Matri, le alternative e…che fare anche in chiave prossima stagione?

    0



    Esbjerg - Fiorentina Matos“Matri in campo? Lo vedrete domani… E’ un momento particolare, sto facendo tante valutazioni, voglio vedere l’ultimo allenamento e forse non mi basterà. La cosa positiva è che ho tante possibilità domani per giocare in un determinato modo o in un altro…” 

    Valutazioni da fare, quelle di Vincenzo Montella per la gara contro l’Udinese di oggi al Franchi, per il futuro immediato che si chiama finale di Coppa Italia, il vero ed unico obiettivo di questo finale di annata, e per il futuro prossimo, ovvero per la prossima stagione.

    Anche perché Alessandro Matri è arrivato in viola a gennaio in prestito secco. Le sue ultime tre uscite non hanno convinto né soddisfatto per niente, fosse non solo per gli almeno 4-5 gol clamorosi che si è divorato in stile Santiago Silva. A questo punto, è meglio continuare a spingere su di lui per capire se è o meno un giocatore sul quale poter contare anche in chiave prossima stagione, oppure è meglio buttare dentro qualche giocatore di proprietà, per capire i margini di miglioramento, e quanto siano da tenere qui o mandare a farsi le ossa?

    Se per quanto riguarda Ante Rebic non si è ancora capito dove siano le reali potenzialità, possibilità di crescita, e utilità di una sua permanenza a Firenze, e non le si capiranno fino alla prossima estate visto che come detto dallo stesso tecnico viola, per lui, la stagione è finita, ci sono altri elementi che attendono ancora nel limbo del si o no. Uno su tutti Ryder Matos. Il giovane brasiliano, classe 1993, è stato il mattatore dell’Europa League nella prima fase di stagione, dove ha messo a segno anche 3 reti, ma non gioca una gara da titolare dal 27 febbraio scorso, contro l’Esbjerg, nella partita di ritorno. In campionato non ha ancora mai segnato, e di gare da titolare ne ha giocate una sola, a Milano, contro il Milan, all’andata. Benché conti 31 presenze in stagione, quanto sia o meno meglio tenerlo a Firenze per l’anno prossimo concedendogli solo qualche spezzone di gara ogni tanto e magari la prima parte d’Europa League, o mandarlo a giocare in prestito sarà il dubbio da sciogliere in questa ultima parte di stagione, dove magari poter trovare anche il primo gol in Serie A.

    L’altro è Rafal Wolski. Il giovane polacco, classe 1992, è colui sul quale Montella ha sempre detto “è il giovane che più è cresciuto quest’anno”. Sta trovando un po’ di spazio in più, ma ancora non si è capito se è meglio che resti in viola o se deve essere mandato a farsi le ossa. A dir la verità ancora non si è capito se è un interno di centrocampo, o un trequartista puro, da far giocare in appoggio ad una punta in un 3-5-2 o se va meglio in un 4-3-2-1 con il doppio trequartista. Le sue presenze in stagione sono solo 11, con 5 partenze da titolare ed un gol.

     

    Valutazioni, appunto, da fare, per l’oggi, per il domani, e per il dopodomani. Intanto Rossi continua a lavorare, e come ha detto lo stesso Montella è anche avanti sulla tabellina di marcia. Sia per Pepito che per Mario Gomez è di nuovo partito il ‘totorientro’.  Se per il primo si parla di Bologna-Fiorentina (26 aprile), per il secondo si parla di Fiorentina-Roma.(19 aprile). Traduzione, entrambi dovrebbero poter essere abili, arruolabili, e più o meno in forma per la finale di Coppa Italia del 3 maggio contro il Napoli. 

    E per quanto riguarda le alternative, sono tante le possibili soluzioni per il tecnico viola in attacco per la gara contro l’Udinese.

    4-3-3 Matos in vantaggio su Matri come punta centrale, Cuadrado e Joaquin sugli esterni. 

    3-5-1-1 Ilicic o Wolski in appoggio a Matos/Matri 

    4-3-2-1 Wolski con Ilicic in appoggio alla punta..Difficile, perché se ce la fa Pasqual, allora Cuadrado gioca alto ed in questo modulo sarebbe fatto fuori.

    Insomma, tante alternative, tante possibili soluzioni. E tante valutazioni da fare. Con anche Ilicic, che non ha certo entusiasmato ed in questo finale dovrà dare e fare qualcosa di più. Tra giovani, e meno giovani, il tempo delle scelte di fine stagione, ed anche per la Finale di Coppa, passa anche da qui.