La squadra ha reagito alla grande ma ora ha bisogno di un altro Fenomeno..

    0



    Borja Valero in azione Torino-Fiorentina 12-01-2014Senza Rossi e Gomez (lo ricordiamo per l’ultima volta) la Fiorentina dà un’immagine più che dignitosa di sè, giocando a tratti molto bene sul campo del Torino. Un pareggio che va ad onore della squadra, dell’ anima del gruppo, colpita in una settimana da due bastonate micidiali (lo stop di Rossi e il rientro rinviato di Gomez).
    Questa partita dice molto su come alla Fiorentina abbia un impianto molto solido, una sua personalità, un dna che la rende abbastanza unica nel panorma italiano. Giocare la palla sempre e comunque, prediligere lo scambio ripetuto (mai noioso) e poi aprire il campo verso la porta avversaria. Ci hanno provato anche ieri all’ora di pranzo, ma davanti c’era solo Ilicic, un «falsissimo nueve» e niente altro. Ci hanno riprovato con i tiri da lontano, e Glik di testa ha tolto dall’angolino una saetta di Borja Valero destinata a finire dentro.
    Montella può essere soddisfatto della sua Fiorentina, da oggi inizia un altro campionato che si gioca sul mercato. Sarebbe dannoso far finta di nulla, serve una valida alternativa a Rossi e Gomez e questa è un’ovvietà.
    Ma ci piace pensare che le voci dall’Inghilterra siano vere: Anderson del Manchester United è un centrocampista di qualità che ha molta esperienza internazionale, sarebbe il modo migliore per reagire alla sfortuna, ribadendo al calcio italiano che la Fiorentina prosegue nel suo tragitto verso l’eccellenza.
    Su queste colonne non siamo mai stati teneri con Neto, soprattutto dopo il suo incerto inizio di campionato. Ma il giocatore ha saputo reagire allo scetticismo generale con una serie di buonissime prestazioni, soprattutto sul piano della personalità e della sicurezza, buone sensazioni trasmesse anche ai compagni. Glielo dovevamo, e siamo felici di sottolinearlo. Ora che la squadra ha una settimana intera per prepararsi alla trasferta di Catania, l’attenzione si sposta agli acquisti e alle cessioni. Per una Fiorentina più forte della iella.