La Fiorentina si annoda su se stessa. E adesso Sousa è nel mirino di tifosi e… società

0



Se la guardi a posteriori, la serata di Udine ha tutta l’aria di rappresentare l’ennesima occasione persa. E fortunatamente, per usare un paradosso, la Roma ha vinto contro il Torino e non ha lasciato sul piatto un rimpianto ancora più grosso. Sousa ha dimostrato solo a parole di non pensare alla gara contro la Juventus. Fuori Astori, Borja Valero, Ilicic e Kalinic dal primo minuto. Quattro che avrebbero sicuramente giocato, se domenica al Franchi non fosse arrivata al Vecchia Signora.
 
La storia di questa stagione racconta che la Fiorentina, con tante seconde linee in campo, non ha mai funzionato. Turnover che non ha mai pagato. E puntuale è arrivata la conferma di Udine, con la Fiorentina che ha avuto un approccio alla partita disarmante e che si è fatta infilare dopo un minuto di gioco. In pochi sono stati davvero in partita per tutta la durata del match. Il solo Zarate, autore del gol, ci ha provato e si è dato da fare. Indisponente Bernardeschi (in una fase d’involuzione preoccupante), discontinuo Tello e fuori condizione Kuba. In più le solite amnesie difensive, che hanno trasformato Zapata e Thereau in due mezzi fenomeni.
 
All’orizzonte la lanciatissima Juventus, che domenica testerà l’anima di questa Fiorentina. Ad Udine doveva uscire fuori qualcosa di diverso ed invece la squadra ha fatto un netto passo indietro dopo quello in avanti contro il Sassuolo. Pure Sousa, a questo punto, è finito nel mirino. Non è piaciuta la scelta di escludere così tanti titolari dal primo minuto. Il tecnico ha provato a rischiare, ma gli è andata male. Tifosi contrariati, nel post partita si è vociferato anche di una proprietà scontenta per la gestione della serata. Sarebbe stato preferibile giocarsi tutte le carte per vincere ieri sera, piuttosto che preservare giocatori per una battaglia molto più complicata.
 

I dubbi sul futuro restano intatti. La posizione ufficiale della Fiorentina rimane quella di domenica scorsa, quando Andrea Della Valle affidò al comparto della comunicazione il messaggio di voler andare avanti con Sousa. Ieri sera, sui social ed anche sul nostro sito, erano in tanti che si ponevano la seguente domanda: “Paulo Sousa merita la riconferma oppure no?”.

Autore: Alessandro Latini (@LatoAle) – Fiorentina.it