La scalata di Mati. L’agente a Fi.it: “E’ felice, resta qui”

    0



    Matias Fernandez“E’ in un grande periodo di forma”. Parole di Vincenzo Montella nel post Fiorentina-Chievo, soggetto in questione Matias Fernandez. In mezzo alle tante parole su Rossi, sui giovani Wolski e Rebic, e sul come sostituire Pepito e del rientro di Mario Gomez, c’è anche chi come il centrocampista cileno si è particolarmente distinto nella sfida contro il Chievo, e si è preso pure i complimenti di Vincenzo Montella, che continua a dimostrargli attestati di stima sempre maggiori. 

    E che il centrocampista cileno qualità ne avesse e come, lo si era intuito solo a sprazzi, e da qualche video su Youtube. Miglior calciatore del Sudamerica nel 2006, il passaggio al Villareal per quasi 9 milioni di euro nell’ottobre del 2006, fino ad arrivare allo Sporting Lisbona da dove poi è passato alla Fiorentina nell’estate del 2012. 

    Dal suo arrivo in viola, molti bassi e qualche alto. E soprattutto un problema: la continuità. Non solo di rendimento, ma soprattutto a livello fisico. Era arrivato con la fama di giocatore dai muscoli di cristallo, con nell’ultimo biennio uno storico di infortuni impressionante: 

    Stagione 11/12 -16.04.2012-24.04.2012 Problema muscolare Stagione 11/12 – 27.11.2011-20.12.2011 Problemi alla coscia Stagione 11/12 – 22.08.2011-10.09.2011 Problema muscolare Stagione 11/12 – 05.07.2011-13.08.2011 Problemi alla coscia Stagione 10/11 – 30.04.2011-02.05.2011 Problema muscolare Stagione 10/11 – 08.12.2010-25.01.2011 Problemi con la coscia Stagione 10/11 – 25.10.2010-01.12.2010 Strappo dei legamenti interni del ginocchio.

    Ed anche al suo primo anno in viola stessa musica, con a gennaio uno stop per problemi muscolari ed una lesione al bicipite femorale a metà marzo. Il tutto dovuto principalmente a problemi posturali che la Fiorentina ed il suo staff medico hanno provato nei mesi a risolvere attraverso un lavoro personalizzato e specifico. 

    In tutto l’anno scorso Mati Fernandez ha collezionato 25 presenze, 1187 minuti, che vorrebbero dire circa 13 partite intere, tanto che dal primo all’ultimo minuto, in campo, c’è stato solo 5 volte tra campionato e coppa. Ben 14 volte è subentrato per le parti finali di partita, con tanti dubbi e perplessità sul suo futuro. Se fosse o meno da Fiorentina, se fosse o meno in grado di garantire continuità erano i principali interrogativi intorno a lui. Tanto che già a Gennaio 2013 si parlava di possibile partenza per lui, c’era forte il River, poi non se ne fece di nulla, e nell’estate scorsa erano diverse le squadre interessate a lui. Però le ultime due gare di campionato, col Palermo e a Pescara, della scorsa stagione, avevano fatto vedere un grande Mati Fernandez, con il primo centro in Italia, e la percentuale di fiducia in chiave futura che via via stava andando aumentando.

    Quest’anno Mati Fernandez, a metà stagione, è già a 1185 minuti, praticamente gli stessi che aveva messo nelle gambe l’anno scorso. E se ad inizio dicembre il cileno era di nuovo dato come possibile partente, sponda Genoa soprattutto, con anche l’Udinese tra le candidate, adesso Mati è sempre più convincente. 

    “Non ha mai avuto così tanta continuità come in questo periodo, anche in allenamento..”, ha detto il tecnico viola Montella nel post gara di Fiorentina-Chievo di Coppa Italia. Contro i clivensi diverse belle ripartenze palla al piede, buoni numeri in area con una traversa scheggiata e la consapevolezza che in questo periodo di emergenza senza Rossi, e in attesa di Gomez, il contributo di Mati può essere fondamentale. 

    A centrocampo, magari al posto di Borja Valero quando lo spagnolo viene avanzato a supporto di chi gioca davanti, o qualche metro più avanti, tra le linee, dove con la sua fantasia può far male. Tante le partite che di qui a metà maggio dovrà giocare la Fiorentina, tra Campionato, Europa League e Coppa Italia (sperando che in entrambe le competizioni la squadra viola vada più avanti possibile), e serviranno energie e forze fresche, ma soprattutto tanta continuità.

    Il suo agente, Santisteban, commenta così a Fi.it il momento ed il futuro di Mati: “Buon momento? Si trova meglio in questo periodo, sta meglio, non ha avuto neanche problemi fisici negli ultimi tempi, è molto felice di quello che sta facendo quest’anno, con Montella ha un ottimo rapporto. Futuro? Prima di Natale ho parlato con la società viola, siamo in ottimi rapporti, lui ha un ottimo rapporto con la società. E’ felice di stare a Firenze, si trova bene, ha ancora due anni di contratto, quindi nessun problema. Ha un contratto fino al 2016, non abbiamo parlato di eventuale ulteriore rinnovo. Rimane in viola dunque, visto che si era parlato di Genoa per lui? Io non ho parlato con nessun’altra società, quindi sicuramente proseguirà la stagione a Firenze”.

    La Fiorentina lo pagò l’estate del 2012 4,5 milioni di euro. Per molti sembrava ‘un acquisto sbagliato’, per altri ‘un giocatore da attendere’. Il tira e molla tra queste due correnti di pensiero c’è sempre stato, e adesso, Mati Fernandez, va a caccia del ‘è stato giusto attenderlo’.