La giornata viola: il riassunto

3



La giornata viola: il riassunto di giovedì 4 gennaio

L’avventura di Ianis Hagi alla Fiorentina potrebbe già essere finita. Il padre è in Italia per riacquistarlo (LEGGI QUI)

Antognoni: “Borja Valero legato a Firenze ma è andato via, io sono rimasto” (LEGGI QUI)

Cataldi, dopo l’Inter nuovi contatti (LEGGI QUI)

Matteo Materazzi spinge Federico Chiesa verso l’Inter (LEGGI QUI)

Gil Dias guarda già al futuro e sogna l’Inghilterra (LEGGI QUI)

Le parole di mister Spalletti nella conferenza stampa pre Fiorentina-Inter (LEGGI QUI)

Pioli in conferenza stampa fissa gli obiettivi per la Fiorentina (LEGGI QUI)

Il presidente del Guingamp smentisce le voci sull’obiettivo Salibur (LEGGI QUI)

Seconda parte dell’intervista di Stefano Pioli (LEGGI QUI)

Badelj dice no al rinnovo: idea Locatelli per il centrocampo (LEGGI QUI)

Sirene europee per il Giovanni Simeone (LEGGI QUI)

Prima parte delle dichiarazioni di Stefano Pioli a La Gazzetta dello Sport (LEGGI QUI)

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
IL LIBANESE
Ospite
IL LIBANESE

Santo Piolo da Parma,protettore dei Mediocri, ti prego continua a far giocare il veloce Sanchez il fantasioso Esseryc e il problematico Saponara. Questi sono grandissimi campioni.Mi raccomando Lo Faso fallo stare in panca. Anzi puniscilo quando c’e’la partita mandalo al Barco a palleggiare, non e’degno neppure di assistere agli spettacoli di certi fenomeni.E se rifiutasse fallo andare alla Reman a correre col cilicio.Deve imparare a convivere coi fuoriclasse.

Martello viola
Ospite
Martello viola

Il Toro ha preso l’allenatore che doveva prendere la Fiorentina da tempo….peccato ci teniamo il bollito Pioli.

Mario85
Ospite
Mario85

Pioli senza attributi, in un campionato dove la società tira indietro non far giocare lo faso o hagi x fare un esempio, quando li vuoi provare i giovani?

Articolo precedenteRinaudo: “Mlakar vuole giocare di più. Presto incontrerò Corvino”
Articolo successivoContro l’Inter per battere una grande, poi il mercato di rincalzi e occasioni
CONDIVIDI