Mario Gomez, ricomincio da…20 presenze e 4 gol

    0



    Gomez guingampMario Gomez e il suo ritorno dal 1° minuto. I tifosi e soprattutto Montella l’aspettavano da tempo e, finalmente, questa sera, lo riabbracceranno. Anche perché adesso inizia ad essere troppo pesante la sua assenza. Ad oggi, incisiva più della sua presenza. Da quando il tedesco è sbarcato in riva all’Arno, le sue prestazioni sono state poche e per la maggior parte deludenti. Ma soprattutto sono stati troppi gli stop, gli infortuni, i ‘momenti no’. Adesso è arrivato il tempo del riscatto, il momento di provare a cambiare la situazione. Possibilmente di ribaltarla.

    La partita contro il Paok Salonicco di questa sera, perciò, arriva al momento giusto. Sarà un match importante, che la Fiorentina non ha nessuna intenzione di sbagliare, ma che non crea eccessive pressioni. E proprio per questo, può essere la partita di Super Mario Gomez. Ma affinché lo sia, è necessario che il tedesco scenda in campo sereno, tranquillo. Senza la smania di dover fare gol ‘per forza’. Né la bramosia di dimostrare ‘a tutti i costi’ la sua forza (perché su quella, è pure superfluo discutere…). Adesso il numero 33 gigliato dovrà pensare prima di tutto alla squadra, poi a se stesso, senza sentirsi addosso la responsabilità di essere il ‘top player’ della Fiorentina. Il giocatore più pagato dell’era Della Valle. Questi pensieri li deve accantonare e pensare solo a ritrovare se stesso. La miglior condizione. E con un pizzico di fortuna, anche la porta.

    Se poi già stasera arrivasse un gol ‘sporco’ sarebbe la ciliegina sulla torta. Senza strafare, potrebbe ritrovarsi ad essere decisivo. Potrebbe sbloccarsi. Perché diciamoci la verità: a Mario sono mancate due cose, da quando è a Firenze: l’integrità fisica che gli consentisse di scendere in campo per un lasso di tempo accettabile, e la partita della svolta. Quella che… ‘una volta sbloccato, e chi lo ferma più?…’. Allora, in bocca al lupo a Mario per questo nuovo esordio. Che sia la volta buona… Perché le 20 presenze collezionate sulle 68 partite disputate dalla squadra da quando è arrivato in riva all’Arno sono poche. Troppo poche. Figuriamoci i 4 gol…

     

    ECCO LE PRESENZE DI GOMEZ IN VIOLA

    Stagione 2013-14: 6 presenze in Europa League (391 minuti) e 9 in campionato (496 minuti) = 15 presenze per un totale di 887 minuti

    Europa League:

    Grasshopper-Fiorentina 1-2 (90 minuti)
    Fiorentina-Grasshopper 0-1 (90 minuti)
    Esbjerg-Fiorentina 1-3 (34 minuti)
    Fiorentina-Esbjerg 1-1 (90 minuti)
    Juventus-Fiorentina 1-1 (23 minuti) 1 GOL
    Fiorentina-Juventus 0-1 (64 minuti)

     

    Campionato:

    Fiorentina-Catania 2-1 (90 minuti)
    Genoa-Fiorentina 2-5 (90 minuti)  2 GOL e 1 ASSIST
    Fiorentina-Cagliari 1-1 (49 minuti)
    Fiorentina-Inter 1-2 (22 minuti)
    Parma-Fiorentina 2-2 (31 minuti)
    Fiorentina-Lazio 0-1 (33 minuti)
    Juventus-Fiorentina 1-0 (77 minuti)
    Fiorentina-Chievo 3-1 (32 minuti) 1 GOL
    Napoli-Fiorentina 0-1 (72 minuti)

     

    Stagione 2014-15: 1 presenza in Europa League (90 minuti) e 4 in campionato (259 minuti) = 5 per un totale di 349 minuti

     

    Europa League: 

    Fiorentina-Guingamp 3-0 (90 minuti)

     

    Campionato:

    Roma-Fiorentina 2-0 (90 minuti)
    Fiorentina-Genoa 0-0 (57 minuti)
    Atalanta-Fiorentina 0-1 (90 minuti)
    Sampdoria-Fiorentina 3-1 (22 minuti)

     

    TOTALE PRESENZE IN CAMPIONATO: 13
    TOTALE GOL IN CAMPIONATO: 3
    TOTALE PRESENZE IN EUROPA LEAGUE: 7
    TOTALE GOL IN EUROPA LEAGUE: 1
    TOTALE PRESENZE IN VIOLA: 20 (PER UN TOTALE DI 1236 MINUTI)
    TOTALE GOL IN VIOLA: 4