LA LAVAGNA TATTICA DI FI.IT: Fiorentina-Livorno è 3-5-2 vs 5-3-1-1

    0



    Lavagna TatticaLa Fiorentina torna in campo nel nuovo anno affrontando al Franchi il Livorno. Nel derby tutto toscano, Montella ritrova Gonzalo Rodriguez e Cuadrado, assenti contro il Sassuolo all’ultima del 2013, e scenderà in campo con il 3-5-2 di partenza (pronto a trasformarsi in 4-3-3 durante la partita), mentre Nicola opterà per un 5-3-1-1.

     Lavagna tattica Livorno

    Qui Livorno: Reduci da un punto nelle ultime sei partite, gli amaranto arrivano a Firenze in piena crisi di risultati. La squadra di Nicola non vince dal 3 novembre in casa contro l’Atalanta, mentre ad inizio dicembre risale l’ultimo punto conquistato contro il Milan. Una squadra che nel derby deve rinunciare anche ad Emerson in difesa, con Ceccherini, Valentini e Rinaudo (o Coda) pronti a comporre la linea centrale di una retroguardia allargata a cinque con gli esterni bassi Schiattarella (spostato a sinistra) e Mbaye. A centrocampo invece un trio tutta sostanza composto da Luci, Duncan e Benassi (alternativa Biagianti), con un trequartista (Greco o Siligardi) alle spalle dell’unica punta Paulinho. Proprio il brasiliano è il giocatore di riferimenti dei labronici, che per il resto verranno a Firenze abbottonati dietro con la speranza di poter far male in ripartenza. Lo stesso Schiattarella, di solito esterno destro, verrà spostato a sinistra per raddoppiare sulle incursioni di Cuadrado, mentre in fase propositiva uno dei due esterni potrebbe sganciarsi per favorire la manovra.

     Lavagna tattica Livorno  Fase difensiva viola

    Fase difensiva viola: Montella ritrova Gonzalo Rodriguez al centro della difesa. L’argentino si prenderà dunque le chiavi della retroguardia, un pacchetto completato da Savic sul centro-sinistra e Tomovic (o Roncaglia) sul centro-destra. Pasqual, invece, svolgerà il solito ruolo di collante con il reparto di centrocampo, muovendosi comunque qualche metro più avanti del solito per favorire la manovra viola. Per i gigliati il pericolo numero uno sarà rappresentato da Paulinho: il Livorno, infatti, verrà a Firenze per difendersi e per innescare in contropiede il brasiliano, autore di 6 reti in questo campionato. Soprattutto Greco, trequartista designato per appoggiare il numero 9 amaranto, cercherà movimenti importanti alle spalle dell’unica punta, con i viola che dovranno essere bravi ad accorciare sui tagli del giocatore. A centrocampo, invece, andrà fatto filtro sulle incursioni dei mediani avversari, insidiosi negli inserimenti alle spalle di Paulinho e per le conclusioni da fuori area. Sulle fasce bisognerà cercare di non lasciare nell’uno contro uno il Livorno quando gli ospiti saranno in fase di ripartenza: sia Paulinho, sia Greco che Siligardi (pronto a giocare dal 1′ o ad entrare dalla panchina) possono infatti essere pericolosi in questo senso. In generale, la Fiorentina dovrà cercare di comandare la partita, senza però correre troppi rischi in fase di ripartenza ospite. Una Viola che, ricordiamo, viene da due partite senza subire gol a chiusura del 2013.

     Lavagna tattica Livorno  Fase offensiva viola

    Fase offensiva viola: Sarà senz’altro la Fiorentina a fare la partita domenica al Franchi. Montella ritroverà sulla fascia anche Cuadrado, mentre in cabina di regia Pizarro sta meglio e potrebbe partire dal 1′, magari al posto di Ambrosini (o Aquilani). Bisognerà, in ogni caso, velocizzare molto il gioco contro una squadra che cercherà invece di frammentare l’azione viola con la densità dietro la linea della palla. In avanti solito riferimento Rossi, assistito ancora da Ilicic: lo sloveno è in vantaggio su Vargas e dovrebbe affiancare Pepito nel duo d’attacco viola in attesa di Gomez. Le due punte gigliate dovranno stare vicine per dialogare nello stretto ed in velocità, mentre sugli esterni Cuadrado e Pasqual forniranno corsa a tutta fascia. Il colombiano, sulla destra, verrà spesso raddoppiato, ecco perché lo spostamento di una punta sull’out esterno potrebbe favorire la superiorità numerica in certi momenti della gara. Resiste comunque l’ipotesi Vargas per Montella: il peruviano è in ballottaggio con Ilicic, e qualora dovesse spuntarla la Fiorentina tornerebbe al 4-3-3 di partenza con Pasqual che anche da terzino rimarrebbe alto per sovrapporsi al Loco con Cuadrado qualche metro più avanti dall’altra parte. JC11, come al solito, potrà agire anche a sinistra in alcuni momenti della gara con alcune conseguenti modifiche tattiche. Importante, però, sarà lo stile di gioco viola: la squadra gigliata dovrà essere incisiva in avanti e concreta sotto porta in una partita da sbloccare nei primi minuti per non tornare a vedere l’incubo Pescara. Il Livorno, comunque, ha una difesa ampiamente perforabile, soprattutto con tagli in verticale ed azioni veloci: i centrali di Nicola, infatti, sono particolarmente lenti e statici. La velocità di Rossi e Cuadrado più la tecnica dei vari Ilicic e Borja Valero (lo spagnolo sarà come al solito indispensabile come rifinitore dell’azione sulla trequarti) dovrebbe spuntarla senza troppe difficoltà, anche se l’atteggiamento in campo dovrà essere quello giusto e non di superficialità.