La leva calcistica del ’97: da Chiesa a Milenkovic, fino a Drago, Zurkowski e Castrovilli

0



Tanti i giocatori classe 1997 su cui la Fiorentina vuole basare la ripartenza con Commisso. Da stelle già affermate a nuovi arrivi.

‘La leva calcistica del ’97’, titola il Corriere Fiorentino, con focus sui diversi giovani su cui la Fiorentina vuole puntare per costruire il primo ciclo di Rocco Commisso. Si va dal portiere Dragowski fino alla stella Chiesa passando per il centrale Milenkovic e la speranza Castrovilli. In questo gruppo rientrano anche i due acquisti di gennaio: Jacob Rasmussen dall’Empoli e Szymon Zurkowski dal Gornik Zabrze. L’ossatura della squadra viola sarà basata su questi giocatori, giovani ma non alle prime armi.

CONFERME. Federico Chiesa potrebbe anche essere il nuovo capitano, mentre Nikola Milenkovic è pronto per la stagione della definitiva consacrazione. Fino allo scorso gennaio il suo addio sembrava scontato, lo cercavano le due squadre di Manchester. Nel girone di ritorno però il rendimento è calato di pari passo con la squadra. Per Dragowski invece potrebbe trattarsi di una sorta di prova d’appello. Dopo un solo campionato Lafont è stato bocciato, giocherà col Nantes. Dragowski è sembrato più maturo e pronto per sfruttare la sua occasione.

ARRIVO. Lo scorso gennaio la Fiorentina si è impegnata per altri due giocatori classe 1997 per un totale di 12 milioni. Entrambi sono reduci dall’esperienza agli Europei Under 21. Zurkowski è stato il trascinatore della Polonia. In questi mesi ha studiato l’italiano, arriverà a Firenze con una base che poi dovrà affinare. Anche Rasmussen ha trovato il gol con la Danimarca ma, nello scorso campionato a Empoli, il campo non lo ha calcato con continuità. A Moena Montella li osserverà con attenzione. Infine c’è Gaetano Castrovilli, nato come trequartista ma trasformato in mezzala di qualità e all’occorrenza anche centrale. Negli ultimi due anni ha giocato in prestito alla Cremonese.

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteDefrel è l’ultima idea per l’attacco viola. La Roma e l’affare Barella…
Articolo successivoStadio, giovani e sede: i piani di Commisso. Niente cittadella, addio progetto Mercafir?
CONDIVIDI