Mazzarri, contro la Fiorentina può riproporre l’attacco leggero. I centrocampisti…

6



Quella di domenica sarà una sfida fra due squadre con problemi legate alle assenze. Montella non avrà Ribery, ma Mazzarri ha forse più problemi da gestire

La Gazzetta dello Sport in edicola stamani tratteggia quello che potrebbe essere l’assetto tattico del Torino contro la Fiorentina. Come contro il Genoa, Mazzarri dovrà fare a meno di Belotti infortunato e probabilmente sceglierà di rinunciare ancora a Zaza per i noti problemi fra i due. L’attacco potrebbe essere affidato a Berenguer e Verdi, ma il Toro avrebbe bisogno dei gol dei centrocampisti, fin qui tutti a quota zero, sottolinea la rosea.

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Ruiunico10
Tifoso
ruiunico10

ecco …. se fino a domenica erano a zero vedrai che lunedi non lo saranno piu’ ….

Albe47
Ospite
Albe47

Anche con le riserve Mazzarri non avrà problemi con la formazione che metterà in campo Montella
Troppo facile

Hatuey
Tifoso
Hatuey

Dacci la tua formazione che batte il Toro.

Ponzio
Tifoso
Famed Member

Mandrake a centrocampo, Spiderman sulla fascia… ragazzi Montella sarà anche scarso, ma i giocatori a disposizione sono quelli che sappiamo

Albe47
Ospite
Albe47

Con un allenatore come l’antipatico Gasperini o altri molto capaci come lui che ci sono in giro avevamo minimo 5 punti in più in classifica
Nessuno vuole la luna
Ma almeno qualche prestazione dignitosa i tifosi VIOLA se la meriterebbero

CVD
Ospite
CVD

Senza fare critiche, ti posso dare un indizio: se Chiesa recupera, per me basterebbe vedere Vlaovic o Pedro in attacco, con Sottil e Chiesa sulle fasce, e non a fare i tornanti magari. Questo schieramento dall’INIZIO, non al 78° quando magari ci hanno già insaccato un paio di volte. Poi magari la perdi lo stesso (ne dubito) però hai giocato per vincere e conquistare 3 punti, e non per pareggiare se ti dice culo, e prendere un punticino.

Articolo precedenteTorino, grana Zaza. Il litigio con Mazzarri può costargli ancora l’esclusione
Articolo successivoRinnovo Chiesa: la possibilità è concreta, ma c’è distanza sulla clausola rescissoria
CONDIVIDI