Mario Gomez, l’ora della verità.. Forse convocato col Livorno?

    0



    Una data per il ritorno in campo non c’è, ma una certezza sì: Gomez oggi sarà a Firenze, anticipando di qualche ora il rientro dalle vacanze. E il perchè è presto spiegato, visto che oggi, o al più tardi domani, l’attaccante tedesco sosterrà una visita di controllo che — in caso di esito positivo — darebbe il via libera per tornare in gruppo e allenarsi con i compagni.
    Da quel momento il numero 33 viola si metterebbe alle spalle un periodo davvero difficile, lui che avrebbe voluto iniziare la sua avventura con la Fiorentina in maniera totalmente diversa. 
    Già, perchè dopo lo scontro con il portiere Agazzi del Cagliari (15 settembre), il panzer doveva rientrare a novembre, ma il tutto si è complicato per una infiammazione che ha fatto diventare di lessico comune la ‘zampa d’oca’ (il tendine comune a tre muscoli della zona del ginocchio). Infiammazione forse dovuta alla foga del giocatore di essere utile alla squadra. O forse molto più semplicemente perchè le cose dovevano andare così. Non lo sapremo mai.
    In ogni caso il rientro in una gara ufficiale non è stato ancora fissato e si torna nel campo delle ipotesi. Se non dovessero sorgere contrattempi, l’occasione giusta per rivedere Gomez sbucare dal tunnel che porta al campo potrebbe essere già il 5 gennaio. Supermario per la partita al «Franchi» contro il Livorno inizierebbe la partita dalla panchina e magari potrebbe giocare nel finale. Questo nelle intenzioni dello staff medico. Ma è molto più verosimile che il suo definitivo rientro potrebbe avvenire per la sfida successiva contro il Torino, la settimana dopo. Bisogna, comunque, fare i conti anche (e soprattutto) con le decisioni di Montella che, in tempi non sospetti, indipendentemente dal giorno del rientro in gruppo, indicava in due settimane di allenamenti il minimo per essere inserito nell’elenco dei convocati. Quindi, la prima di ritorno. 
    Lo aspetta a braccia aperte Montella, che potrebbe così tornare a schierare quella coppia che aveva iniziato ad ammirare nelle prime giornate di campionato e pagato dividendi altissimi nella trasferta di Genova contro i rossoblù: doppietta di Pepito Rossi e doppio centro anche per il tedesco. 
    Un innesto importantissimo per lanciare la volata alle squadre di testa, alla seconda fase della Europa League, dare più alternative e profondità all’attacco della Fiorentina. Lo aspetta una tifoseria che gli ha voluto bene sin dalla mega-presentazione di questa estate. E lo aspetta soprattutto Andrea Della Valle, che su di lui ha puntato forte, e non solo in termini economici.