Maxi Olivera: “Non mi arrendo e aspetto un’occasione. In futuro voglio giocare”

3



Il terzino mancino della Fiorentina, Maxi Olivera, ha parlato a Fox Sports Radio Uruguay. Queste le sue dichiarazioni più rilevanti: “La verità è che quest’anno è stato complicato, abbastanza differente dalla stagione passata dove avevo giocato di più. E’ cambiato l’allenatore e sono arrivati nuovi giocatori, ma non stiamo ottenendo i risultati che ci eravamo prefissati. Io sto continuando ad allenarmi come sempre e aspetto che l’allenatore mi dia un’opportunità per giocare”.

Con la continuità che avevi ottenuto la scorsa stagione avevi pensato alla Nazionale? “Personalmente ho sempre pensato di giocare per cercare di mettermi in luce in un campionato come quello italiano che è molto importante. L’anno passato ho giocato abbastanza e sognavo di essere convocato, però non è facile perché ci sono molti giocatori forti. Con i giovani che sta convocando ultimamente diventa sempre più difficile, però l’illusione cresce quando uno disputa un campionato importante. Adesso che sto giocando poco si fa più dura. Ora cerco di pensare a riconquistarmi il posto o alla Fiorentina o da un’altra parte, per tornare a giocare e a riprendere confidenza”.

Astori? “E’ difficile parlarne. Avremmo dovuto giocare alle 15 contro l’Udinese, e la mattina a colazione ci hanno comunicato la notizia. Faticavamo a crederci. Ci sono molte cose che non ti aspetti, ma questa più di tutte rispetto alle altre, perché ero abituato a vederlo giorno dopo giorno. E’ stata molto dura apprendere tutto ciò da un momento all’altro, qualche minuto dopo che ci eravamo svegliati. La prima settimana più che mai è stata durissima. Dovevamo allenarci e stare insieme sapendo che mancava qualcuno. L’unico modo per andare avanti era pensare positivo, sapendo che Davide era una persona che voleva bene alla squadra, sempre positiva. L’unico modo per omaggiarlo è andare avanti e cercare di portare la squadra più in alto possibile”.

Pioli? “Un allenatore italiano che lavora molto sulla tattica e sul suo stile di gioco. Vuole molta intensità nella marcatura e nella pressione alla squadra avversaria. E’ un allenatore che ha dovuto lavorare con una squadra nuova e molto giovane, che è cambiata molto rispetto allo scorso anno. Credo che quest’anno sia servito per conoscerci, e negli ultimi tempi stiamo migliorando i risultati e la posizione in classifica, che non è quella prefissata ad inizio stagione, ovvero la qualificazione all’Europa League.

Come la società starà vicino alla famiglia Astori? “Ufficialmente il club non ha fatto sapere niente. Il Presidente lo ha detto a noi e anche pubblicamente che starà vicino alla famiglia, però non so in che modo e fino a quando. Sono uscite diverse versioni ma nessuna è ufficiale”.

E’ difficile alternarsi tra campo e panchina? “Giorno dopo giorno mi alleno per migliorare a livello difensivo prima e poi a livello offensivo,  ovvero quello che deve fare un laterale nel calcio moderno. La mia mentalità è quella di non arrendermi e cercare di invertire questa situazione”.

Il contratto fino al 2021 con la Fiorentina? “Voglio giocare e in questi mesi che rimangono continuerò a lottare per giocare. Poi vedremo, se sarà ancora qua sarei incantato perché veramente la Fiorentina è un grande club e Firenze è una città fantastica. Che sia qua o da un’altra parte cercherò di giocare, che è ciò che conta”.

 

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Tiziano69
Tifoso
tiziano69

Trasferisciti in serie B e vedrai che forse qualche partita in più la giochi…

Filippo
Ospite
Filippo

Tenevamo pasqual a 35 anni era meglio

Guidoviola
Ospite
Guidoviola

Forza Maxi! Domani avrai sicuramente la chance di passare ai fatti.

Articolo precedenteViolaclub 7Bello: “Il Mondo senza di te non sarà più lo stesso” (FOTO)
Articolo successivoFiorentina, via all’ultima parte di stagione: dare il massimo nelle difficoltà. Viola chiamati ad un’impresa
CONDIVIDI