L’empatia che alberga altrove..in una settimana un pò così..

0



Rossi che lascia la Fiorentina e vola in Spagna al Levante. Suarez che ottiene 72 ore di permesso per valutare le offerte di mercato (la Premier è alle porte per lui), i daspo caduti a pioggia su 12 tifosi viola che porteranno il centro della Fiesole a lasciare vuoto per la prima mezz’ora di Fiorentina-Torino il loro spazio in Curva e l’ormai vecchia polemica su ciò che la proprietà viola poteva fare e che invece non ha – oppure ha – fatto in questa sessione di mercato a seconda di come la si veda. In tutto questo c’è una gara di campionato che la squadra di Sousa deve vincere a tutti i costi dopo i due ko di fila contro Lazio e Milan che hanno allontanato la squadra viola dal vertice. Ma il clima che si respira attorno alla Fiorentina è tutt’altro che leggero. “Questo è il mercato, lo sappiamo”, ha detto Paulo Sousa alla vigilia della gara contro i granata, messaggio ben diverso rispetto al “è stata la peggior settimana della mia carriera”, quando Joaquin batteva i piedi per lasciare Firenze. Ma poco ci manca.

Empatia e unione albergano altrove. L’obiettivo è il medesimo, cercare di “crescere ed essere sempre ambiziosi” per dirla alla Sousa. Conquistare i tre punti e rilanciarsi nei piani altissimi del campionato detta in parole povere. Ma è il percorso ad essere diametralmente diverso. Perché lo ha ribadito anche Sousa: “siamo dove non pensavamo di essere, e non siamo stati costruiti per fare quello che abbiamo fatto”. Pensieri però diversi dal “siamo dove dobbiamo essere di Diego Della Valle a fine 2015”, ed anche da quelli del Presidente Operativo Cognigni in varie interviste di qualche giorno fa. Intanto gli arrivi di Tino Costa e Tello riportano un po’ di fiducia. In attesa del centrocampista e dei difensori.

Ma soprattutto, intanto c’è il Torino. Tre punti contro i granata sono di vitale importanza. Perché se è lampante come società e guida tecnica sembrino andare a velocità diverse, è altrettanto vero che per continuare ad andare alla velocità di Paulo da Viseu contro il Toro servono a tutti i costi tre punti.