L’ex viola Ranieri presentato al Fulham: “In Premier come a casa mia”

2



L’allenatore romano è stato chiamato a salvare i Cottagers, servirà un impresa per centrare l’obiettivo

Nostalgia per la sua patria adottiva: così l’ex allenatore della Fiorentina, ma anche di Parma, Juventus, Roma, Chelsea, Leicester, Claudio Ranieri ha spiegato il suo ritorno in Inghilterra, la decisione di accettare la chiamata del Fulham, ultimo in classifica. Per salvare i Cottagers l’ex tecnico del Nantes è chiamato ad un’impresa non inferiore a quella che ha portato il Leicester al trionfo poco più di due anni fa.

Sentivo che dovevo tornare in Inghilterra – le parole di Ranieri nella sua prima conferenza stampa da manager del Fulham -. Sono andato all’estero l’anno scorso per chiudere la mia storia. Ma poi mi è tornata la voglia di essere qui. Non penso però a quello che ho conquistato in passato. Io guardo sempre avanti, e spero davvero di fare un buon lavoro“.

Dai tempi in cui allenava il Chelsea, nei primi anni del nuovo millennio, Ranieri possiede una casa non distante dal suo prossimo stadio. “E spesso, anche quest’anno, mi è capitato di venire ad assistere a partite del Fulham, perché amo il calcio. Sono venuto a vedere per esempio il debutto stagionale contro il Crystal Palace. In questa stagione il Fulham ha concesso troppi gol che hanno vanificato il buon gioco espresso dalla squadra. Ma non è colpa dei singoli, si attacca come si difende sempre in 11“.

Sono i numeri a confermare che la ricostruzione del Fulham non potrà che ricominciare dalla difesa: nelle prime 12 giornate i Cottagers hanno subito 31 gol. “La priorità sarà non subire gol. L’impatto con la squadra è stato positivo ma non c’è tempo da perdere. Non voglio però sentir paragoni con quanto capitato a Leicester. da oggi qui si parla solo di salvezza“.

2
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Soloviola
Ospite
Soloviola

Allenatore e persona di spessore, mai sopra le righe.

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Il suo 4 4 2 sarebbe servito alla Fiorentina, invece del caos semiorganizzato del piolo (ma proprio semi).

Articolo precedenteBologna, domani amichevole contro la Primavera
Articolo successivoItalia, Mancini: “La Nazionale non è mai morta”
CONDIVIDI