La sfida di Veretout: diventare il ‘regista perfetto’ del 4-3-3 di Pioli

7



Il francese studia per imparare al meglio il nuovo ruolo. In attesa della condizione fisica migliore.

I 64 minuti giocati a Napoli gli sono rimasti di traverso. Jordan Veretout, quello che la scorsa stagione è stato il capocannoniere viola del suo reparto con 8 reti solo in Serie A, punta a trasformarsi nel regista perfetto. Così scrive Il Corriere dello Sport – Stadio. Sa bene che la sua è una metamorfosi tattica non indifferente, ne ha parlato a lungo anche con Pioli, ma ha subito raccolto la sfida che il proprio allenatore gli ha prospettato. Certo, deve ritrovare la giusta condizione: prima della gara del San Paolo, l’ultima partita giocata era stata col Cagliari, la penultima giornata della scorsa stagione, quella dell’entrata shock su Joao Pedro che gli è costata addirittura tre turni di squalifica.

MANOVRA. Il tecnico, per certi versi, aveva messo le mani avanti già venerdì scorso: quel «fin qui ha giocato solo nelle amichevoli» aveva un significato ben preciso. Adesso, a Marassi, il francese punta a rendersi subito protagonista: tocca a lui provare a costruire le verticalizzazioni più pericolose, cominciando a tessere la ragnatela necessaria ad imprigionare le manovre degli avversari. 

LA SFIDA DI VERETOUT. Ha accettato di buon grado e con assoluto entusiasmo la sfida che gli si è posta davanti e adesso punta a vincerla, continuando a tenere catalizzati su di sé gli occhi del calcio che conta. Sogna di conquistare Deschamps per una convocazione in Nazionale maggiore, lui che ha vinto il Mondiale Under 20 nel 2013 con la generazione di fenomeni guidata da Pogba e che ora punta a riportare in Europa la Fiorentina. 

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
tomcat
Ospite
tomcat

Ma basta per questo 4-3-3, ma a chi la vuole dare a bere piolo? Chi sarebbe il terzo attaccante? Eysseric? Forse il mister non sa che e’ un centrocampista offensivo, ma non la terza punta. Capirei se facesse giocare Sottil a sinistra, o Vhlaovic o Montiel!!!. Mah , cominciato belne il ciclo di ferro, si davvero. Comunque sempre forza VIOLA

Socrates
Ospite
Socrates

Pioli ha qualche titolo più di me per poter decidere dove far giocare un determinato calciatori.
Siamo sicuri però che siamo nelle condizioni di rinunciare alle incursioni con relativi goals di Veretout?

Aspetta & Spera
Ospite
Aspetta & Spera

Questa fa il paio col benassi trequartista di inizio anno scorso…hai un ottimo incursore che vede la porta e ha pure un buo tiro..che fai lo metti davanti alla tua difesa a distribuire palloni sapienti e magari lanci lunghi? Risultati verosimili: : manovra che non decolla e mancanza di inserimenti….vaia vaia

Mario85
Ospite
Mario85

Dato che milenkovic non sale mai xche lo sanno anche i muri che è un centrale, giocherei con difesa a tre con lui, hugo e pezzella, 343

Jax
Ospite
Jax

Mossa veramente poco intelligente! Frutto ancora una volta del solito mercato lacunoso di Corvino. Hai perso il tuo registra titolare nonché capitano? La priorità allora doveva essere il regista! Invece no, perché il mercato lacunoso del scorso anno ha dato la priorità al portiere e all’acquisto degli esterni d’attacco per un allenatore che ha sempre voluto un 4-3-3 ma che l’anno scorso si è adattato.Non si può lavorar così sig. Corvino! Si comprano giocatori senza criterio con formule senza criterio! L’anno prossimo quando ti mancherà Gerson per fine prestito, Pjaca sarà tornato a Torino(ricomprato o non riscattato), venderemmo il Chieso… Leggi altro »

Boh!
Ospite
Boh!

Edimilson dietro e Veretout dove è sempre stato.
Il 4.2.3.1 te lo ricordi? C’ha messo mezzo campionato….

ILBOSSFIORENTINO
Ospite
ILBOSSFIORENTINO

ahahahah esatto adesso con il 4-3-3 gli ci vorrà ancora un altro mezzo campionato per capire che con il 4-3-3 non va mah poi ci si chiede perchè non si va in europa ma per forza con un allenatore cosi dove vuoi andare. 🙁

Articolo precedenteSalah: “Con Mourinho non giocavo, così andai alla Fiorentina. Ma volevo tornare in Premier”
Articolo successivoBuon ‘non’ compleanno, stadio. Annunciato 10 anni fa e mai nato
CONDIVIDI