L’Osservatorio Calcio Italiano celebra Sousa: la vittoria tecnico-tattica di Paulo

2



Pressing alto sui portatori di palla, lanci lunghi a scavalcare la linea mediana, sortite offensive lungo l’out destro e per vie centrali, ricerca della conclusione a rete. Sono queste le quattro mosse tecnico-tattiche con le quali la Fiorentina di Paulo Sousa ha superato, dominando, la capolista Juventus.

Mantenendo in perfetta parità la percentuale di possesso palla (50% ciascuno) l’undici viola, però, si è contraddistinto per una manovra di gioco attenta (29 palloni persi contro i 40 dei bianconeri) ed aggressiva (30 recuperi sugli avversari contro i 25 della compagine guidata da Massimiliano Allegri). In fase di interdizione ottimo il contributo fornito da Matias Vecino (6 palloni recuperati, miglior dato tra i ventidue in campo) e Carlos Sanchez (4 palloni recuperati).

Proprio per non subire l’intraprendenza del centrocampo bianconero, la Fiorentina ha spesso optato per i lanci lunghi a scavalcare la mediana (24 contro i soli 14 degli avversari). Una variante tattica, questa, che ha permesso ai viola di arrivare facilmente alla fase offensiva sia lungo il tornante destro (8 attacchi rispetto ai quattro degli ospiti) sia attraverso gli inserimenti per le vie centrali (6 attacchi rispetto ai tre dei bianconeri). Numeri, questi, che hanno costretto Gianluigi Buffon ad intervenire in quattro occasioni, collezionando altrettante parate decisive.

In avanti ottima la sintonia tra il bomber Nikola Kalinic ed il giovane Federico Chiesa: il duo, in totale, ha collezionato quattro conclusioni a rete (due per ciascuno). Fondamentale anche il contributo fornito da Matias Vecino (due tiri) e Milan Badelj (una conclusione che è valsa il raddoppio dei viola).

Lo rileva il Report n. 1/2017 elaborato da Osservatorio Calcio Italiano.

2
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Walter
Ospite
Walter

Al sondaggio “Qual è la vostra vittoria preferita contro la Juventus?”, avevo risposto: la prossima.
Ora, questa è già passata, sarà così anche la prossima volta.
Forza Viola!!!!!!!!!!

marco mugello
Ospite
marco mugello

Una partita buona e quindici mediocri… tutti dicono che idea mettere Sanchez…. si, l’ idea della disperazione, e poi perchè non lo ha messo nelle venti partite precedenti dove Tomovic ha fatto cose terribili? oggi tutti forti e maschi, ma perchè in molte partite precedenti tutti svaniti e lentissimi? forse perchè la Juve fa fremere e Sousa fa addormentare ? E Tello ala di punta, messo sempre a centrocampo?? E Bernardeschi terzino per dieci partite? E il fatto che in casa contro le piccole che si chiudono facciamo partite banali, non ultima col Chievo? ma ci sono altri perchè, che… Leggi altro »

Articolo precedenteLe altre corrono: la vittoria con la Juve deve essere la svolta. La stagione è ancora lunga
Articolo successivo‘Andiamo a comandare’…anzi no. A Firenze non si passa. Viola imbattuti in casa
CONDIVIDI