Lisandro il nome di Sousa, l’ag.: “Siamo in trattativa”. Idea Bressan (’95) per il domani

    0



    Lisandro LopezLisandro Lopez è l’obiettivo della Fiorentina, scrive Il Corriere dello Sport – Stadio. Argentino con passaporto spagnolo, abile nel gioco aereo sia in fase di difesa che di attacco con un discreto feeling con il gol (24 reti in 191 gare disputate tra Argentina, Spagna e Portogallo), con una personalità molto forte capace di trascinare sempre il gruppo: è lui il profilo ricercato da Paulo Sousa. 

    Il tecnico portoghese lo ha studiato nel dettaglio. Sa bene che può sistemarsi in più posizioni lungo la linea della difesa, all’occorrenza anche come centrocampista difensivo: c’è solo da convincere il Benfica. E dire che fino a poco più di un mese fa, Lisandro (Ezequiel) Lopez il campo lo vedeva solo in allenamento. Il ko fisico di Luisao ha rimescolato le carte in tavola e “Lichi” non ha perso tempo nel catalizzare su di sé i riflettori del calcio internazionale. «Siamo in trattativa – ha spiegato il suo agente Gustavo Goni -, dopo le vacanze vedremo cosa accadrà». Che la Fiorentina fosse sulle sue tracce lo aveva rivelato senza troppi giri di parole più o meno a metà novembre: «Già ad agosto c’erano stati dei contatti. Il ragazzo sarebbe felice di poter giocare a Firenze». Adesso, invece, a prevalere è piuttosto la prudenza. Intanto, il giocatore è rientrato in Europa dopo essere volato in questa pausa natalizia a Santa Fe, dal fratello Lucas calciatore pure lui del Club Atletico Platense con cui si è allenato in palestra e dal papà Pedro, calciatore pure lui e pure lui difensore centrale. 

    Dovranno essere abili i dirigenti viola a convincere Rui Costa, oggi direttore sportivo del club portoghese, a concedere il via libera al transfer del giocatore. Oltreoceano, in Brasile, invece si è tornati a raccogliere informazioni anche su Bressan, centrale di difesa classe 1995 di proprietà del Gremio. Passaporto comunitario (il giocatore ha origini italiane), nei mesi scorsi era stato seguito anche dall’Udinese: si tratterebbe di un investimento in prospettiva, sul quale i dirigenti viola stanno comunque lavorando. Di certo, non si potrà aspettare a lungo. Sousa non può permetterselo. Sa bene che il mese di gennaio è il più complicato per via dei tanti rumors di mercato e sa altrettanto bene che chiunque arrivi avrà necessità di ambientarsi: ecco perché ha chiesto ai suoi dirigenti di avere a disposizione i rinforzi necessari il prima possibile.