L’arma delle ripartenze contro l’Atalanta: Montella si affida alla velocità di Chiesa e Muriel

27



Da Montella a Pioli, l’arma migliore della Fiorentina è il contropiede con Chiesa e Muriel. Verticalizzazioni e velocità anche a Bergamo.

Due partite, un’idea confermata con la squadra a disposizione. Montella e una Fiorentina ‘trasformista’, dal 4-3-3 al 3-5-2 a seconda delle fasi della partita. Bologna prima, la Juve poi, con in testa Bergamo. Una squadra in crescita a Torino, con idee chiare, tocchi veloci e tante azioni in verticale. Una partita particolare, certo, contro i campioni d’Italia che badavano più ad attaccare che a difendere. Ma la Fiorentina la sua bella figura l’ha fatta. Puntando sull’unica vera arma a disposizione: le ripartenze veloci.

DA PIOLI A MONTELLA. Montella ha così rispolverato quella caratteristica che all’alba del 2019, con l’innesto di Muriel, sembrava potesse far svoltare la Fiorentina. Recupero palla e ripartenza veloce: anche Pioli ci aveva costruito il girone di ritorno dei suoi, con il colombiano ed un Chiesa più avanzato liberi di agire in velocità. Il tutto aveva prodotto 27 gol in 9 gare tra campionato e Coppa Italia, dal 2-0 al Torino al 3-3 contro l’Atalanta. Nel mezzo goleade e partite scoppiettanti. D’un tratto erano scomparsi i problemi di sterilità offensiva della prima parte del campionato, ma erano emerse tremende fragilità difensive.

INVOLUZIONE E REAZIONE. L’entusiasmo si è poi ridotto a poco a poco senza risultati. Con una squadra involuta, senza sorrisi e incapace di creare con continuità. Sette gol fatti nelle ultime 8 partite di campionato sono la fotografia dell’involuzione dell’attacco viola. Che aveva perso incisività, convinzione, brio e fantasia. Fino allo Stadium. Quando Simeone, Mirallas & co. hanno sprecato molto, ma anche creato e messo paura alla Juve. Con un Chiesa tornato straripante dopo i problemi fisici.

VELOCITA’. Certo, contro la Juve perfino ‘scontato’ fare una gara di ripartenze, ma mettere in pratica un’idea precisa non è stato banale. Così come riuscire a creare tante palle gol specie nei primi 45 minuti. ‘Se ci fosse stato Muriel…’, hanno pensato in molti nel primo tempo di Torino, con gli ampi spazi che si creavano. Montella spera di poter bissare contro l’Atalanta. Una squadra che sicuramente starà più attenta, ma che non fa certo delle capacità difensive le proprie qualità. Lo si è visto all’andata in Coppa, così come nell’arco della stagione. I 41 gol al passivo in 32 gare di campionato ne sono la conferma, nonostante i due 0-0 di fila contro Inter ed Empoli e le sole 5 reti incassate nelle ultime 7 gare. La Fiorentina, dopo la reazione contro la Juve, ci crede adesso un po’ di più. Serve vincere a Bergamo per conquistare la finale. Magari affidandosi proprio alle ripartenze. Senza regista o gente con piedi fini in mezzo, la vera arma a disposizione di Montella.

27
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Mauro
Ospite
Mauro

Secondo me Muriel e Ilicic giocano lo stesso calcio come Chiesa e Gomez
Queste due coppie Ilicic – Gomez e Muriel -Chiesa determineranno l’esito della partita

Francesco
Ospite
Francesco

L’arma delle ripartenze…….come se è l’Atalanta con 2 risultati su 3 a doversi scoprire. Complimenti 🙂 🙂 🙂

Aldo
Ospite
Aldo

Aggiungo che per tutto il campionato non ho visto giocare bene Gerson. E per me giocare bene vuol dìre unire la qualità alla quantità.

drummer
Ospite
drummer

Serve una partita oltre che tatticamente perfetta, di estrema concentrazione e sacrificio di tutti gli undici giocatori in campo. Riusciranno i nostri spesso “disattenti” eroi a conquistare la finale??? Io me lo auguro!!! Forza VIOLA !!!!

Aldo
Ospite
Aldo

Se Montella lascia fuori Benassi per Gerson, resterei molto sorpreso. Io manderei in campo quelli che sputano l’anima e che hanno il colore viola addosso, non il giallorosso.

pizzulaficu
Ospite
pizzulaficu

Con quella difesa che abbiamo lei può dire ciò che vuole !
Le ripartenze certe saranno dalla lunetta di centro campo, dopo ogni gol beccato.

Alebg
Ospite
Alebg

Sempre in prima fila quando c’è da infamare la squadra o chiunque, vero?

kubik
Ospite
kubik

per me Vincenzo se la gioca così a bergamo: lafont, milenkovic,pezzella, ceccherini ,biraghi, mirallas dabo veretout, edmilson e davanti chiesa e luis. tutti dietro e ripartenze veloci. non vedo molte altre alternative.

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Se al posto di Simeone ci fosse stato Muriel con la Juve sarebbe andata in un altro modo, perché perlomeno lui sarebbe riuscito a sfruttare il contropiede che il cholito ha concluso malamente passandola al difensore anziché a Chiesa. Senza contare le scemenze combinate da Simeone nel resto della partita.
Farlo giocare titolare è stata una tragedia annunciata, ma voglio pensare che Montella volesse far riposare il colombiano per l’Atalanta… E non all’altra possibile ragione, cioè che Simeone fosse stato imposto dall’alto per non svalutarlo o per chissà quale altro motivo idiota.

il sindaco
Ospite
il sindaco

Piu’ che le ripartenze a noi servono le partenze, di Corvino, Gnini e della dirigenza al completo ( scusa Antonio ma te la sei cercata), e piu’ di tutti dei DV.

Pio Canti Senefreghetti
Ospite
Pio Canti Senefreghetti

Questa è una battuta mirata e molto pertinente ,se la stagione si concludesse cosi sarebbe l’auspicio alla rinascita viola , bravo Sindaco !!! .

Kurt Hamrin
Ospite
Kurt Hamrin

A questo caso mai ci si pensa dopo la partita………schiocchino, sennò che c………di tifosi saremmo?

Cecco
Ospite
Cecco

Ma quali ripartenze.

L’Atalanta con il cavolo che si scoprirà…ci vuole ma un centroavanti d’area e di fisico.

Forza Viola!!!!

Bischero
Member
Bischero

L atalanta gioca al calcio ergo concede qualcosa sempre …non credo facciano catenaccio

Articolo precedenteZenoni: “Se l’Atalanta gioca come sa non ce n’è per nessuno”
Articolo successivoAmoruso: “A Bergamo servirà la partita perfetta a livello difensivo. Concessi troppi gol”
CONDIVIDI