Mareggini: “Borja Valero un campione. Neto è migliorato tanto, ma per il futuro…”

    0



    MaregginiL’ex portiere viola, Gianmatteo Mareggini, ha parlato a RadioBlu in vista della gara con la Juve. Sfida che evoca ricordi bellissimi per un portiere che parò un rigore storico ai bianconeri: “Juve e Fiorentina se la giocano alla pari. L’assenza di Borja Valero? Sarebbe un’assenza pesante, anche se nel calcio ci vorrebbe sempre un’alternativa, anche per i giocatori importanti… Lui però non è un giocatore come gli altri, è difficilmente sostituibile, un campione, come Batistuta ai miei tempi. L’assenza di questi campioni incide, anche se il gruppo è solido e coeso. È una squadra che ha un futuro, nonostante il presente sia un po’ annebbiato. Neto? Ad inizio anno non ero tra coloro che lo difendevano, ma con il lavoro si è meritato i miglioramenti che ha avuto. Deve continuare sicuramente a migliorarsi, poi andando nello specifico, nella tecnica, posso dire che lui sta facendo bene, ma nella costruzione di una squadra da vertici ci vorrebbe un altro portiere più esperto e più sicuro. Ma è un mio pensiero. I giovani portieri italiani? Tecnicamente gli italiani sono superiori agli stranieri, a livello di portieri. La realtà è che nel calcio non c’è la pazienza che c’era una volta. I portieri italiani forti ci sono. Le sfide con la Juve? In Europa ci possono essere più possibilità, anche per il fatto che la squadra sarà al completo, con Borja Valero ad esempio. Poi, anche dal punto di vista arbitrale, mi sento più tranquillo, verranno meno beccati dal pubblico e ci saranno meno condizionamenti psicologici rispetto agli arbitri italiani. Gervasoni e l’atteggiamento degli arbitri? Secondo me, visto che si parla sempre di giocatori che si comportano male, di cori razzisti eccetera, quando un arbitro sbaglia un atteggiamento bisogna prenderlo in considerazione. Con Borja Valero, per esempio, l’arbitro poteva dare un paio di giornate senza fare la sceneggiata di guardarsi la spalla come se gli fosse passato addosso chissà che cosa”.