Lisandro: ultimatum al Benfica. 7-8 milioni l’offerta. Per Goldaniga offerti 3 Mln

    0



    Lisandro LopezDaniele Pradè, l’altra sera, ha chiarito le complicate dinamiche che circondano l’operazione Lisandro Lopez. Ha detto che la situazione si è fatta delicata (colpa dell’infortunio di Luisao) ma la Fiorentina non ha ancora rinunciato al difensore che Sousa aspetta e vuole dall’estate scorsa. Traduzione: la palla, adesso, è nelle mani del Benfica, ma è evidente che i viola torneranno alla carica. A breve. Probabilmente, le telefonate delle prossime ore assomiglieranno molto a un ultimatum, anche perché la Fiorentina non ha intenzione di mollare la presa. I soldi (i 7/8 milioni per conquistare il cartellino di Lopez) ci sono. Il giocatore – attratto dall’avventura italiana – non sembra aver cambiato idea. Dunque, il pressing sul Benfica che nel frattempo sta cercando l’alternativa a Lisandro (e a Luisao) lascia aperta l’ultima porta ai dirigenti viola. Che in ogni caso non vogliono aspettare oltre la metà del mese per risolvere la situazione.Al punto che, già l’altra sera, praticamente nei minuti post-ko con la Lazio, i dirigenti viola hanno deciso di sbilanciarsi in fretta anche in un’altra direzione. Da qui l’offerta messa sul piatto del Palermo per acquistare (subito) Edoardo Goldaniga, classe 1993, difensore centrale che ha un valore di mercato intorno ai 4 milioni e per il quale la Fiorentina è pronta a investire subito almeno 3 milioni di euro. Zamparini, di sicuro, su questa base non vuole trattare.Dopo Goldaniga, la pista più gettonata resta sempre Mexes, magari domenica (c’è Milan-Fiorentina) potrebbe proprio essere l’occasione giusta per capire il futuro del francese. Attenzione sempre a Izzo e De Maio del Genoa, soprattutto se le due squadre discuteranno di Giuseppe Rossi. O anche no.