Lega, Lotito spinge per Beretta. Viola e le 5 big per un presidente ‘politico’

di Marco Iaria - La Gazzetta dello Sport

2



Ultima tra le componenti, la Lega Serie A celebra oggi la sua assemblea elettiva, con vista sulle consultazioni federali del 6 marzo. Ma la fumata nera è l’ipotesi più probabile, con rinvio di alcuni giorni. L’unico nome che circola è quello dell’uscente Maurizio Beretta, nel quadro di una continuità sponsorizzata da Lotito e da un gruppo di medio-piccole. Arrivare a 14 voti è la mission del patron della Lazio, magari con la promessa di una rivisitazione della struttura della Lega imperniata su commissioni per specifici argomenti presiedute da questo o quel dirigente di club. Al momento le adesioni non paiono sufficienti per riconfermare Beretta già oggi, ma Lotito non dispera. Chi vuole una riforma radicale della governance punta a giocarsi le ultime chance, anche con il rischio di non eleggere un presidente entro il 6 marzo. In questo caso la Figc non interverrebbe subito nominando il commissario ma darebbe un termine stringente alla Lega.

GUAZZABUGLIO La bozza di riforma delle sei grandi (Juve, Milan, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina) è circolata nei giorni scorsi sui tavoli delle società. Prevede un presidente di rappresentanza con funzioni politiche, un amministratore delegato che si occupi dello sviluppo del prodotto e un consigliere delegato alla parte sportiva, tutti e tre consiglieri federali. Impossibile trovare 14 voti tra i presidenti, che in questi anni hanno preferito esercitare un controllo sulla Lega guardandosi bene dal delegare alcunché a terzi. Ci sono medio-piccole ben disposte a una riforma dello statuto, come Cagliari, Sampdoria, Torino, Bologna, ma rimane per tutte il nodo dell’articolo 19, che stabilisce i criteri di ripartizione dei proventi tv. Troppa carne al fuoco per trovare un accordo per una nuova Lega, per di più con questi tempi molto stretti.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Cuoreviola
Tifoso
Member

Gnigni Presidente e plusvalenze dalla vendita dei diritti TV

Martello viola
Ospite
Member

Ci vuole un Presidente che scorpori la A con coraggio NON SI PUÒ CONTINUARE COSÌ C’È TROPPO DIVARIO INCOLMABILE ORMAI CHE DURA DA ANNI…È BENE CHE LE SOCIETÀ CHE VANNO BENE INSIEME ALLE PROPRIETÀ VENGANO PREMIATE MA COSÌ FACENDO FANNO DA APRIPISTA PER QUELLE POTENZIALI DA FIORENTINA TORINO UDINESE BOLOGNA GENOA SAMPDORIA RIPETO NE VA DI MEZZO IL CALCIO TUTTO ITALIANO. TRA QUESTE SQUADRE E LE PRIME 4 C’È UN DIVARIO COME TRA LA A E LA B…ERGO BISOGNA CAMBIARE X STIMOLARE ANCHE LE PROPRIETÀ ORA PIGRE.

wpDiscuz
Articolo precedenteGiampaolo annuncia: “Voglio proseguire e migliorare il mio rapporto con la Sampdoria”
Articolo successivoEuropa League: da mercoldì le gare di ritorno dei sedicesimi di finale. Il programma
CONDIVIDI