Larini: “Tutte le squadre fanno business, modello Viola non è come quello dell’Udinese”

1



L’ex dirigente bianconero si è soffermato sulla prossima gara e su come vede la rosa gigliata

Fabrizio Larini, ex dirigente sportivo dell’Udinese, ha parlato su Lady Radio: “Fiorentina-Udinese sicuramente sarà una gara interessante da vedere, anche perché l’Udinese è in ripresa: ha un allenatore che si deve ancora ambientare nel campionato italiano, e che troverà una Fiorentina che è partita benissimo contro il Chievo”.

“Progetto Fiorentina simile a quello Udinese? “No, non è come l’Udinese, i bianconeri lo fanno semplicemente per sopravvivere nel calcio che conta, a fronte di una città “piccola” come Udine: ciò dà una certa solidità economica al loro progetto, essendo il calcio di per sé dispendioso. La Fiorentina invece ha obiettivi diversi, anche se oramai tutte le società di calcio italiane fanno business: si pensi alla Roma, ma anche alla stessa Juventus; non c’è da meravigliarsi”.

Squadra giovane vantaggio o svantaggio?Quando parti con una rosa giovane una percentuale di rischio esiste sempre, poi dipende anche dal lavoro della società e dei tecnici. A Firenze ci sono tecnici di livello, come ovviamente lo stesso Pioli che stimo. La cosa stimolante è che i giovani hanno grandi margini di miglioramento, si veda per esempio a Simeone, che è cresciuto tanto in confronto alle stagioni passate”.

Pioli e l’Europa? “Lo reputo un ottimo tecnico che ha ottenuto ottimi risultati, sulla sua validità non c’è alcuna ombra di dubbio. Arrivare in Europa non sarà comunque facile, ma la Viola ci può provare”.