Le grandi ali viola. E Chiesa sembra Andrej Kanchelskis

di Alberto Polverosi - Il Corriere dello Sport-Stadio

15



Sousa ha detto una cosa interessante su Chiesa: «Lo stiamo allenando non solo per il gioco sulla fascia ma anche per il cordone interiore». Traduzione: non solo ala, ma anche centrocampista. E’ giusto così. A 21 anni, con le doti che madre natura gli ha regalato in dosi tanto generose, bisogna aumentare sempre più le conoscenze, poi sarà il calcio stesso a indicare una strada, un ruolo preciso. Chiesa ha giocato due partite significative contro due delle prime tre squadre della Serie A, la Juventus e il Napoli. Il ragazzo c’è con la testa, ancor prima che con le gambe e con i piedi.

E’ un giocatore su cui la Fiorentina può costruire il suo futuro, al pari di Bernardeschi che ha tre anni e due campionati di Serie A più di lui. Sono diversi, chiaramente: Bernardeschi ha un talento puro, che a volte sembra perfino cristallino e a volte si spegne (come è successo a Napoli); Chiesa ha il furore dentro, ha la rabbia, il ritmo, l’intensità, la velocità. A Firenze non mancano gli esempi di ali destre, da rintracciare nella leggenda (Julinho e Hamrin), nella storia (Daniel Bertoni, Enrico Chiesa, il padre, tutt’e due più attaccanti che ali) e nella cronaca (Salah, Cuadrado e Joaquin), tutti giocatori con caratteristiche diverse da quelle di Chiesino.

Quando è sulla fascia con la palla al piede a noi viene in mente un’altra ala destra viola dei tempi di Ranieri e poi Malesani, Andrej Kanchelskis. Nazionale russo di origini ucraine, aveva giocato nel Manchester United, poi passò all’Everton dove la Fiorentina di Cecchi Gori lo prese nel ‘96. Un terribile scontro con l’interista Taribo West, con conseguente rottura della caviglia, lo spinse verso il tramonto della sua carriera. Kanchelskis era un’ala destra pura che segnava tanto: 38 gol in 122 partite con l’United e 20 reti in 52 gare con l’Everton. Dell’ucraino, Chiesa ha lo scatto, la progressione e il senso del gol. Vede la porta e sa come trovarla. Segnerà tanto anche lui. Alla sua età, arriveranno anche i giorni down e quelli saranno i giorni in cui i fiorentini, sempre impazienti, dovranno aspettarlo con calma. Chiesa può diventare il futuro della loro squadra.

15
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
ETTORE DI VARESE
Ospite
ETTORE DI VARESE

Non va spompato come si è fatto un po’ con Berna…
Maturare non vuol dire sfruttare. Purtroppo Susa è sempre portato ad
utilizzare sempre gli stessi calciatori che così finiscono per andare in tilt.

deno
Ospite
deno

Interessante il confronto e le similitudini, per me anche fisiche, con Kanchelskis. Però ricordiamoci che il calcio è cambiato e vien da sorridere al pensiero che Chiesa possa essere il futuro della squadra. Se mantiene quello che sta promettendo gli verrà messo il prezzo di vendita sulle spalle (clausola rescissoria) e tanti saluti.

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

Speriamo di no…il ciliegione di Natale l’ hanno rotto tutto!!!

Erny
Ospite
Erny

Per me 100 volte Daniel Bertoni classe pura e l ho visto pure dal vivo

Daniele
Ospite
Daniele

Vista la tirchieria della proprietà attuale si è costretti ad andare a scomodare campioni che ci compravano altri presidenti.
Ora Chiesa è come Kanchelskis, tra un po’ Vecino come Rui Costa, Baba come Batistuta e Tata come Toldo.
L’unica cosa che i braccini vogliono identificata solamente in loro è la bacheca dei trofei sempre ben ordinata e sgombera, cosicché nessuno potrà mai eguagliare i loro leggendari traguardi.
E tutti zitti.

Drago, Ginevra
Ospite
Drago, Ginevra

Il padre era un FUORICLASSE. Il ragazzo puo’ diventare piu’ forte del padre.

luca viola vero
Ospite
luca viola vero

Certo che si in poche parole ha due p… Cosi sotto sono stato chiaro???forza viola

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Daniel Bertoni era solo un gregario di lusso. Enrico Chiesa un fuoriclasse in grado di condizionare un campionato. Perso lui per infortunio precipitammo tra i cadetti. Per me devi solo tirare il fiato ogni tanto: resta comunque il più forte di tutti.

Erny
Ospite
Erny

Daniele Bertoni classe pura,non esistono più oggi solo furore agonistico senza cervello

Altai
Ospite
Altai

Daniel Bertoni un gregario di lusso???????????????…..Ma posa i’ fiasco…casomai era un vero vagabondo, ma quando diceva di giocare si metteva nel taschino Chiesa e diversi altri

mario
Ospite
mario

vedendo il napoli mi vien da pensare:

difesa con salcedo astori gonzalo olivera
centrocampo a tre con vecino badelj borja…
attacco a tre con chiesa kalinic berna
e in questo modulo avrei visto bene anche rossi e zarate alla mertens punta centrale (quando avresti dovuto far rifiatare il buon kalinic).

ma no, lui ci ha il suo dogma assoluto!!

THE BOSS
Ospite
THE BOSS

Magari Gonzalo era un pochino infortunato…………..ma documentarsi prima no eh?
Se Gonzalo fosse stato disponibile avrebbe riproposto la stessa formazione vista con la Rube ad eccezione forse di Borja.

mario
Ospite
mario

ciao volpe, ti e’ sfuggito il piccolo dettaglio che il mio non era un riferimento alla singola partita contro il napoli, ma a tutta la fase di inizio campionato, quando il suo dogma assoluto era il 3-4-2-1…
prima di scrivere, prova a leggere meglio e a ragionare!
vuoi il dettaglio della partita?
bene, allora ti dico che infortunato gonzalo, usi de maio. La proprieta’ te lo ha comprato come alternativa a gonzalo, e tu lo usi!
non mi rimetti tomovic!

Tullio
Ospite
Tullio

21 anni ma Chiesa non ha solo 19 Anni ?

Schiacciasassi
Ospite
Schiacciasassi

Fanno gli articoli con il #taglia e incolla #

Articolo precedenteDal Genoa al Genoa, un mese dopo. Dal Milic ala sinistra a un’autostima ritrovata
Articolo successivoFiorentina, tre ‘no’ per Caceres, Silvestre e Giaccherini
CONDIVIDI