La delusione degli esterni: da punti di forza a improduttivi

6



tello bernardeschi bologna

Il quarto peggior attacco del campionato, ma anche il secondo peggior score sui tiri in porta effettuati, ha fatto suonare già qualche campanello d’allarme in casa viola. Una sosta utile per studiare i giusti rimedi, cercare le chiavi per aprire le difese avversarie, le soluzioni per trovare più brillantezza e lucidità in fase offensiva. Cambi di modulo ma non solo, anche i singoli devono dare una sterzata. “Bisogna migliorare sull’ultimo passaggio. Sul corridoio centrale, ma anche sui cross dalle fasce“, ha ripetuto più volte Sousa.

Già, gli esterni. In estate la Fiorentina doveva (in teoria) essere costruita proprio da lì. Una coppia di giocatori per parte, a destra e a sinistra, in grado di dare profondità, di fare la differenza e creare superiorità nell’uno contro uno. E servire palloni al centro, per la prima punta e per gli inserimenti dei compagni. Nel 4-3-3 o nel 4-2-3-1, dovevano essere proprio gli esterni alti a dare quell’imprevedibilità che la Fiorentina non aveva avuto nella seconda parte della scorsa stagione. Così doveva essere… nella testa di Sousa. Poi le cose, finora, sono andate diversamente. Sia per il mercato, sia perché i singoli hanno fin qui deluso.

Sousa, ad esempio, ha voluto fortemente riavere con sé Cristian Tello. Uno che sulla carta avrebbe il passo e le qualità per creare superiorità numerica. Invece, lo spagnolo è stato fin qui un vero flop. Pochi spunti, praticamente mai decisivo (un solo assist, a Udine). Lo scorso anno, in sei mesi, mise insieme 2 gol e 5 assist in 15 partite. Insomma, nella discontinuità anche all’interno della stessa partita, comunque un apporto discreto, in una squadra che faceva fatica a girare.

Poi, sugli esterni, è arrivata in questa prima fase di stagione l’involuzione di Bernardeschi. Proprio la parabola discendente di Tello ha ridato spazio nelle ultime gare al 10 viola, ma Federico è lontano dal suo miglior rendimento. Anche perché, adesso, il ruolo di esterno a tutta fascia gli va un po’ stretto. Lui che, così come Tello, sarebbe perfetto come esterno di un tridente offensivo. Capace di puntare più in velocità l’ultimo avversario ed anche la porta.

Dall’altra parte, a sinistra, è partito Marcos Alonso. Uno che per qualità e quantità aveva garantito un buon rendimento la scorsa stagione. Sono arrivati Milic e Maxi Olivera: due onesti giocatori, che si sono adattati subito bene alla realtà viola. Ma per adesso non esterni in grado di spostare gli equilibri, soprattutto in fase offensiva. Ancora indietro nelle gerarchie c’è poi Toledo. “Non è una scommessa, è un colpo di mercato. Un giocatore importante”, disse a Moena Andrea Della Valle dell’argentino. Il ragazzo, invece, a parte qualche brevissimo spezzone nelle amichevoli estive non si è mai visto. Ed essendo anche fuori dalla Lista Uefa, difficile vederlo in campo a breve.

Insomma, lontana quell’idea estiva di ripartire dalle fasce. Da esterni che possano fare la differenza. Tanta difficoltà anche in zona centrale, per questa Fiorentina, tanto che Ilicic e Borja Valero sono stati tra i più discussi. Ma molti problemi sono arrivati dai rifornimenti (mancati) dalle corsie laterali. L’ampiezza, di fatto, non viene sfruttata a dovere. Tanto che la Fiorentina è anche tra le squadre ad aver crossato di meno (e peggio) del campionato. 98 cross totali, 53 dei quali sbagliati. E solo due decisivi (a Udine con Tello e Torino con Milic, più l’assist di Kalinic a Babacar con il Qarabag).

Ora serve cambiare ritmo, dare velocità e potenza agli esterni. Soprattutto con la prospettiva di poter avere, adesso, in area due punte vere, che possano concretizzare i palloni che arrivano. E un attaccante come Babacar che all’interno dei sedici metri vive un vero momento d’oro.

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
soffici
Ospite
soffici

Il problema, dei pochi goal e in generale della poca incisivita’ degli esterni e dei centrocampisti dipende a mio avviso in una combinazione di cose in cui il rendimento dei singoli c’entra solo fino ad un certo punto. Un elenco potrebbe essere: -La squadra e’ spesso bassa difficilmente si serve un esterno vicino l’area di rigore. -Con Sousa ed in generale con la difesa a 3 difficilmente un difensore si proietta all’attacco creando imprevedibilita’ e superiorita’ numerica. -Quello che ci rendeva molto pericolosi anno scorso avvero la riconquista improvvisa della palla in zona di attacco ormai l’hanno capito in tanti… Leggi altro »

Aliush
Ospite
Aliush

Che poi i gol chi li fa??? Se prendi Tello, Zarate, Borja, Babacar, Kalinic, Berna, Vecino e Badelj e li sommi viene una decina di gol a stagione tra tutti loro….

marce
Ospite
marce

Intanto, sarebbe opportuno, che’ tutti, dovrebbero iniziare a dare il suo contributo, fuori carattere, grinta, e determinazione, non passeggiare sul campo come l’ultima partita

Fra-Scandicci
Member
fra-scandicci

simoparbo ha detto tutto!

simoparbo
Ospite
simoparbo

Nel 433 due come tello e bernardeschi che garantiscono 5 reti assieme in una stagione, quando è grasso che cola, la vedo dura. Purtroppo il problema è la qualità di chi hai in rosa e metti in campo, joaquin a 35 anni palla al piede faceva ancora la differenza in più si era sacrificato a fare anche la fase difensiva sulla fascia, ma si parla di un giocatore di un altro pianeta, uno che a 25 anni oggi non varrebbe meno di 80 cucuzze, i nostri due se continuano così l’anno prossimo nemmeno li piglia il pizzighettone per tre balle… Leggi altro »

Fabio, Milano
Ospite
Fabio, Milano

Questi giocatori (Tello e Berna) sono esterni per il 4-3-3 non “ali” vecchio stile per il 3-5-2 o anche il 4-4-2. Il problema è che siamo forzati a giocare con la difesa a 3 perché non abbiamo difensori e terzini. Questa è la semplice verità

Articolo precedenteLezzerini a FI.IT: “Sono rimasto per mettermi in gioco. Con Berna sempre al cinema”
Articolo successivoCorvino: “Con ADV stessa voglia di alzare un trofeo, resta il nostro obiettivo”
CONDIVIDI