La Lazio si è seduta: è crisi. Ultima chance contro i viola, altrimenti rivoluzione

6



Tanti problemi per il tecnico biancoceleste, che pensa anche a cambi clamorosi. Ambiente in crisi, domani arriva la Fiorentina.

Sì, adesso parlare di crisi non è più un’esagerazione. E così Simone Inzaghi si ritrova a dover gestire il primo momento veramente difficile sulla panchina della Lazio. Nei due anni e mezzo di sua gestione il tecnico ha avuto la bravura e la fortuna di vivere costantemente con il vento in poppa. Di viaggiare a ritmi sempre sostenuti, spesso più alti del valore reale della squadra. Ora, però, la musica è cambiata. Le cinque vittorie consecutive (ottenute, però, contro formazioni tecnicamente inferiori e quasi tutte con fatica) avevano regalato l’illusione che si potesse replicare la straordinaria stagione vissuta l’anno scorso. Ma, appunto, è stata solo un’illusione. Così scrive La Gazzetta dello Sport.

I PROBLEMI. I numeri sono impietosi. La formazione biancoceleste subisce di più (14 gol incassati nelle prime nove gare tra coppa e campionato contro gli 11 della scorsa stagione) e segna molto di meno (13 le marcature, un anno fa erano già 24). La Lazio si è seduta, ha perso il furore che la caratterizzava nelle scorse annate e non ha più la brillantezza di un tempo. C’è innanzitutto un problema di natura atletica. I biancocelesti sembrano avere un’autonomia di una mezzora al massimo. È stato così a Francoforte, era successo pure nel derby. Ed anche nelle cinque gare vinte consecutivamente, nei secondi tempi la squadra è sempre calata.

RIVOLUZIONE. Occorre reagire subito, perché il calendario propone domani un’altra partita delicatissima. All’Olimpico arriva infatti la Fiorentina, una delle realtà più belle del primo scorcio di campionato. Inzaghi si ritroverà di fronte quel Pioli di cui prese il posto due anni e mezzo fa, quando l’attuale tecnico della Viola fu esonerato dopo un derby perso. Inzaghi non è minimamente in discussione, ma l’incrocio mette comunque i brividi. Il tecnico sta pensando di apportare qualche modifica al suo abituale scacchiere. Come, ad esempio, il ritorno alla difesa a quattro. Oppure il riposo forzato di qualche big (a rischio soprattutto Milinkovic). Ma è probabile che rinvii la rivoluzione a dopo la sosta. Domani, contro la Fiorentina, concederà un’ultima chance alla sua Lazio. Intesa come modulo e come uomini.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Francesco Londra
Ospite
Francesco Londra

Crisi? Sono un punto dietro…

Carlo
Ospite
Carlo

La nostra specialità è far resuscitare i morti e sarà così anche domani!

Giovanni
Ospite
Giovanni

Stiamo attenti a questa partita …
Anche all’arbitro, che mi preoccupa

Purple
Ospite
Purple

É il momento peggiore per affrontare la Lazio, devono vincere a tutti i costi…. purtroppo abbiamo affrontato in trasferta Sampdoria, Napoli, Inter e Lazio, e tutte venivano da sconfitte brucianti… ed erano caricate a mille contro di noi
Che sfortuna

andrea
Ospite
andrea

non dobbiamo dargli il tempo di macinare il loro solito gioco, che poi alla fine trova sempre la giocata giusta per immobile; dobbiamo aggredirli da subito

Giovanni
Ospite
Giovanni

L’ideale (domani più che mai) sarebbe trovare subito il gol, per metterli ancora più in difficoltà …
Forza Ragazzi!!!

Articolo precedentePezzella: “Presto per parlare di CL. Simeone nervoso senza gol. La fascia di Davide…”
Articolo successivoDe Paul rivela: “Avevo l’offerta della Fiorentina, bella squadra e grande città. Ma Velazquez e Pradè…”
CONDIVIDI