Marvin Compper la certezza: col Genoa tocca ancora a lui

    0



    compperLa prima volta non si scorda mai. Marvin Compper ha firmato ieri il tabellino per la prima volta in maglia viola. Una consacrazione importante per il tedesco, che da quando è arrivato dall’Hoffenheim (25 gennaio 2013) si è guadagnato passo passo il diritto di essere uno dei leader dello spogliatoio di Montella. Un gol importante, tra l’altro, quello contro il Siena, decisivo per il passaggio alle semifinali di Coppa Italia. In generale, un’altra prestazione solida, fatta di interventi precisi e grande attenzione in fase di copertura. Un giocatore affidabile, insomma, un’alternativa importante che quasi mai ha tradito le attese in questo anno a Firenze. Una certezza per Vincenzo Montella, che sa di poter contare sul tedesco per far rifiatare i due titolari, Gonzalo Rodriguez e Savic. Ieri è toccato al montenegrino star fuori, domenica con il Genoa sarà invece l’ex Villareal a fermarsi causa squalifica. Al centro della difesa, dunque, ancora Marvin Compper.

     

    Il tedesco è arrivato a 19 presenze in maglia viola. Per un bilancio di tutto rispetto: 15 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte. Mica male, per quello che può essere considerato un vero e proprio amuleto per la squadra di Montella. Non un titolarissimo, ma un giocatore serio, professionale e sempre pronto per mettersi a disposizione del gruppo. La fascia di capitano in Europa League contro il Paços de Ferreira non fu del resto un caso: Compper è uno dei punti fermi riconosciuti del gruppo gigliato. Personalità, grandissima cultura e precisione: da ieri è arrivato anche il primo gol. Contro il Genoa toccherà a lui marcare il grande ex di giornata, quell’Alberto Gilardino andato a segno 8 volte in 19 gare di questo campionato.

     

    In attesa del mercato (anche ieri sia Montella che Andrea Della Valle hanno ribadito di voler fare qualcosa in difesa) la certezza si chiama Marvin Compper. Non una star da mettere sotto i riflettori, bensì un professionista dall’affidabilità assicurata. Ieri ha deciso la gara con il Siena portando i viola in semifinale di coppa. Domenica sarà ancora al centro della difesa per proteggere Neto ed il record di imbattibilità che in campionato dura da 473′ recuperi esclusi.

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteGilardino: “E’ sempre un piacere tornare al Franchi. La Fiorentina me la porto dentro”
    Articolo successivoFiorentina-Genoa, domenica sera al Franchi sfida numero 43: la storia dice viola….
    CONDIVIDI