LA LAVAGNA TATTICA DI FI.IT: Fiorentina-Genoa è 4-3-3 vs 3-4-3

    0



    Lavagna TatticaFiorentina e Genoa si affronteranno domani nel posticipo della seconda giornata di ritorno di Serie A. Viola che dovrà fare a meno di molte pedine: da Rossi a Gomez, passando per Borja Valero, Gonzalo Rodriguez e Ilicic. Montella confermerà comunque il 4-3-3 di partenza con Matri in avanti, mentre Gasperini si affiderà al 3-4-3.

     Schieramento iniziale Fiorentina - Genoa

    Qui Genoa: Come ogni sessione di mercato, anche in questo gennaio la squadra di Preziosi sta rivoluzionando il proprio organico. De Ceglie, Motta e Burdisso sono arrivati negli ultimi giorni e potrebbero scendere in campo, dall’inizio o a gara in corso, contro la Fiorentina. Gasperini sembra comunque intenzionato a confermare il 3-4-3 con cui, tra l’altro, ha battuto l’Inter una settimana fa. Perin in porta, in difesa tornerà Portanova, affiancato da Antonini e Marchese, terzini adattati centrali da Gasp ed in ballottaggio con Burdisso. A centrocampo Vrsaljko, Bertolacci (o Cofie), Matuzalem (al rientro dalla squalifica) e De Ceglie, con Fetfatzidis, Gilardino e Antonelli in avanti. Squadra che ruota molto durante la partita, il Genoa, visto che De Ceglie ed Antonelli si scambieranno spesso posizione sulla sinistra e che i due esterni di centrocampo si potranno anche abbassare sulla linea dei difensori in fase di copertura. La squadra di Gasperini non vince in trasferta da cinque partite, e l’intenzione sarà quella di interrompere il gioco viola intasando le corsie esterne per poi cercare di ripartire in contropiede. A centrocampo il regista è Matuzalem, giocatore che abbina qualità e tanta grinta agonistica. In avanti invece tutto sarà poggiato su Alberto Gilardino: l’ex centravanti viola è il terminale offensivo del Grifone.

     

     Fase offensiva genoa vs Fiorentina

    Fase difensiva viola: Il pericolo numero uno per la difesa viola sarà Alberto Gilardino. Il centravanti di Biella è il capocannoniere del Genoa con 8 reti in campionato, nonché naturale sfogo offensivo per il gioco di Gasperini. I centrocampisti e gli esterni cercano con insistenza cross e assist verso Gilardino, ecco perché l’ex bomber viola andrà marcato con particolare cura. Su di lui ci saranno Savic e Compper, che dovranno limitare al meglio i movimenti e gli spunti dell’attaccante ospite. Sulle fasce, invece, i due terzini, Pasqual e Roncaglia, dovranno fare molta attenzione alle ali rossoblu, che spesso saranno supportate dalle sovrapposizioni degli esterni di centrocampo. Gasperini proverà senz’altro ad allargare la difesa viola per lasciare spazio a Gilardino a centro area e per favorire gli inserimenti dei centrocampisti, ecco perché sarà fondamentale trovare le giuste distanze tra i reparti ed evitare di trovarsi in uno contro uno in zone delicate del campo. Nei viola mancherà Gonzalo Rodriguez, vero leader difensivo, fermato per squalifica. A centrocampo, però, Montella dovrebbe inserire Ambrosini, giocatore che potrà garantire equilibrio e sostanza. In fase di copertura dovranno fare un lavoro di ripiego anche gli esterni offensivi viola, Cuadrado e Vargas, che dovranno evitare di lasciare in inferiorità numerica i terzini di Montella.

     Fase offensiva Fiorentina vs Genoa

    Fase offensiva viola: Fuori Gonzalo, fuori Borja Valero, fuori Rossi, Gomez e Ilicic. Montella dovrà fronteggiare un’altra partita delicata senza molti dei suoi interpreti principali. Sull’economia di gioco viola potrebbe farsi sentire, e come, l’assenza di cinque pedine così. In particolare, in fase di costruzione di gioco, sarà Pizarro l’unico e vero regista centrale della squadra, visto che senza Gonzalo e Borja mancheranno gli altri due catalizzatori del gioco gigliato. Se il Genoa presserà da vicino Pizarro chiudendo anche gli spazi sulla trequarti, potrebbe risultare difficile, in alcune fasi della partita, innescare il tridente offensivo. Un’altra prova, dunque, per Montella, che fin qui ha del resto sempre dimostrato di poter sopperire alle assenze delle varie pedine con un meccanismo di gioco ormai consolidato. Al Franchi sarà comunque la Fiorentina a fare la partita. In avanti il terminale offensivo sarà Alessandro Matri, che dopo la doppietta all’esordio è pronto a ripetersi anche al Franchi. Ai suoi lati Cuadrado e Vargas, esterni puri che proveranno ad innescarlo con palloni e cross dalle fasce. Proprio questa sarà una delle caratteristiche della Fiorentina anti-Grifone, con Pasqual e Roncaglia che proveranno a dare man forte in fase di costruzione. Il Genoa, dal canto suo, proverà a chiudersi per poi ripartire, anche se la squadra di Gasperini ha dimostrato di non essere sempre attentissima nelle chiusure degli spazi. Soprattutto sulle corsie esterne arretrate: ecco perché Cuadrado e Vargas potranno essere fondamentali nella gara di domani cercando soprattutto di puntare l’area nell’uno contro uno. Inoltre, il centravanti arrivato dal Milan potrà essere sfruttato per sponde e tagli in verticale, lavoro del resto già visto anche nei primi 45′ contro il Catania. A centrocampo, infine, potranno risultare decisivi anche gli inserimenti di Mati Fernandez e Aquilani, con quest’ultimo che, in caso di utilizzo (anche a gara in corso), potrebbe tornare al suo ruolo di incursore per proiettarsi in area avversaria.

    Commenta la notizia

    avatar
    Articolo precedenteFIORENTINA.IT, NUOVA FUNZIONE: COMMENTATE I VOSTRI BLOG
    Articolo successivoNeto, 57 minuti per superare Albertosi e riscrivere la storia
    CONDIVIDI