La rivincita di Edimilson: dal rosso con la Samp al gol contro l’Udinese

4



Il centrocampista classe 1996 nell’arco di due settimane ha riscattato l’espulsione contro i blucerchiati con la rete che ha permesso ai viola di pareggiare alla Dacia Arena.

Due settimane fa contro la Sampdoria, Edimilson Fernandes ha probabilmente toccato il fondo per quanto riguarda la sua esperienza in maglia viola. L’espulsione ingenua per doppia ammonizione rimediata nello scontro diretto contro i blucerchiati, ha costretto la Fiorentina a giocare in inferiorità numerica per oltre un’ora e ha influito tanto nell’andamento della gara terminata poi 3-3. Una partita che a dire il vero fino a quel momento aveva visto il centrocampista svizzero giocare anche piuttosto bene al fianco di Veretout, con Gerson leggermente più avanzato. Una macchia che avrebbe avuto tutt’altro peso se la Fiorentina non l’avesse riacciuffata all’ultimo con Pezzella.

Il calcio però come spesso accade tende sempre a dare una seconda opportunità. L’ex West Ham, al suo rientro in campo in campionato dopo aver saltato per squalifica la gara di Verona contro il Chievo, ieri contro l’Udinese si è fatto perdonare realizzando il gol del pareggio con una conclusione angolata che non ha lasciato scampo a Musso. A coronamento di un’altra prestazione diligente da schermo davanti alla difesa, nonostante le prestazioni opache di diversi suoi compagni. Un gol che poi ha avuto in lui anche un effetto di liberazione: gli ha permesso di acquisire maggior sicurezza, permettendogli di avventurarsi anche in qualche dribbling sulla fascia.

La rete segnata al Friuli inoltre è la prima realizzata da uno svizzero nella storia della Fiorentina. E da buon svizzero si è dimostrato puntuale, dato che la Fiorentina ieri ha palesato non poche difficoltà a scardinare la difesa bianconera. Cosa che non era riuscita per esempio al grande ex di ieri, il connazionale Valon Behrami, autore della solita prestazione di quantità e corsa a cui ci aveva abituato anche nella sua avventura a Firenze.

Tornando a Edimilson però la speranza è quella che il classe 1996 possa alzare il livello delle sue prestazioni trovando quella continuità di rendimento che fin qui gli è mancata. Di proseguire questa crescita intravista nelle ultime settimane. La scelta di non acquistare un altro centrocampista nell’immediato probabilmente è stata dettata anche dalla fiducia di dirigenza e allenatore riposta nell’organico a disposizione. I prossimi mesi ci daranno le risposte sia per il suo eventuale riscatto, sia per le sorti viola.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Sangue Viola
Ospite
Sangue Viola

Gran gol, ha dimostrato che il tiro da fuori ce l’ha… provaci ancora!

conte_mascetti
Ospite
conte_mascetti

x gat bastava che l’allenatore mettesse in pratica il turn over!!! abbiamo una rosa abbastanza lunga per una squadra che non fa’ le coppe europee……….. e cio’ andava sfruttato

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Che tristezza le persone intellettivamente ipodotate come quello che firma qua sotto. Ma ce n’è uno assai peggio che definiva Edimilson un non giocatore. È venuto in mente a qualcuno che i viola hanno pagata lo sforzo della super prestazione contro la Roma?

ruzzolapaiolo
Ospite
ruzzolapaiolo

che tristezza questa fiorentina………….. 7 gol alla roma e poi una prestazione piccola piccola, così non si va da nessuna parte…….come ci si spiega…scarsi i giocatori scarsi l’allenatore o tutti e due……………………..

Articolo precedenteRichiesta importante di biglietti per Fio-Napoli. Possibile blitz di ADV nel weekend
Articolo successivoCoppa Italia, ecco quando si giocherà la semifinale d’andata con l’Atalanta
CONDIVIDI