L’angolo di Bucciantini – Il danzatore d’acqua e di fuoco

51



L’ode di Marco Bucciantini al ballerino Gaetano Castrovilli

Scriveva il poeta più sfortunato del Novecento che “colui che danza cammina sull’acqua e dentro una fiamma“.

E correva, il giocatore che più ci avvicina alla poesia in questa strana stagione viola, ricordando la danza, che fu la prima passione: leggero, come se dall’alto qualcosa lo muovesse sopra gli affanni dei difensori. E così attaccato al prato verde, come se dal basso qualcosa lo abbarbicasse al terreno. Un ballerino è l’elegante sfida alla gravità, un atleta è la fisica lotta contro la materia e gli uomini, le resistenze, gli attriti, gli agguati. La palla è un po’ come se uno scherzo, o un rimbalzo, cercasse di mettere insieme un sogno di grazia e la necessità del sudore.

Correva Gaetano Castrovilli, verso la sfida più difficile, verso Allan: di solito è la porta chiusa dei tentativi di evasione di qualsiasi mezzala che passi da lì, ma il ballerino sembra volar via dal buco della serratura, come un vento dispettoso e imprendibile. Poi gli altri, saltati a destra e a sinistra, aggirati da sterzate contromano, inversioni, adescati da surplace e piantati lì. Sorpassati (quando serviva) da cambi di gioco e di senso.

Il San Paolo è uno stadio che mostra le rughe ma serba memorie di slalom leggendari: del più grande, Diego, ma anche di un ragazzo che quel giorno di settembre di 31 anni fa era ancora nostro e si chiamava Baggio.

Ecco dove si finisce con il calcio: a delirare, a rammentare quelli che devono restare soli, abitanti di un Olimpo fatto di monolocali. Il calcio: una vittoria, una corsa, una speranza. E poi bisogna detestare i paragoni: tolgono sempre identità e confondono, non si capisce più di chi si scrive o si parla: lui o l’altro?

Bisogna sempre stupirsi come davanti a una natività. Castrovilli, allora. Che ha danzato da bambino (ma solo per un anno appena, dice dispiaciuto) e del ballerino ha la centralità e il controllo del corpo, concetto ormai decisivo non solo nello sci e nel tennis, ma in tutti gli sport, se è vero che gli allenamenti dei muscoli stabilizzatori sono ormai ripetuti da tutti gli atleti. Del danzatore ha il capo alto e lo sguardo in avanti, esibito alla platea, per dissimulare e fingere di saper contenere lo sforzo. Come un ballerino non teme di azzardare le gambe negli ingorghi. Se a volte quella corsa si arriccia, quasi a cercare avversari dimenticati, resta sempre un’idea verticale, un approdo dall’altra parte del campo. Spesso, Gaetano sembra il soldato sacrificato, mandato da solo fra le linee nemiche, con due squadre al riparo nelle rispettive trincee.

Quante volte, nell’autunno freddo della Fiorentina, ci è sembrato per indole e audacia perfino distante dagli altri? Eppure quasi sempre sopravvive, e quelle volate danno coraggio ai fratelli impauriti da queste battaglia che adesso ci sembrano possibili, ma fino a dieci giorni fa erano angoscianti prove di debolezza. Il soldato attraversa due linee di fuoco ma sembra fatto di materiale ignifugo, e la palla è sua.

Altre cose: in questi cinque mesi ci sono i 3 gol, tutti realizzati con un tocco solo, testimonianza di una limpida lettura del gioco tale da portarlo in area al momento giusto, nel posto giusto. Qualità indispensabile nei centrocampisti moderni, dove nessuno può più nascondersi in lavori parziali, e infatti Castrovilli lavora, recupera, raddoppia, e poi parte. Nei prossimi cinque mesi ci saranno tiri tentati con maggiore serenità, e passaggi lunghi (i filtranti già si vedono), soprattutto se davanti si muoveranno attaccanti di mestiere, e terzini arrembanti negli spazi che sono l’aria da respirare, il campo da cercare per restituire bellezza e pienezza a una squadra che si sta fortificando nella scoperta di sé.

