La tripletta di Simeone manda il Napoli all’inferno

Di Angelo Giorgetti - Qs-La Nazione

7



Come riporta il Qs-La Nazione, la Fiorentina non si scansa e il Napoli si schianta, ci sono riflessi viola sullo scudetto quasi cucito sulle maglie della Juve, ma prima di ogni altra considerazione l’impresa esalta il valore di chi stravince con pieno merito la partita: la tripletta di Simeone annienta una versione desolata della squadra di Sarri, che gioca in 10 per 85 minuti _ espulsione di Koulibaly per fallo da ultimo uomo con chiara occasione da gol _ ma contro molti pronostici luccica sul maxischermo del calcio l’orgoglio della serata magica viola.

Fiorentina perfetta, come alla fine perfino il moderato Pioli ammette, mentre niente riesce al Napoli, che dopo la rimonta della Juve a San Siro contro l’Inter stoppa clamorosamente il tentativo di rimonta e naufraga con la testa, prima ancora che con le gambe. Lo stress da inseguimento prolungato mortifica la squadra di Sarri e apre la strada a una sontuosa Fiorentina che, al contrario, gioca una delle migliori partite per determinazione e cinismo, restando ancora agganciata alla possibilità di conquistarsi la qualificazione in Europa, a 3 punti dal settimo posto del Milan.

Ma fa ovviamente più notizia il clamoroso tonfo del Napoli, che Sarri dopo l’espulsione di Koulibaly ridisegna togliendo Jorginho (!) per Tonelli, scegliendo quindi l’assenza totale di rischio in una partita che invece ne avrebbe richiesto parecchio. Il flop è una resa senza condizioni (solo un tiro in porta di Mertens), ma alla fine i giocatori del Napoli – stremati – vanno sotto la curva dei loro tifosi e vengono applauditi.

Simeone esce dal campo con il pallone che spetta a chi ha segnato tre gol (quota 13 in tutto il campionato, battuto il primato dell’anno scorso nel Genoa) e rappresenta il cuore infinito di un gruppo che ha vissuto una stagione devastante. I tifosi del Napoli restano muti, la curva Fiesole nel frattempo canta ‘O sole mio’ con un dialetto passabile. Una storia abbastanza pazzesca.

Perché la Fiorentina pressa sempre bene e costruisce. Simeone segna il primo gol al 34’ sfruttando un’indecisione di Tonelli che non calcola bene il rinvio lungo di Biraghi (Reina battuto di sinistro), raddoppia nel secondo tempo con un tap-in nell’area piccola dopo una ribattuta di Reina, triplica nel recupero disegnando un diagonale basso dopo un lancio lungo di Chiesa. In mezzo a tutto questo, tanta Fiorentina e pochissimo Napoli. Reina seduto nell’area piccola dopo il fischio finale è la foto della disfatta.

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
berlioz
Ospite
berlioz

Quando Orsato smetterà di arbitrare, la Juve per rispetto ritirerà la maglia numero 12…

Alex_viola83
Tifoso
Alex_viola83

Mi rifiuto di ascoltare i tanti che dicono che abbiamo consegnato lo scudetto ai gobbi. Diciamo la verità, il napoli l’ha perso da solo bruciandosi i punti di vantaggio e con un po’ di complicità da parte degli arbitri. Noi abbiamo fatto l nostro come era logico e giusto fare (e qui, onestamente godo e parecchio per tutti i giornalai, caressa in primis, e anche per tutti i tifosi del napoli che pensavano di passeggiarci sopra). Della lotta scudetto non ne salvo una quindi chi se ne frega se abbiamo fatto piangere i napoletani, con tutto il rispetto. E comunque… Leggi altro »

max
Ospite
max

Scandaloso alla domenica sortiva ieri sera…. Mai un accenno alla squadra viola alla sua netta vittoria… Hanno parlato sulo del karachiri del Napoli, come se avessero giocato contro dei fantasmi…. che hanno perso solo per colpa loro… Mai un accenno alla superiorita’ Viola .. CHE bastardi….!!!!

Il Duca
Ospite
Il Duca

semplicemente vergognoso, e non è la prima volta

Francoslo
Tifoso
Francoslo

Grazie d’averlo detto. Avessi avuto il numero della DS! Scandalosamente ignorati,

giovanni di Firenze
Ospite
giovanni di Firenze

Le reti di Silvio B. sono le più obbiettive e danno anche grandi partite di Champions senza canone o payment.

berlioz
Ospite
berlioz

Ma cosa ti vuoi aspettare da quella specie di Tele Roma?

Articolo precedenteFiorentina, il programma di oggi: per i viola giornata di riposo
Articolo successivoPioli gongola: “Abbiamo sfiorato la partita perfetta”
CONDIVIDI