La lunga settimana di Badelj, tra dolore e ricordi in viola

3



Il croato ha ereditato la fascia di Astori, poi è andato alla Lazio. Sarà la prima da ex al Franchi, tra ricordi ed emozioni.

La settimana emotivamente più difficile per Milan Badelj si concluderà domenica sera, dopo essere tornato da avversario con la maglia della Lazio al Franchi, su un prato dove spesso ha corso fianco a fianco, con gli stessi colori, insieme a Davide Astori. Forse Inzaghi lo farà giocare dall’inizio. Forse no, considerato il suo eterno ballottaggio con Leiva. Ma le emozioni non cambieranno, scrive La Nazione.

RICORDI. Al Franchi da avversario, sapendo di non essere un nemico per aver ereditato la fascia di Davide, poi lasciata per andare a Roma. Lunedì scorso era a San Pellegrino Terme insieme alla Fiorentina, alla messa per il Capitano. Nell’ultima trasferta contro il Genoa, Badelj ha esultato mimando il 13 verso il cielo. Il ricordo di Astori è sempre presente.

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
max
Ospite
max

Torna con noi…!! Non ti fare infinocchiare dai procuratori…!!!

RINASCIMENTOVIOLA
Ospite
RINASCIMENTOVIOLA

io non ti fischierò però la tua decisione non l’ho capita, qui avevi tutto. li solo i soldi

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

Non l’hai capita? Vedi come siamo messi oggi e ti rendi conto del perché, nonostante tutto, ha deciso di andarsene. A parte i soldi (componente importante ma non fondamentale), evidentemente aveva capito (o visto) quello che stava accadendo e ciò che la società stava decidendo di fare. Allora, vista anche l’età, perché non tentare da un’altra parte per raggiungere qualche altro traguardo, Fosse anche solo una qualificazione ad una coppa? Perché avrebbe dovuto dire di no, di fronte ad un progetto che lo vedeva a far da balia a venti ragazzini? Ognuno dovrebbe essere padrone del suo destino. Lui ha… Leggi altro »

Articolo precedentePrimavera, rimonta e finale (la 4° in due anni e mezzo). Infranto il tabù Inter
Articolo successivoCentrocampisti goleador, ma serve equilibrio: Gerson più di Benassi verso la Lazio
CONDIVIDI