Intanto Castrovilli: che ci permette anche di fare pace con il passato recente (Montella lo tiene a Firenze, lo incoraggia, lo propone). che ci permette di usare le belle parole, di immaginare, di aspettare qualcosa quando la partita sembra incagliata. Castrovilli che è acqua e fiamme, nato ai margini dell’altopiano ma con l’Adriatico a vista, come la più grande ballerina della storia, Isadora Duncan, che faceva risalire a quell’influsso la sua arte, perché – nata in riva al mare – la prima idea del movimento e della danza le venne di sicuro dal ritmo delle onde. E guardalo, Castrovilli, mentre si muove in campo come la schiuma accompagna l’onda, fino alla fine delle forze.

L’uomo con il cappellino, per fortuna nostra più prosaico e al quale dobbiamo questa sconclusionata esaltazione così appropriata all’inizio di un nuovo decennio, ci ha detto che il danzatore può segnare 10 gol a campionato, deve imparare a ricevere la palla di taglio, per essere subito orientato verso l’attacco, semplificando così l’esercizio. Che deve tirare e calciare di più perché sa farlo: le parole perfette per arricchire di tempo e felicità questa speranza danzante. E non c’è niente di più bello di un sogno quando ti dicono che l’alba è lontana.

51
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Luigi Giovannini
Ospite
Luigi Giovannini

Grande Bucciantini un vero poeta. sempre emozionante.

A parer mio
Ospite
A parer mio

Grazie Marco Bucciantini per questo articolo, una vera perla .
Merce rara nel mondo del giornalismo dove pochissimi sanno scrivere.

Doctor mj
Ospite
Doctor mj

Ma i che tu leggi a fare

Rasputin
Ospite
Rasputin

Castrovilli se non si sciupa diventera uno dei calciatori piu’ forti al mondo auguri

Chianti
Ospite
Chianti

Un GRAZIE alla Redazione per donarci queste righe GRAZIE. al Sig Bucciantini (da quando c’è lui riesco a vedere anche il Salottino di SKY…….) che oltre ad un’elevata visione tecnica a 360′ ha nel comunicare facilità di esprimere concetti e paragoni azzeccati portandoli in prosa perfetta….. Complimenti Per Gaetano che dire? Solo le perle con il Napoli (il cucchiaio a Chiesa è da stropicciarsi gli occhi……senza esagerare ……Messi ha questa capacità……e se si segnava andava in mondovisione ….) sarebbero da far vedere in qualsiasi scuola calcio…… Sembra che per lui e solo per lui, la linea laterale sia un muretto… Leggi altro »

Batigol,pc
Ospite
Batigol,pc

Marco Bucciantini:un poeta che si occupa di calcio…..grande.

Ponzio
Tifoso
Ponzio

è un ritratto molto appropriato di Castrovilli che sembra un ragazzo di altri tempi, se non fosse per quella zazzera ribelle e per i tatuaggi del XXI secolo. Avevo letto che aveva fatto danza, ma credevo fosse una fantasia, invece Buccia lo conferma. Forse dovremmo smetterla con i preconcetti e incoraggiare i giovani atleti ad accostarsi anche alla danza perché dona equilibrio e disciplina più di altri sport, inoltre non preclude l’approdo neppure a sport di squadra.

Max
Ospite
Max

Un monte di discorsi e di elogi… Ma non arriva nessun rinforzo.. La classifica non è delle migliori non so se ve ne siete accorti…

Maria Celia Bresciani
Ospite
Maria Celia Bresciani

Ho letto l’articolo appena pubblicato a mezzanotte ( due volte), e il mio pensiero è volato lontano,nel tempo, poesia viva, piena di magia che rispecchia la ricchezza interiore e culturale di questo giornalista. Un ode fantastica a questo gioiello della viola che si chiama Castrovilli, La danza ti insegna disciplina,abnegazione, sacrificio,, “Bellezza e Libertà” come diceva la grande Isadora Duncan,, pioniera della danza moderna. , La stessa bellezza e libertà che trasuda nel nostro Gaetano, gioia per gli occhi che lo guardano danzare col pallone, Grazie Bucciantini i suoi articoli sono pillole per l’anima viola.

Ruiunico10
Tifoso
ruiunico10

non ho piu’ parole per dire quanto è forte questo ragazzo .. Castro non lo vedi mai in affanno , è questa la sua qualità piu’ lampante , da qualsiasi impiccio esce a testa alta .

