L’enigma Maxi Olivera: da Sousa a Pioli, riserva da 5 mln. La ‘maledizione’ del dopo-Alonso

85



Sempre terzini nel mirino. Con particolare riferimento alla corsia mancina. La sosta del campionato favorisce riflessioni, anche in ottica mercato invernale: serve (servirebbe) un terzino sinistro a questa Fiorentina. A destra Laurini e Bruno Gaspar garantiscono un rendimento in linea per una squadra da 9° posto, pur con caratteristiche diverse. Dall’altra parte, invece, Biraghi era partito bene ma pian piano messo in mostra i propri limiti, mentre Maxi Olivera poco garantisce come alternativa.

È la ‘maledizione’ del dopo-Alonso. E anche del dopo-Pasqual, se vogliamo. Ammirato e criticato, l’ex capitano viola, certo è che oggi proprio non sfigurerebbe. Non solo come figura da spogliatoio, anche in campo. Per non dire di Alonso, ovviamente. La 2° più grande plusvalenza dell’Era Della Valle (insieme a Vecino), dietro a Bernardeschi. Venduto al Chelsea a settembre 2016 per circa 23 milioni di euro, ora ne vale più del doppio. Dopo una stagione super con Conte (con tanto di Premier vinta). E fresca è la notizia che il Barcellona è pronta a fare follie (da 50 milioni) per arrivare allo spagnolo.

Al posto di Alonso, a fine mercato estivo 2016, arrivò proprio Maxi Olivera. “Maxi Olivera è l’unico giocatore che Sousa non conosceva, ma non c’era tempo: dovevo prendere un calciatore che mi permettesse di cedere Alonso avendo il sostituto. Maxi Oliveira Sousa lo scoprirà insieme a voi. Lui mi ha detto: “Mi fido”. Il giocatore sarà all’altezza”, disse Corvino dopo l’arrivo dell’uruguaiano. Parole che restano nella mente dopo 14 mesi di prestazioni spesso anonime sul campo. Cinque milioni e cento mila euro totali, tra prestito e obbligo di riscatto, per acquistare Maxi Olivera (dati del bilancio viola). Non proprio pochi, per un classe ’92 che lo scorso anno si è ‘smezzato’ la fascia con Milic (con 26 presenze su 48 gare) e che quest’anno fa la panchina praticamente fissa in concorrenza con Biraghi.

Insomma, se al terzino ex Pescara si può comprensibilmente concedere ulteriore fiducia (è arrivato da due mesi), per l’uruguaiano è possibile tirare un bilancio abbastanza completo. In una situazione che evidentemente non soddisfa neanche lo stesso Maxi Olivera, che dopo le voci estive potrebbe lasciare Firenze a gennaio. Non è un caso che il suo procuratore abbia fatto visita a Corvino la scorsa settimana, così come si sia tornati a parlare di Santon come possibile sostituto.

85
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Sergiser
Tifoso
sergiser

Ma come mai ora Alonso difende anche bene ! glie la insegnato Conte ? e come mai Biraghi non rispetta neppure la posiziopne in campo essendo sempre fuori dela sua zona oppure sta davanti all’attaccante …..a 2 o 3 metri e quando quello tira gli gira le spalle ? ma Pioli è stato un difensore o no e queste elememtari nozioni xche non le insergna ? o se lo fa allora Il Birfaghi è da tenere in panca.. Non capisco ho visto in due amichevoli di pre-campionato Milenkovic e mi ha impressionato ha una classe innata possibile che non sia… Leggi altro »

gianni usa
Ospite
gianni usa

L’enigma non c’e’.non gioca perche’ e’ scarso.

pratociri
Ospite
pratociri

Ennesimo bidoncorvino

Mario Faccenda
Ospite
Mario Faccenda

Preso per preso proviamolo alto sulla sx o interno a sx in un centrocampo a 3. Inutile insistere a fargli fare il terzino. FV.

Ponzio
Tifoso
ponzio

Alonso a FIrenze faceva il terzino in maniera accettabile, cioè non sapeva difendere ma attaccava molto bene. La vendita resta un’operazione logica vista la cifra. Con Conte fa l’esterno e attacca soltanto. Infatti segna moltissimo ma ha meno compiti difensivi. Nessun rimpianto e nessuna soddisfazione. La fiorentina avrebbe tenuto un terzino che non sapeva difendere e avrebbe rinunciato ad una buona entrata. Semmai la domanda è se a 5 milioni non poteva comprare qualcuno più affidabile.

S.Schwarz
Tifoso
S.Schwarz

Non c’era tempo? Bastava averne comprato in precedenza uno migliore di Milic, peggiore addirittura di Olivera. Non credo che la cessione di Alonso sia stata un’improvvisata dell’ultimo minuto. Sicuramente ci sarà stata trattativa, il Chelsea avrà sondato il terreno quindi la dirigenza sapeva perfettamente che c’era la possibilità concreta che Alonso fosse ceduto. E Corvino mi va a prendere Milic prima e Olivera poi. Ok, ma il risultato è che tutte le squadre della serie A, escluse forse, Benevento, Genoa e Crotone, hanno almeno un terzino sinistro migliore dei nostri. E aggiungo che anche sulla destra non è che siamo… Leggi altro »

Gianni
Ospite
Gianni

Il problema è sempre Corvino. 2012, ultimo anno a Firenze, un disastro, questi 2 ultime stagioni più o meno sulla stessa riga. Non è un direttore sportivo da media grande società, Compra quasi sempre giocatori mediocri e li spaccia per buoni, ottimi giocatori. La verità però è sempre il campo.

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Il suo più grande difetto, è la presunzione che arriva all’arroganza. Corvino non ammette mai errori e quando vede la mala parata, si nasconde. In più una cosa che non mi spiego e che si è scoperta solo da poco, la massa di soldi spesi in commissioni. Non voglio malignarci sopra, ma una spiegazione di questa cosa penso dovrebbe darla

Biba
Ospite
Biba

No..no…ci puoi malignare tranquillamente…è tutto un magna magna…insieme alla peggiore proprietà della storia è arrivato anche il peggior ds della storia…

enzo
Ospite
enzo

Abbasso i disfattisti ad oltranza, siete il NULLA … Forza VIOLA fino alla morte

SATANELLO VIOLA
Ospite
SATANELLO VIOLA

SII…… A ME MI SEMBRA INVECE LA MALEDIZIONE DEL PORTAFOGLIO…………………….

Ljuka
Ospite
Ljuka

Beh, insomma. Alonso alcune critiche se le è anche meritate, ma non possiamo fare confronti. Il buon Marcos ha fatto le sue brave castronerie a Firenze, d’accordo. Però era in una squadra con tasso tecnico neanche lontanamente comparabile a quello di oggi ed era più giovane e più inesperto; tuttavia ha fatto diversi spezzoni di campionato di alto livello… per poi perdersi in bicchieri d’acqua… mezzi pieni. Ciò nonostante è stato chiaro fin da subito che le sue doti fisiche (tante) e tecniche (un po’ meno), lo avrebbero portato a diventare un ottimo esterno, bastava solo migliorare applicazione e concentrazione.… Leggi altro »

Articolo precedenteNazionale: Astori supera il taglio, in 4 non ci saranno stasera. I numeri di maglia
Articolo successivoPedersen: “Non penso all’offerta estiva della Fiorentina. Voglio la Bundesliga”
CONDIVIDI