Longo: “In C2 come in Champions. Quanto sono cambiati i DV: Diego mirava alla Juve”

9



Longo

Raffaele Longo, pilastro della Fiorentina che ripartì nel 2002: così a Viola Week, settimanale de La Nazione. Come è cambiato il rapporto dei Della Valle con Firenze? «Tanto, 15 anni fa non avrei mai pensato di sentire Andrea dire le frasi pronunciate dopo Reggio Emilia. Credo siano dichiarazioni dettate dall’amarezza, a mente fredda tornerà sui suoi passi ma i Della Valle che ho conosciuto io erano un’altra cosa. Entrambi erano molto vicini alla squadra, sentivamo la loro fiducia e ogni volta che parlava Diego ci dava una grande carica».

Ricorda un episodio in particolare? «Dopo la sconfitta contro il Grosseto per 2-0 e l’esonero di Vierchowod nello spogliatoio c’era un po’ di preoccupazione. Il ritardo dalle prime cominciava a diventare significativo e a Firenze la pressione era altissima. Diego ci convocò tutti nel suo ufficio allo stadio. Tutta la squadra e lo staff tecnico. Una chiacchierata da uomini, ci guardò negli occhi e ci disse che era sicuro che ce l’avremmo fatta perché eravamo più forti e la proprietà si fidava di noi. Ci trasmise grande tranquillità in un momento complicato».

Come si spiega questo suo allontanamento da Firenze e dalla Fiorentina? «Faccio fatica a spiegarmelo. Non lo avrei mai pensato. Aveva voglia di vincere, di salire subito fino alla A. La sua ossessione era la Juventus e ad ogni riunione ci ripeteva che dovevamo puntare a quel modello e arrivare lì prima possibile. Eravamo una grande famiglia, dal proprietario fin al magazziniere. Figure come Fagorzi o Romeo erano fondamentali e invece vedo che adesso vengono emarginate. Con questo non voglio giudicare o accusare nessuno, in Italia fare calcio è sempre più difficile e io devo dire grazie ai Della Valle per quello che mi hanno fatto provare quell’anno”.

Qual è il ricordo più bello? «Non è la solita frase fatta. Non ne ho uno in particolare. Quando fai la C2 con 40mila persone ogni domenica a vederti tutto è magico. Fu una stagione stupenda, ricordo la prima trasferta con 10mila viola al seguito, sembrava di giocare la Champions. Ho Firenze nel cuore, mi dispiace tantissimo non essere presente stasera ma mia figlia viene prima di tutto».

9
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
DeiXo
Ospite
DeiXo

Ah, li ha guardati negli occhi…Per questo hanno vinto il campionato.

gabibbobianconero
Ospite
gabibbobianconero

“La sua ossessione era la Juventus e ad ogni riunione ci ripeteva che dovevamo puntare a quel modello”
Mi pare ovvio, noi della Vecchia Signora siamo il riferimento per tutti.
E, francamente, dovreste riconoscergli che per un pò ha anche provato veramente ad imitarci: infatti a Calciopoli siete arrivati secondi.
ps: Meno male che il Real a Cardiff giocherà con la maglia viola, di solito a noi quel colore ci porta fortuna!

Altai
Ospite
Altai

Prima o poi la stola viola al collo la metteranno anche a te…..

Gazza
Ospite
Gazza

Forza Real gobbaccio malefico.vittoriosi solo rubando ladri

Lupo viola
Ospite
Lupo viola

Dite a Caressa cosa vogliono i tifosi Viola da Dellavalle, in queste dichiarazioni scoprite esattamente l’essenza dell’inca….volamento dei tifosi Viola. Fate un bel cartellone e ogni volta che qualcuno scrive ma cosa vogliono i tifosi gli riproponete le parole di Longo..

Junior
Ospite
Junior

Un uomo saggio. La famiglia prima di ogni cosa.

Conte Verde
Ospite
Conte Verde

Se fosse arrivato alla Juve, i gobbi non avrebbero vinto più nulla. A Torino i marchigiani sarebbero durati poco, così come a Milano, Roma, Napoli. Solo in una piazza come quella di Firenza possono stare a lungo all’insegna della mediocrità e con la bacheca vuota.

alebg
Ospite
alebg

Sono passati 14 anni da quando Diego puntava allo scudetto.
Si invecchia,ci si scotta col sistema calcio italiano,si capisce che senza stadio gli introiti a Firenze son troppo bassi ed e’ impossibile coprire il bilancio ogni anno a colpi di 20 milioni.
Le grandi squadre europee il mercato non lo fanno certo coi soldi dei presidenti proprietari.

Non odio i Dv,ci hanno regalato quarti posti e avventure europee fantastiche.

Ma ora se la banda e’ questa dovrebbero almeno mettere la societa’ in vendita.

Amicocatopleba
Tifoso
amicocatopleba

Diego mirava alla Juve. Allora mi sa che l’ha padellaha, maremma impestata.

Articolo precedenteGabriele Gori, il nuovo gioiello della Primavera. Un fiorentino in rete ogni 105′
Articolo successivoPiccini e l’addio al Betis: per il terzino futuro in Portogallo
CONDIVIDI