Il controeditoriale del Buccia
Ospite
Il controeditoriale del Buccia

Scriveva il poeta più sfortunato del Novecento che “colui che danza senza gnocca spera sempre che prima o poi gli tocca“. E una volta correva, il giocatore che più ci avvicina alla gnocca in questa strana stagione viola, ricordando la danza, che fu la passione prima della gnocca: leggero, come se dall’alto non lo riguardassero gli affanni dei tifosi. E ora così attaccato al prato verde, come se dal basso qualcosa lo abbarbicasse al terreno. Un boa è l’elegante sfida alla gravità di un attacco senza centravanti, è la fisica lotta contro la corsa degli uomini. Travolto da un insolito… Leggi altro »

Rigomito
Ospite
Rigomito

Ah! La Poesia!

sergio intrigo
Ospite
sergio intrigo

Poco da fare..l’allievo supera il maestro: grandi entrambi, Bucciantini e il suo sorprendente Controeditoriale!

Nano
Tifoso
nano

Bucciantini unico ed eccellente narratore di sport. Ma occhio mangia i bambini e menomale che è di Campiglia e non di Vicopisano. Scherzi a parte bravo! Ho preferito altri scritti questo l’ho trovato un po’ ridondante ma l’ispirazione giustifica l’eccessiva mielosità.
Ancora bravo.

Losved
Member
Losved

Grazie Marco, Gaetano è tutto questo è noi del popolo Viola ne siamo orgogliosi !!! FVS.

guido
Ospite
guido

Grazie redazione per donarci i suoi scritti.

guido
Ospite
guido

Caro Bucciantini, è una vita che leggo, divoro libri, annaspo tra le righe, ma non ho mai letto niente di più avvincente del suo scrivere : va oltre un triller, perché più si legge e più si è ansiosi di sapere cosa dirà la riga successiva. Scriva più spesso per noi. La viola con tutte le sue contraddizioni ( accresciute dai tifosi) le fornirà sempre materiale per il suo ardito scrivere. Nel suo scritto di oggi non so se danza più lei tra le parole o il soggetto sul campo, Attendiamo il prossimo. Grazie

RobertoIlToscano
Member
RobertoIlToscano

Bravo Marco.

Stefano CdM
Ospite
Stefano CdM

Qualcuno lo ha rinominato Fred (Astaire), Lo trovo azzeccatissimo.

alois
Ospite
alois

Gaetano vai libero stai ombreggiando Baggio E’ così………Forza viola Alois

Ciocio
Ospite
Ciocio

Non diciamo caxxate…per favore,Baggio vinceva le partite da solo sia nel club che in nazionale.
Poi sono 2 ruoli diversi,anche per questo imparagonabili…

MARCO
Ospite
MARCO

ANCHE LO SPORT, CON BUONE PENNE, PUO’ ESSER EPOESIA…

sonia
Ospite
sonia

Bucciantini sei un grandissimo!! ti ho sempre apprezzato tanto! mi hai fatto emozionare con questo tuo bellissimo raccontare del nostro Gaetano. Sembra una dolce favola e favola non è perché questo ragazzo che ti ha fatto, che ci ha fatto innamorare è realtà, una bellissima realtà godibile tutte le volte che gioca la nostra amata Fiorentina. Grazie ancora Marco per averci deliziato con il tuo scritto!!!💜❤💜❤

Ciro viola
Ospite
Ciro viola

Idillio Bucciantiniano. Inno alla magia .

fabio f 1970
Ospite
fabio f 1970

Meno male che Corvino non è più nella fiorentina perché sennò veniva venduto.
Le vedove di Panzaleo possono mettere tutti i pollici in giù che vogliono ma questa cosa erano già stata decisa…

Violalè
Ospite
Violalè

Bellissimo commento, un’ oasi di poesia fra tante polemiche. Gaetano danza per noi….

Alessandro Panicucci
Ospite
Alessandro Panicucci

fate un bello striscione da portare allo stadio, cin scritto Gaetano…. danza per noi

Enrico
Ospite
Enrico

Meraviglia, quando vedi che una mente acuta trasforma il calcio in poesia plasmando un atleta in sembianze al tempo stesso eteree e concrete . Bravo Castrovilli e bravo Bucciantini e sempre Ale Viola!!!!

Senzapaura
Tifoso
Senzapaura

Quando alcuni mesi fa si lesse che da piccolo aveva fatto danza, da subito si capì cosa gli era rimasto.

Go.1951
Member
go.1951

Bravo Bucciantini…anche il calcio è poesia e Castro è un vero poeta.

