nel 2004-2005 (l’anno del ritorno in Serie A), prima del passaggio alla Juve con un’intera carriera in bianconero. Il secondo è Fabio Quagliarella, a Firenze con la Florentia Viola nel 2002-2003: una meteora da giovanissimo, a 36 anni capocannoniere del campionato con 21 gol in 27 gare giocate. Infine si torna tra i pali, ad Alessio Cragno: nato a Fiesole, cresciuto nella Cattolica Virtus ma mai approdato alla Fiorentina. Classe ’94, una sicurezza per il Cagliari. Negli ultimi anni accostato ai viola, ma non è mai tornato nella ‘sua’ Firenze.

22
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Foglionco
Member
foglionco

lo sapete che Zaniolo ha fatto parte delle giovanili del Genoa,chissà in città come si staranno mordendo le mani. Ogni giocatore viene valutato dallo staff tecnico in base al rendimento nella stagione agonistica, la responsabilità maggiori ricadono su allenatori e preparatori atletici che refertano le capacita del soggetto indicandone o meno l’idoneità per far parte della rosa. Quindi Zaniolo, Piccini, Mancini non sono stati ritenuti validi da chi aveva l’onere della valutazione sul campo,se volete dei responsabili cercateli negli allenatori del momento

Princeofflorence
Ospite
Princeofflorence

Ribadisco… vecchio vizio negli anni 90’ facemmo un tris che per qualità non ebbe mai più eguali nella storia del calcio… Baggio alla Juve.. Berti all’Inter e Massaro al Milan… giocarono tutti e tre la finale mondiale di USA 94…può bastare?

Coralli magreb
Ospite
Coralli magreb

Aggiungerei petriccione, che pur non essendo in nazionale, il prossimo anno verrà al Franchi da avversario e che non ha niente da invidiare ai vari norgard, edmilson.

IOHAHO, VC
Ospite
IOHAHO, VC

Quando si parla di “fenomeni” o comunque di giocatori sopra la media, la scelta di venderli è prettamente economica. Sai chi hai tra le mani, hai offerte importanti, non puoi o non vuoi trattenerli… I casi Mancini, Piccini e Zaniolo sono puramente dovuti all’incapacità del DS e dei suoi collaboratori. Qui devo avere il “fiuto”… Qui devi capire prima degli altri che i giovani si faranno. Altrimenti te li soffiano a zero o poco più e te rimani il solito bischero col cerino in mano.

massimo
Ospite
massimo

.Quanti supertecnici: 1) PICCINI quando era nostro mandato in prestito in B al Livorno faceva moltissima panchina. 2) ZANIOLO in primavera era supponente e non rendeva. Anche all’Entella in prestito ha giocato nell’intero campionato di C solo 7 partite e zero gol. 3) MANCINI visto giocare in Primavera ogni tanto faceva dei buchi clamorosi.
Se poi crescendo diventano fenomeni (??????) nessuno ha la sfera di cristallo che legge il futuro.

vecchio criticone
Ospite
vecchio criticone

Per una squadra che vive di plusvalenze non riconoscere i talenti che si hanno in casa è deleterio. Lo è molto di più se si pensa che la piazza accetterebbe molto più volentieri di vedere sbagliare un giovane del vivaio piuttosto che uno pagato caro che è colpa nostra se non conosciamo.
Già è difficile scovarli i talenti, se quando li hai li regali è finita.
Colpe a metà fra gli allenatori e Corvino. In ogni caso Sousa un campioncino l’ha fatto.

gianni usa
Ospite
gianni usa

Su questo sito c’e’ ancora tanta gente che crede che Corvino sia un grande DS, e c’e’ tanta gente che sta dalle parte dei DV, quando e’ evidente che se questi signori avessero davvero a cuore la Fiorentina avrebbero licenziato questo incapace tanti anni fa.
Per nostra fortuna era andato via e poi l’hanno ripreso.un’altra volta, e ora e’ anche peggio di come era prima.

il sindaco
Ospite
il sindaco

Grande Corvo Magno.

Jblk77
Tifoso
jblk77

Zero rimpianti: nelle mani dei nostri sarebbero stati solo plusvalenze utili ad alimentare provvigioni, comparto e bilanci, o tuttalpiù a comprare mandrie di inetti.
Non tifo per il bilancio, mi dispiace….

VIOLACHEVERE
Tifoso
VIOLACHEVERE

Molti in questo sito avevano espresso l’opinione che era meglio tenere Piccini piuttosto che Tomovic.

Lollo
Ospite
Lollo

Ancora complimenti al disonesto di Corvino.

CoccodrilliViola
Tifoso
Coccodrilli Viola

Piccini è quello che più di tutti grida vendetta. Non indoviniamo un terzino destro dai dieci anni e non esercitiamo il diritto di recompra per prendere gente come Maxi Olivera, Dicks e Laurini. Basterebbe questo per licenziare un DS.

I BISCHERO
Ospite
I BISCHERO

Stasera tra piccini e biraghi c erano 3 categorie …
Piccini mi piace fa benino entrambe le fasi e macina tanto sulla fascia

Ferrino
Ospite
Ferrino

Biraghi ha preso il virus maxi Oliveira, torna sempre indietro

Kiki
Ospite
Kiki

Anche 6 o 7 oppure 9 0 10

Leo
Ospite
Leo

….chissà….succederà……DV….

Angelo
Ospite
Angelo

Tre indizi, Piccini, Mancini, Zaniolo, sono una prova, in questo caso di totale incompetenza di persone che hanno nome e cognome.

Lollo
Ospite
Lollo

Io aggiungerei anche che Corvino compra solo se ci può mangiare su. Bastava avere uno che fosse onesto.

Andrea
Ospite
Andrea

Non solo persi o regalati talenti italiani ma per non farsi mancare niente spesi fior di milioni per i vari Diks Ugo Esseric Norgard e un’altra vagonata di bidoni stranieri,poi sento dire che Corvino è uno dei migliori DS in circolazione…

GENIOdove
Ospite
GENIOdove

Neto quando era un buon portiere l’hanno portato a sc.za di contratto Cragno sitto casa era troppo basso Piccini Mancini Zaniolo erano nss. Vecino pagato poco e venduto per plusv.za Ilicic dato via per un pezzo di pane Bernardeschi dovevi allungare il contratto ed ora se ne andrà anche Chiesa ma dov’è il progetto sportivo ? L’unico giivane forte è Milenkovic che a nemmeno 18 anni l’hai pagato il normale prezzo di mercato e te lo ha portato Ramadani. C’è un progetto ? Sì quello delle plusvalenze ma tra l’altro secondo me realizzate a prezzo stracciato. È stato abbassato il… Leggi altro »

I BISCHERO
Ospite
I BISCHERO

Lo dicono i procuratori …con tutte quelle commissioni

Angelo chionna
Ospite
Angelo chionna

E le plusvalenze ?

Articolo precedenteItalia-Finlandia, la formazione azzurra: Biraghi titolare con Piccini e Bernardeschi
Articolo successivoMilenkovic: “La mia carriera va veloce, ma è solo l’inizio. Tante sfide davanti a me”
CONDIVIDI