Lafont vs Sportiello, sfida tra passato e presente. Ma il francese ha già fatto meglio

8



Sfida tra numeri uno, con il francese che ha già fatto meglio rispetto al collega in termini di numeri

Sulle pagine sportive de La Nazione in edicola stamani troviamo un focus su Marco Sportiello ed Alban Lafont, il passato e presente della Fiorentina, che domani si sfideranno fra i pali. La squadra di Pioli avrà bisogno sempre delle parate del giovane francese che piano piano sta crescendo, anche se ancora difetta di continuità, come normale che sia per un classe ’99.

Il rendimento, comunque di Lafont, ha di fatto superato quello dello Sportiello viola che nelle prime nove giornate aveva subito 10 reti; mentre il francese è fermo a 7, delle complessive 9 subite dalla retroguardia viola. Difesa del Frosinone, invece, in affanno, battuta per 24 volte. Numeri che raccontano qualcosa. Non tutto, perché come detto l’ex del Tolosa ha ampi margini di miglioramento. Domani anche per lui sarà una riprova interessante.

8
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Deyna
Tifoso
Deyna

Lafont ha personalità, agilità, un ottimo gioco coi piedi [fa molti errori ancora, ma è solo questione di esperienza]. Ma ha anche difetti di impostazione grossi come palazzi: è nullo nella presa tanto da far pensare che abbia delle mani di burro, cappella totalmente gran parte delle uscite, respinge malissimo, in molte situazioni tira indietro il braccino invece di estenderlo [dev’essere la scuola Della Valle…], invece di stendersi in tuffo laterale a un braccio per meglio coprire lo spazio si butta quasi di pancia a due mani come un saltatore in alto degli anni ’30 che non abbia ancora scoperto… Leggi altro »

QuasarScandiano
Member
QuasarScandiano

D’ accordo il ragazzo mi garba parecchio, ma deve smetterla di schiaffeggiare la palla nelle uscite, esca di pugno o rimanga in porta, per il resto può solo migliorare.

Leo
Ospite
Leo

Non c’è paragone. Lafont è un talento (ho detto un talento, non un campione), si vede, Sportiello un portiere normale. Lafont ha una reattività spaventosa e tantissimi margini di miglioramento, se educato bene può diventare fortissimo. Bisogna considerare che ha solo 19 anni, praticamente adolescente, deve lavorare tanto, senza troppi fronzoli e senza pensare di essere arrivato; se ha la testa giusta può diventare un campione!

Gherardo
Tifoso
Gherardo

E’ un predestinato : ha nel dna tutte la caratteristiche per diventare uno dei migliori, se non il migliore.
La domanda è : quando la Fiorentina deciderà di passare all’incasso, vendendolo ?

Sugosa Plusvalenza
Ospite
Sugosa Plusvalenza

Appena arriverà qualcuno che farà fare ai fratellini una SUGOSA PLUSVALENZA da 30 milioni da comparto aziendale!

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

A me Lafont piace. Mi ricorda un po’ i portieri di una volta, che dai più venivano considerati delle teste matte, lui sembra appunto incarnare quello stereotipo anni 70 – 80. Deve farsi, ma penso che grazie ad allenamenti e partite, diventerà veramente un ottimo portiere. Però non riesco a capire perché é stato mandato via Cerofolini col fatto che era stato definito acerbo ed è stato preso un portiere che forse è nelle stesse condizioni. A meno che non sia per il solito motivo, ovvero la plusvalenza.

ottobre viola
Ospite
ottobre viola

Sono entrambi acerbi, ma credo che a livello di prospettiva sono distanti. Lafont diventerà fortissimo. Cerofolini non è titolare nemmeno nel Cosenza. ha tempo per crescere ma è di un livello molto più basso

Nicola Bibbiena
Ospite
Nicola Bibbiena

Articoli e numeri senza significato. Ma ormai è diventato uno stile giornalistico (soprattutto da quando è arrivato Ronaldo, al quale oltre ad essere fortissimo vengono inventati record su misura).
Dico io…come si fa a mettere a confronto epoche, squadre e situazioni completamente diverse?

Articolo precedenteToldo: “Lafont può diventare un gran portiere. Ha talento, gli servono solo delle regole”
Articolo successivoCastello, variante ok. Adesso c’è il via libera per Mercafir, aeroporto e stadio
CONDIVIDI