Mau 46
Ospite
Mau 46

Ogni volta che leggo Bucciantini strabuzzo sempre di più.
Non so immaginarmi qualcosa di meglio , di vero , di reale.
Da arrivar li e fermarsi. Nel caso specifico di Castrovilli , l’unico ad oggi ad aver inquadrato alla perfezione e con la giusta enfasi la nuova realtà Viola.
Leggere Bucciantini e le sue reali verità espresse con una capacità unica , è un piacere immenso.

antico viola
Ospite
antico viola

Mai commento fu più appropriato!
Castro è Castro, non cerchiamo nel passato il suo sosia: è il piacere degli occhi, è l’arte nel calcio è il dio Eupalla che ha deciso di deliziarci. Grazie.

angelo scandicci
Ospite
angelo scandicci

dopo tanto un vero articolo.

Stefano
Ospite
Stefano

10 per l’ode di Castrovilli
Bucciantini Eccelso

Passator Cortese
Ospite
Passator Cortese

Elegante articolo….come elegante e di classe è il gioco di Castro. Un diamante allo stato puro. Diamogli la maglia numero 10; è il giocatore che impersonifica meglio “colui che giocava guardando le stelle”.

mister
Ospite
mister

colto…..

murray rothbard
Ospite
murray rothbard

Il salottino di Sky ha uno spessore diverso quando c’è Bucciantini

egidio
Ospite
egidio

E pensare che come commentatore tecnico ci ha lavorato l’ex calciatore Mauro.. Ma per fortuna l’hanno capito..

Roberto
Ospite
Roberto

Il sommo Buccia …… Grande

Nick
Ospite
Nick

Bel risveglio stamani. Pieno di gentilezza e competenza. Grazie

Gamberoviola
Tifoso
gamberoviola

” E non c’è niente di più bello di un sogno quando ti dicono che l’alba è lontana””. E’ una frase perfetta per tutti noi tifosi della Viola !

Fattura elettronica
Ospite
Fattura elettronica

Sommo Bucciantini, grazie redazione per averlo coinvolto e donato lettura a noi tifosi e frequentatori del sito, le sue parole così ben romanzate. Da un suo estratto e dalla volontà espressa nelle ultime 3 partite, concretamente spero e credo possiamo riprenderci le posizioni in classifica che ci competono : ” .. per restituire bellezza e pienezza ad una squadra che si fortificando nella scoperta di sé. ” Si !! Finalmente abbiamo ripreso vigore ed Anima, forza ragazzi forza Viola ci aspettano i tanto agoniati tempi migliori. Quanto è bello tifare la Viola ..

Magic Kangaroo
Ospite
Magic Kangaroo

Molto lirismo….parole appropriate e canterine…..bravo Buccia.

par
Ospite
par

bellissimo!!!!!!!

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Bucciantini è un poeta al livello di un Rondoni. Di Marzio è uno scherzo della natura di pessimo gusto. Dopo averlo visto giocare per mezz’ora di Castrovilli scrissi che è il più forte della rosa. Da uno del suo spessore (non solo calcistico) c’è da attendersi forse addirittura fedeltà a vita. Mettiamogli a fianco Amrabat e Tonali. Sarebbe il miracolo di San Rocco.

Gangia81
Ospite
Gangia81

Con Amrabat e Tonali sarebbe probabilmente il centrocampo più forte e futuribile della serie A.

Giuda
Ospite
Giuda

Ce lo dice anche a noi l’autore della citazione o dobbiamo cercare ”poeta più sfortunato del Novecento” su Google?

Redazione Fiorentina.it
Admin
Noble Member

Federico García Lorca

Domenico
Ospite
Domenico

ALLE CINQUE DELLA SERA I RAGAZZI DI GRANADA

Stripo
Ospite
Stripo

Penso anche io che ci sia spazio per sognare. Nelle difficoltà di questa prima parte di campionato la sua presenza è stata l’unica grande consolazione.

zizzania
Ospite
zizzania

Grande Bucciantini, mai banale. Hai fatto un quadro di Castrovilli che pare disegnato dal Botticelli. Onore a te.

Articolo precedenteDal Brasile: Pedro firma oggi con il Flamengo. Ecco le cifre
Articolo successivoCirca 100 tifosi in attesa di Cutrone e Bonetti al Fiorentina Store (FOTO FI.IT)
CONDIVIDI